Hamas: “La guerra contro Israele continuerà anche se Gaza fosse inondata carburante”

Hamas: “La guerra contro Israele continuerà anche se Gaza fosse inondata carburante”

image_1977.jpg

La guerra dei palestinesi non finirà con l’arrivo del carburante nella striscia di Gaza: la guerra non finirebbe neanche se Gaza fosse inondata di carburante. Lo ha dichiarato Khaled Mashaal, capo del Politburo di Hamas (con sede a Damasco).

La lotta – ha continuato Mashaal – deve continuare fino a quando verrà tolto l’assedio alla striscia di Gaza e fino alla liberazione della Palestina, tutta la Palestina”.

Mashaal ha anche parlato dell’apertura con la forza della frontiera di Rafah fra Egitto e striscia di Gaza come di un importante successo, aggiungendo che il passaggio dovrebbe restare sempre aperto.
Il leader di Hamas ha fatto queste dichiarazioni intervenendo mercoledì davanti a centinaia di partecipanti alla “Conferenza nazionale per la protezione dei diritti e dei principi palestinesi”, che si è tenuta a Damasco.

Osteggiata dalle organizzazioni palestinesi affiliate all’Olp e in particolare dal Fatah del presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen), la conferenza ha visto la partecipazione di delegati di Hamas, Jihad Islamica, Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina-Comando Generale e altri gruppi palestinesi, oltre ad esponenti non affiliati ad alcuna organizzazione e a rappresentanti di gruppi siriani e libanesi.

Il convegno dei gruppi terroristi anti-israeliani avrebbe dovuto tenersi negli stessi giorni della conferenza di pace di Annapolis, lo corso novembre. Successivamente però, la decisione della Siria di presenziare a summit di Annapolis indetto dagli Stati Uniti ha suggerito lo slittamento di data.

Recentemente Abu Mazen aveva invano mandato degli emissari a Damasco per cercare di convincere le autorità siriane a cancellare l’appuntamento, sostenendo che esso aveva lo scopo quello di creare un’organizzazione alternativa all’Olp.

Ufficiali della difesa israeliana hanno definito “della massima pericolosità” la situazione che si è creata mercoledì con l’apertura forzata a Rafah della frontiera fra striscia di Gaza e Sinai egiziano. Secondo una fonte miliare israeliana, “il libero passaggio di palestinesi da e per l’Egitto incrementa in modo estremamente significativo le minacce alla sicurezza d’Israele che originano dalla striscia di Gaza”.

Martedì sera, infatti, il tentativo di dimostranti palestinesi di fare breccia alla frontiera hanno avuto successo.

Palestinesi armati hanno fatto esplodere diverse cariche lungo la barriera di cemento che divide la parte palestinese dalla parte egiziana di Rafah, e centinaia di palestinesi hanno iniziato ad attraversare il confine indisturbati. A quel punto le autorità egiziane, che nelle ore precedenti avevano cercato di disperdere i dimostranti palestinesi con la forza, hanno dovuto aprire il valico di confine che è stato poi attraversato nei due sensi da decine di migliaia di persone.

Hamas si è affrettata a dichiarare che l’assedio era stato finalmente spezzato, e che farina e medicinali avevano iniziato ad affluire dall’Egitto nella striscia di Gaza. Tuttavia, secondo fonti della difesa israeliana che seguono questi sviluppi con viva preoccupazione, il valico viene attraversato da ben altro che farina e medicine: “E’ evidente che, ogni volta che gruppi di civili attraversano quella frontiera, passano anche i terroristi con i loro equipaggiamenti, approfittando della situazione per le loro necessità. Ciò costituisce una minaccia che è assai difficile da fronteggiare, ma è chiaro che dovremo fare qualcosa per contrastarla”.

Recentemente Israele aveva vivacemente protestato per un incidente analogo quando centinaia di pellegrini palestinesi di ritorno dall’Arabia Saudita, dopo un braccio di ferro con le autorità egiziane, erano stati fatti entrate nella striscia di Gaza senza controlli. Allora Gerusalemme aveva accusato l’Egitto di non aver mantenuto gli impegni, cosa che ha ulteriormente raffreddato i rapporti fra i due paesi.

(Da: YnetNews, 23.01.08)

Nella foto in alto: Khaled Meshaal a Damasco (alle sue spalle, il simbolo di Hamas con la rivendicazione di tutta la terra, Israele compreso)

L’Egitto chiude un occhio sui traffici dei terroristi anti-israeliani

“La violenza è la nostra scelta”

Israele.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: