L’antisemitismo di Maradona

L’antisemitismo di Maradona

a050114_ot_v_maradona_v.jpg

Avevo sempre pensato che fosse un idiota, anche quando i suoi piedi erano d’oro. Ora siamo tutti certi che Diego Armando Maradona starebbe meglio a Cuba, che a dire stronzate in giro per il mondo. E’ vero che ne ha dette tante, ma quella di ieri è inquietante, quando ad un rappresentante del governo di Teherano ha detto: “Ho già conosciuto Fidel e Chavez, adesso voglio conoscere Ahmadinejad. Sono con il popolo iraniano, lo dico con tutto il cuore”. Parole di stima e simpatia nei confronti del macellaio di Teheran che hanno dato origine alla sdegnata reazione della comunità ebraica d’Argentina. Il giornale Iton Gadol ha pubblicato centinaia di email indignate arrivate in poche ore al giornale. Tutte molto simili: “comportamento scandaloso” a “re dell’esecrabile” fino ad antisemita, oppure “servo del presidente venezuelano Chavez”. E’ un imbecille, come già sospettava la camorra a Napoli.

Il Giorno d’Israele

Annunci