“Sono ebreo!” Sei anni fa veniva ucciso Daniel Pearl

“Sono ebreo!” Sei anni fa veniva ucciso Daniel Pearl

400px-daniel_pearl_highres.jpg

“Sono ebreo”. Con queste parole Daniel Pearl veniva costretto a congedarsi dalla vita, dalla famiglia, dalla moglie e dal figlio che doveva nascere quando venne sequestrato e assassinato. Con queste parole, “sono ebreo, mio padre è ebreo, mia madre è ebrea”, gli islamisti pakistani sgozzarono Daniel Pearl. È da poco trascorso il sesto anniversario dalla morte del giornalista del Wall Street Journal. Daniel era andato tra Afghanistan e Pakistan a seguire le tracce che portavano a Bin Laden. I fotogrammi della sua morte finirono in mano alla Cnn e ad altre emittenti internazionali pochi giorni dopo l’assassinio, ma prima che il corpo senza testa di Pearl fosse ritrovato.

Pearl era scomparso il 23 gennaio 2002 mentre si trovava a Karachi, nel Pakistan meridionale, dove stava cercando di entrare in contatto con gruppi islamici radicali legati ad Al Qaida. Il Movimento nazionale per la rinascita della sovranità del Pakistan, affiliato al movimento islamista internazionale, rivendicò il sequestro, accusando Pearl di essere un agente della Cia. Il Pakistan mise in piedi una colossale campagna per rintracciarlo. La moglie di Pearl, Marianne, allora incinta di sei mesi, lanciò disperati appelli ai rapitori. L’11 febbraio fu arrestato a Lahore Ahmed Saeed Omar Sheik, il regista del rapimento. Ma dieci giorni dopo la morte di ogni speranza. Fu recapitata una videocassetta con la registrazione dell’esecuzione di Pearl: le immagini mostrarono il giornalista che ammetteva di essere ebreo e riconosceva che i musulmani erano stati ingiustamente perseguitati, quindi una mano che lo afferrava per i capelli mentre un’altra con un coltello gli recideva la carotide. Il filmato si chiudeva sull’inquadratura del corpo del giornalista senza testa.

Il suo cadavere decapitato fu ritrovato a Karachi il 17 maggio 2002. Secondo gli investigatori americani furono Khalid Sheikh Mohammed, ex capo operativo di Al Qaida, e uno dei luogotenenti di Bin Laden, a uccidere il giornalista che attese la morte per ore, resistendo a tutti i tentativi dei carcerieri di somministrargli sedativi. Ha visto la propria morte in faccia Daniel Pearl. E’ stato sgozzato come si fa con agnelli, capre e montoni in occasione della Id al Adha, la festa musulmana che annualmente segna la fine del pellegrinaggio alla Mecca.

Il quotidiano israeliano Yediot Aharonot rivelò che Pearl aveva un passaporto israeliano. Dettaglio tenuto segreto da amici, colleghi e parenti per evitare di rendere ancora più precaria la sua situazione. Non era un giornalista di guerra. Non era neanche un reporter d’assalto. Era un uomo gentile, mite, allegro e amante della musica. Non certo il tipo da esporsi a rischi inutili. Sul lavoro però era molto tenace e quando trovava una storia non mollava l’osso. “Un bravissimo giornalista ed un carissimo amico”, avrebbe detto con la voce rotta dall’emozione Peter Kann, uno degli editori del prestigioso quotidiano di New York. “Era l’opposto di molti altri giornalisti, sempre ‘gasati’ e aggressivi, proprio l’antitesi del reporter-cowboy”, ha detto Alecia Swasy, una ex collega che ora lavora per il St. Pittsburg Times.

Era nato 38 anni prima a Princeton, nel New Jersey. Suonava il violino e alle feste dava sempre dei piccoli concerti. Bernard Henri Lévy ha raccolto e raccontato la storia in Chi ha ucciso Daniel Pearl (Rizzoli). Lo scrittore francese è andato a Karachi, crocevia del terrorismo, a Kandahar, a Los Angeles, a casa della vittima, e infine a Londra, per incontrare la famiglia e gli amici del suo carnefice, Omar Sheikh.

In Pakistan Pearl aveva indagato sui legami tra Richard Reid, il britannico con le scarpe imbottite di esplosivo, arrestato mentre tentava di farsi saltare in aria sul volo Parigi-Miami il 22 dicembre del 2001, e gruppi terroristici pachistani, sostenuti dai servizi segreti. Un’inchiesta che lo porta forse a scoprire troppo su uno dei segreti meglio custoditi di Al Qaida, il tentativo d’impossessarsi del nucleare. L’assassino islamista Ahmed Omer Saeed Sheikh, che ha confessato di aver partecipato nel 2002 al rapimento e allo sgozzamento del giornalista, non era un predicatore allevato nel chiuso di una scuola coranica. Era nato in Gran Bretagna, il padre ricco pachistano commerciante di tessuti orientali e la migliore educazione occidentale, frequentando scuole private e riportando ottimi voti. Nel 1992 era arrivato alla London School of Economics, uno dei college di maggior prestigio della capitale inglese.

Grazie a Liberali per Israele

Annunci

4 Risposte to ““Sono ebreo!” Sei anni fa veniva ucciso Daniel Pearl”

  1. Bennauro Says:

    Ho letto lentamente tutto l’articolo. Mi si spezza il cuore ogni volta che leggo la storia di Daniel Pearl (per non parlare poi di questa bellissima foto che avete postato).
    Non ci sono parole…

  2. Bennauro Says:

    Non posso non pubblicarlo sul mio blog!
    Vi ringrazio anticipatamente…!

  3. Focus on Israel Says:

    Fai pure! Con tutte le volte che lo abbiamo fatto noi!….:)

  4. ariela Says:

    E’ vero, si spezza il cuore, ma provo anche tanta rabbia, tanta avversione per questi fanatici crudeli e violenti.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: