Libano: Beirut blindata per commemorazioni contrapposte

Beirut, 12:33

LIBANO: BEIRUT BLINDATA PER COMMEMORAZIONI CONTRAPPOSTE

Centinaia di migliaia di persone hanno gremito il centro di Beirut, per il terzo anniversario dell’assassinio dell’ex premier Rafiq Hariri, mentre a pochi chilometri di distanza si svolgevano i funerali di Imad Moughniyah, il capo militare delle milizie sciite di Hezbollah e uno degli uomini piu’ ricercati degli Stati Uniti, morto ieri in un attentato a Damasco. Esercito e polizia sono stati posti in stato di massima allerta per il rischio di scontri tra fazioni rivali filo e anti-siriane. Anche Israele, accusato da Hezbollah dell’omicidio di Moughniyah, e’ in stato di allerta.

Repubblica.it

Annunci

Mughniyeh, lo sciacallo sciita che uccideva ebrei e americani

Mughniyeh, lo sciacallo sciita che uccideva ebrei e americani

thumbnail_6159.jpg

Roma, 13 feb (Velino) – In Iran era noto come “lo Sciacallo sciita”. L’Fbi aveva messo su di lui una taglia da cinque milioni di dollari. Il super ricercato di Hezbollah, Imad Mughniyeh, ucciso ieri in un attentato a Damasco, è uno dei più importanti capi del movimento sciita libanese ed è il numero uno per quanto riguarda il settore militare. Ha infatti guidato i miliziani sciiti nella guerra contro Israele dell’estate del 2006 perchè conosce in modo dettagliato il territorio, essendo nato nella città di Sidone. Sarebbe lui la mente del sequestro dei due soldati israeliani che costrinse Israele ad attaccare il Libano. Era da tempo ricercato dai servizi segreti americani, per i quali si tratta di un personaggio molto pericoloso che almeno in due occasioni è stato costretto a cambiare le sembianze del suo volto per salvarsi la vita. Una di queste occasioni si è presentata nel 1997, quando viaggiava spesso tra il Libano, l’Iraq e l’Iran. Si tratta dell’uomo che ha ucciso più americani prima dell’11 settembre e per questo è chiamato da alcuni specialisti israeliani “il Bin Laden sciita”. Ha sempre evitato di apparire in televisione ed era chiamato dal segretario generale di Hezbollah, Hasan Nasrallah, il “Hajj (pellegrino) Imad”. I due erano molto vicini ed avevano ruoli quasi paralleli. Se Nasrallah è considerato il capo politico del gruppo, Mughniyeh era invece quello militare.

Nato nel luglio del 1962 a Sidone si trasferì con la sua famiglia nella periferia meridionale di Beirut dove studiò fino alle scuole superiori. Una volta adulto, frequentò per un breve periodo l’università americana della capitale libanese senza laurearsi. All’inizio degli anni Ottanta operò nelle milizie del gruppo palestinese di al Fatah allora presenti a Beirut, per poi trasferire la propria esperienza militare prima nel gruppo sciita Amal e poi in Hezbollah dopo il 1982, quando il gruppo palestinese lasciò la capitale. Giunse nelle milizie sciite nello stesso momento in cui, sempre da Amal, giungeva anche Nasrallah ed entrò nella lista dei ricercati delle autorità americane e francesi in quello stesso periodo. Compì infatti nell’aprile del 1983 un attentato contro l’ambasciata di Washington in Libano, uccidendo 63 americani. Poi fecero esplodere la sede dei marines di Beirut, uccidendo 241 americani e infine colpì il campo militare dei soldati francesi nella Bekaa uccidendo 58 cittadini transalpini. Per due anni entrò in clandestinità e non apparve più in pubblico andandosi a nascondere all’estero. Nel 1990 tornò a Beirut con un passaporto diplomatico iraniano. Secondo Asharq al Awsat, Mughniyeh avrebbe anche contribuito ad addestrare i miliziani del leader radicale sciita ribelle Moqtada Sadr a combattere le truppe della coalizione a Najaf.

È ritenuto responsabile dell’attentato compiuto a Buenos Aires nel 1994 contro un centro ebraico, dove morirono 85 persone ed è sospettato di aver partecipato all’attentato di al Khobar in Arabia Saudita compiuto nel 1996 dove persero la vita 19 militari americani. Mughniyeh incontrò inoltre in quegli anni in Sudan il leader di al Qaeda, Osama Bin Laden e il suo vice Ayman al-Zawahiri. L’intelligence americana sospetta inoltre che abbia avuto un ruolo dopo l’11 settembre nello spostamento di dirigenti di spicco di al Qaeda dall’Afghanistan all’Iraq attraverso l’Iran, dove godeva di buone amicizie essendo legato alle guardie della rivoluzione iraniana. Tra le persone portate a Teheran ci sarebbero il figlio di Osama Bin Laden, Saad, e Muhammad Islamboli, fratello di Khaled Islamboli, che ha compiuto l’omicidio del presidente egiziano Anwar Sadat. Il 26 ottobre del 2001, il vicesegretario alla Difesa Paul Wolfowitz apprese da un briefing della Defense Intelligence Agency che tra l’Iran e l’Afghanistan – che allora era la fortezza-rifugio della massima gerarchia di al Qaeda – operava una rat line, una scappatoia per i topi appoggiata pienamente dal governo di Teheran. Era una rotta particolarmente importante perché permetteva agli estremisti, con la complicità iraniana, di non avere il passaporto timbrato e quindi di nascondere alle dogane occidentali i viaggi in Pakistan e in Afghanistan: un dettaglio essenziale per gli islamisti che debbono infiltrarsi sotto copertura.

Mughniyeh era uno dei registi di queste operazioni di copertura. Una volta varcato il confine, era dato loro il benvenuto in campi speciali fuori della città iraniana di Mashad. Quindi, ricevevano documenti di viaggio freschi che permettevano loro di arrivare in Europa e da lì in America – come fecero almeno otto dei dirottatori sauditi dell’11 settembre – senza destare sospetti. Mughniyeh è l’unico terrorista che si avvicinò al portare a termine un obbiettivo considerato “impossibile”: piazzare una bomba a bordo di un aereo della El Al, la compagnia aerea israeliana. Il 12 aprile 1997 si trovò a sole due ore dal compimento del suo piano. Un uomo, dal nome di Andrew Jonathan Neuman, avente con se un falso passaporto inglese, si trovava in una camera d’albergo di Gerusalemme intento a mettere a punto una bomba da portare con sé a bordo dell’aereo della El Al. Neuman era prenotato su quel volo. A causa di un proprio errore l’ordigno esplose. Seppur gravemente ferito, Neuman rivelò il suo obiettivo. Disse inoltre che la sua vera nazionalità era libanese e che l’intera operazione doveva essere un “regalo” per Israele da parte di Imad Mughniyeh.
(Giulio Meotti)

Il Velino

La sventura di Sderot – I bambini in prima linea

Il Fondo per le Vittime del Terrorismo, sostenuto dal Keren Hayesod e dal UJC (USA), in azione a Sderot

10 febbraio 2008 / 4 Adar I 5768

Dal sito dell’Agenzia Ebraica per Israele

image003.jpg

Fotografie: per gentile concessione del fotografo Haim Orenstein

I miracoli non continuano a ripetersi in eterno e lo scorso sabato 9 febbraio sono improvvisamente finiti, quando la gamba sinistra di Osher Tuito, 8 anni, è stata amputata dalle schegge di un razzo kassam caduto a pochi metri da lui.

Era andato al locale bancomat per prelevare il denaro necessario ad acquistare un regalino per il compleanno di suo padre. Nell’attacco è stato colpito anche suo fratello maggiore, Rami Tuito, 19 anni. Entrambi sono stati feriti gravemente durante il fuoco di fila di razzi kassam che sabato scorso ha martoriato Sderot. In un primo momento sono stati ricoverati presso l’ospedale Barzilai di Ashkelon, ma data la gravità delle loro condizioni sono stati poi trasferiti all’ospedale Tel Hashomer d Ramat Gan, che è specializzato nella cura di questo tipo di ferite. Là si sottoporranno alle cure necessarie, trascorreranno il periodo di convalescenza e, se va tutto bene – come si spera – affronteranno la riabilitazione. La gamba sinistra di Osher è stata amputata dopo che i dottori, nonostante tutti i loro sforzi al limite dell’eroismo, non sono riusciti a salvarla e dopo che il bambino era rimasto privo di conoscenza per molte ore.

La notizia che i due ragazzi erano stati feriti si è diffusa in un lampo tra gli attivisti coinvoilti nel progetto Giovani Futuri nel sud d’Israele. Dopo lo schock iniziale, il personale dell’Agenzia Ebraica si è subito messo in moto per assistere la famiglia e tutte le persone direttamente coinvolte nei fatti. Prima di tutto hanno contattato Tami Betito, il consigliere del progetto Giovani Futuri che, all’interno del programma, era direttamente responsabile per Osher. In un effetto domino di atti di gentilezza e generosità, tutte le persone in qualche modo coinvolte nel progetto hanno voluto partecipare. Tutti si sono impegnati a prendersi cura del ragazzo, in particolare, e di Sderot, in generale.

L’Agenzia Ebraica e i suoi partner sono al fianco di Sderot dall’inizio del blitz di razzi kassam, offrendo sostegno finanziario attraverso il Fondo per le vittime del terrorismo, rimodernando i rifugi antimissile, riparando il centro per il trauma di Sderot, offrendo oasi di pace ai bambini e ai giovani di Sderot e sviluppando altri programmi di assistenza.

L’Agenzia Ebraica per Israele sta offrendo assistenza finanziaria immediata alle vittime dei bombardamenti di razzi kassam a Sderot, grazie alla recente decisione di usare i fondi del Fondo per le Vittime del Terrorismo per assistere subito questi cittadini. Il Fondo per le Vittime del Terrorismo è sottoscritto dal Keren Hayesod e dall’Unione delle Comunità Ebraiche.

A causa dell’escalation dei bombardamenti contro Sderot e contro le comunità limitrofe, il mese scorso il Fondo per le vittime del terrorismo ha stanziato più di 300.000 dollari per l’assistenza finanziaria immediata delle vittime dei razzi kassam, in attesa degli aiuti che riceveranno dal governo.

Le famiglie destinatarie degli aiuti di emergenza dal Fondo per le vittime del terrorismo, riceveranno subito 1.100 dollari per l’acquisto di cibo, medicine, prodotti di prima necessità danneggiati dai razzi kassam, ecc. questa donazione verrà pagata alle famiglie immediatamente per coprire le spese dei loro bisogni personali che non sono coperte da altri enti coinvolti nell’assistenza alle vittime dei razzi kassam.

Aiuta noi per aiutare loro – Dona ora!

Gaza, Merkel: “Qassam causa della sofferenza palestinese”

Gaza, Merkel: “Qassam causa della sofferenza palestinese”

Il comunicato congiunto con il premier israeliano Olmert

Il cancelliere tedesco Angela Merkel, impegnato in una visita nello stato d’Israele, ha sostenuto ieri in un comunicato congiunto con il premier israeliano Ehud Olmert, che il primo passo per far cessare le sofferenze del popolo palestinese è quello di “porre fine agli attacchi dei militanti con i razzi Qassam”. Secondo il cancelliere “La situazione umanitaria a Gaza è difficile e stiamo cercando di aiutare il più possibile, ma prima di tutto devono smettere di colpire le città israeliane”, perché quello che la Germania congiuntamente vuole assieme ad Israele è che “la situazione a Gaza migliori. Ma nel territorio si fa terrorismo a spese dei civili”.

Liberali per Israele