Desmond Tutu incontra il leader di Hamas Haniyeh per conto dell’Onu

Desmond Tutu incontra il leader di Hamas Haniyeh per conto dell’Onu

Il vescovo anglicano sudafricano Desmond Tutu, già premio Nobel per la pace, è giunto mercoledì in «missione umanitaria» a Beit Hanun, nella Striscia di Gaza, teatro nel 2006 di un attacco di artiglieria israeliano costato la vita a una ventina di palestinesi, di un unico nucleo familiare.

Tutu, che era arrivato a Gaza martedì attraverso il confine egiziano, sta svolgendo una investigazione su quell’episodio, per il quale era stato già incaricato a suo tempo di compiere una verifica nell’ambito di una missione dell’Onu abortita nell’immediateza dei fatti per la mancata concessione dei visiti da parte di Israele. Gerusalemme ha sempre ammesso la responsabilità dell’attacco, escludendo tuttavia ogni deliberata intenzione di colpire civili e addebitando l’accaduto a un guasto tecnico del sistema di puntamento.

A margine della visita odierna a Beit Hanun, Tutu ha incontrato dirigenti sia locali sia centrali di Hamas, incluso l’ex premier Ismail Haniyeh, e ha rivolto un appello pubblico a entrambe sia agli israeliani che ai palestinesi per una tregua e per la fine di ogni violenza contro civili. Il vescovo sudafricano è il secondo premio Nobel per la pace a rendersi protagonista di colloqui con i vertici di Hamas, dopo quelli avuti di recente, ma in Egitto e non a Gaza per la negazione del visto da parte di Israele, dall’ex presidente americano Jimmy Carter.

L’Unità.it

M.O.: Hamas continua il riarmo e vuole le bombe a carica cava

M.O.: Hamas continua il riarmo e vuole le bombe a carica cava

Roma, 28 maggio 2008(Velino) – “Hamas sta espandendo il suo arsenale”. Lo ha riportato nel suo incontro settimanale con la Knesset il direttore dello Shin Bet (i servizi segreti israeliani che si occupano dell’interno), Yuval Diskin. Secondo l’alto ufficiale, ex comandante del Sayeret (le unità di ricognizione delle forze speciali dello Stato ebraico), “è solo una questione di tempo prima che i razzi palestinesi da Gaza superino Ashkelon e cadano sul più importante porto israeliano di Ashdod (25 chilometri a sud di Tel Aviv) e a Kiryat Gat. Hamas, infatti, sta continuando ad ammassare armi e non ha alcuna intenzione di accettare un cessate il fuoco”. Secondo l’intelligence israeliana, inoltre, Khaled Meshaal, leader della formazione in esilio a Damasco, sabato 24 maggio ha incontrato a Teheran il generale iraniano Qassem Soleimani, comandante delle Guardie rivoluzionarie. Scopo del colloquio sarebbe stata la definizione delle modalità e le date d’invio a Gaza di alcune partite di bombe a carica cava, prodotte nelle fabbriche della Repubblica sciita.

Questi ordigni, chiamati Efp (Explosively formed penetrator), sono assemblati per essere posti ai lati della strade e sono studiati per avere un’elevata penetrazione. Tanto che solitamente vengono utilizzati contro veicoli corazzati. Queste bombe sono tristemente note anche in Italia a causa di un attentato il 27 aprile 2006 in Iraq, che vide coinvolto un nostro mezzo militare. Nell’esplosione di un ordigno, appunto a carica cava, persero la vita tre marescialli dei carabinieri, un capitano dell’esercito e un caporale rumeno che viaggiava con loro. Hamas vuole gli Efp per annientare i mezzi corazzati israeliani senza correre rischi. Infatti, le bombe possono essere radiocomandate a distanza. E l’idea dei terroristi è quelle di premere i pulsanti dall’interno della Striscia.