Gaza, esplode la crisi annunciata

Gaza, esplode la crisi annunciata

di FEDERICO PUNZI

[03 mar 08] Quanto avevamo anticipato (“Israele è pronta per l’offensiva a Gaza”) sta accadendo. Nessuna dote in particolare, se non l’accortezza di prestare attenzione a quanto accade in Medio Oriente anche quando sono i razzi di Hamas a colpire le cittadine israeliane. E, come previsto, i media occidentali sono di nuovo tornati ad occuparsi del problema solo nel momento in cui è scattata la reazione israeliana, contro cui risuonano le reprimende “onusiane” ormai di rito, che bollano la reazione come “eccessiva e sproporzionata”. Se di “sproporzione” ha peccato Israele nei suoi atti di legittima difesa, si è trattato di una sproporzione per difetto, tanto che da minacce come il lancio di razzi dalla striscia di Gaza non è ancora al riparo. Non ci sorprendiamo più se il titolo che il Corriere della Sera sceglie per la sua analisi (“Sotto le macerie una vittima comune: il negoziato di pace”) fa eco alla dichiarazione del negoziatore capo palestinese Saab Erekat: il processo di pace con Israele “è ormai sepolto sotto le macerie di Gaza”. La “pace” stranamente non viene mai data per sepolta sotto le macerie provocate dai razzi di Hamas. Ancora non è chiaro che tipo di offensiva abbia deciso di lanciare il governo israeliano, anche se vari indizi ci inducono a propendere per un’operazione su larga scala, con raid aerei e invasione di terra, allo scopo di annientare Hamas, anche se certamente non mirata ad una nuova occupazione. Per Olmert sarà imperativo categorico questa volta non ripetere gli errori commessi contro Hezbollah in Libano.

Da ben sette anni, quotidianamente o quasi, cade una pioggia di razzi Qassam su un paio di cittadine israeliane (Sderot e Askhelon) ai confini con la striscia di Gaza, da cui – vale la pena di ricordarlo – Israele si è completamente ritirato ponendo fine definitivamente all’occupazione. Ma in questi ultimi mesi Hamas e Jihad islamica sono riusciti a potenziare gittata e forza esplosiva dei razzi, ora in grado di fare più vittime: solo nei due giorni precedenti l’incursione, un morto e un ferito (un bambino colpito nel salotto di casa). Naturalmente una reazione di forza israeliana è proprio ciò che Hamas sperava di suscitare, speculando sulla pelle della popolazione palestinese: sia per accreditarsi presso i palestinesi della Cisgiordania, rimasti sotto l’autorità più moderata di Abu Mazen, come l’unico movimento che prosegue la lotta contro Israele; sia perché, trasformando Gaza in un nuovo caso umanitario capace di mobilitare la solidarietà internazionale, auspica di poter costringere prima o poi qualche vicino, la stessa comunità internazionale o addirittura Israele, a un gesto, un passo che implicitamente costituisca un riconoscimento politico alla sua autorità sulla striscia di Gaza. Israele, pur consapevole di fare il gioco di Hamas, non poteva più evitare di agire. Ormai da molto tempo la pressione dell’opinione pubblica sul governo Olmert stava aumentando. L’idea di una pace con Hamas è del tutto irrealistica, perché si tratta di un’organizzazione fondamentalista e terroristica che ha iscritto nella sua carta costitutiva l’obiettivo di distruggere lo Stato ebraico. Una tregua permetterebbe solo ad Hamas di sfruttare la calma momentanea per rafforzare le sue milizie e il suo potenziale distruttivo. Le operazioni militari su scala ridotta tentate in passato non hanno risolto il problema del lancio dei Qassam, sempre ripresi pochi giorni dopo la loro conclusione, senza neanche risparmiare a Israele critiche e contraccolpi negativi in termini di immagine.

Per questi motivi e per la particolare situazione strategica, che vede Israele oggetto di molteplici tentativi di accerchiamento (oltre ad Hamas, Siria, Hezbollah, Iran), è probabile che l’offensiva attuale sia mirata a porre definitivamente fine al governo e a qualsiasi potere di Hamas sulla striscia di Gaza, attraverso la sistematica distruzione, una per una, di tutte le sue istituzioni, militari e civili, e roccaforti. E quindi, in prospettiva, a porre le basi per il ripristino sulla striscia di Gaza dell’autorità del presidente palestinese Abu Mazen. Sarebbe l’unico modo di far cessare stabilmente il lancio di missili Qassam sulla popolazione israeliana. Tale operazione coinvolgerebbe inevitabilmente la popolazione civile palestinese. Anche perché, mentre sono indirizzati verso Israele i soliti ipocriti rimbrotti da parte della comunità internazionale, Hamas conduce una guerra irregolare, di cui poco si parla, condannata da tutte le convenzioni, senza divisa e mischiandosi tra i civili, che usa come scudi umani. L’offensiva contro Hamas potrebbe anche provocare un’estensione del conflitto. Gli Hezbollah, ansiosi di vendicare la morte di uno dei loro leader, Imad Mughniyeh, potrebbero essere tentati di aprire un secondo fronte, impegnando Israele a nord. Secondo alcune fonti militari, navi da guerra americane starebbero raggiungendo le coste di Israele e Libano, pronte a intervenire nel caso in cui gli Hezbollah aprissero un nuovo fronte nel sud del Libano o il boicottaggio dell’elezione del nuovo presidente del Paese dei cedri sfociasse in aperta guerra civile.

Dal punto di vista politico, Stati Uniti e Unione europea (quest’ultima non senza mugugni e appelli di facciata alla pace) dovrebbero fornire copertura diplomatica all’offensiva israeliana, ma il rischio è che, come al solito, con il protrarsi e l’inasprirsi delle operazioni militari comincino ad esercitare pressioni per un cessate-il-fuoco troppo anticipato rispetto ai tempi necessari per il conseguimento degli obiettivi militari. Certamente, tra le cause di questa ennesima crisi vi sono l’indifferenza della comunità internazionale, e la scarsa incisività delle politiche americane ed europee, riguardo le tre gravi minacce che si stanno addensando contemporaneamente su Israele. Dopo il golpe di Hamas si è lasciato che si deteriorasse la situazione nella striscia di Gaza, divenuta base di attività terroristiche esattamente come l’Afghanistan per Al Qaeda. Per ora né l’Onu né gli sforzi diplomatici di Stati Uniti e Unione europea sono riusciti a fermare o a rallentare lo sviluppo della bomba atomica da parte dell’Iran, che ha fatto della cancellazione di Israele dalle carte geografiche un suo obiettivo esplicito. Il confine con il Libano non è affatto stato neutralizzato. Nonostante la presenza della missione internazionale Unifil, le milizie di Hezbollah, finanziate dall’Iran, non solo non sono state disarmate, ma si stanno riarmando, mentre le fazioni filo-siriane stanno ostacolando l’elezione del nuovo presidente della Repubblica, nel tentativo di gettare il Libano nuovamente in una condizione di caos funzionale all’influenza siriana e iraniana sul Paese. Insomma, sembra che Israele ancora una volta potrà contare solo sulla sua forza militare e sul suo diritto all’autodifesa.

Ideazione.com

Annunci

Una Risposta to “Gaza, esplode la crisi annunciata”

  1. Bennauro Says:

    Eppure da stamattina i Terroristi di Hamas e i loro tifosi occidentali gridano di aver vinto la guerra contro Israele!
    A me dispiace molto che sia finita cosi…!
    E’ un lavoro fatto “poco e male”…
    In pratica non cambia proprio niente.
    Hamas continuera’ a lanciare missili, piu’ di prima e piu’ lontano di prima.
    Israele ci pensera’ per altri sei mesi prima di decidere il da farsi…
    Mi chiedo: che segnale ha dato Israele agli Hizbullah di Nasrallah?
    Per me…un gran brutto segnale!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: