Dov’è la differenza?

Dov’è la differenza?

Qualcuno nota qualche differenza tra questi personaggi e i nazisti?!

Thanks to Esperimento

Gerusalemme est, scoperta cellula filo al-Qaida

Gerusalemme est, scoperta cellula filo al-Qaida

(ANSA) – 10:37 – Gerusalemme, 18 lug -Lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) ha arrestato il mese scorso sei palestinesi di Gerusalemme est che asseritamente stavano cercando di dar vita ad una cellula fiancheggiatrice di al-Qaida.

Fra gli arrestati – che oggi sono stati condotti in tribunale per la estensione della detenzione – figura uno studente di chimica iscritto alla Università ebraica di Gerusalemme. Questi é sospettato di aver raccolto consigli utili all’abbattimento nella fase di atterraggio dell’elicottero del presidente degli Stati Uniti George Bush, durante la visita a Gerusalemme nel maggio scorso.

L’attentato doveva avvenire nello stadio sportivo vicino al campus universitario di Ghivat Ram e alla Knesset (parlamento).

Di norma gli incontri fra i membri della cellula avvenivano all’interno della Moschea di al-Aqsa, hanno precisato i servizi segreti.

La settimana scorsa lo Shin Bet aveva reso noto di aver arrestato anche due beduini del Neghev che, secondo l’accusa, cercavano di raccogliere informazioni utili ad al-Qaida. Fra le due vicende non sembra comunque esserci alcun legame.

Hamas, Shalit morirà in prigionia e scomparirà

Hamas, Shalit morirà in prigionia e scomparirà

(ANSA) – 10:12 – Gaza, 18 lug –E’ probabile che morirà in prigionia il caporale israeliano Ghilad Shalit (21), che da due anni si trova nelle mani di miliziani di Hamas. Lo sostiene oggi un sito internet vicino a quella organizzazione, in un lungo commento sul recente scambio di prigionieri fra Israele e gli Hezbollah libanesi.

L’anonimo analista di Hamas spiega che per ragioni di sicurezza i suoi guardiani sono costretti a prendere numerose precauzioni. “E’ un essere umano – nota – che ha bisogno della luce del sole, di aria fresca, di libertà di movimento: il genere di cose di cui potrebbe essere privato se è legato, ammanettato e/o bendato, circondato da esplosivi”. L’autore del testo avverte che in quelle condizioni il prigioniero potrebbe diventare gradualmente cieco, oppure avere una crisi di disperazione e tentare il suicidio. “Quando morirà non sarà più possibile (per Israele) avere informazioni sulla sua sorte”, avverte l’autore del testo.

La stampa odierna precisa che restano bloccati i negoziati indiretti fra Israele e Hamas per uno scambio di prigionieri. Gli islamici chiedono la liberazione di mille detenuti, fra cui un primo scaglione di 450 che include i responsabili di tutti i più gravi attentati terroristici palestinesi degli ultimi anni. Israele, a quanto pare, ha approvato in quella lista solo 70 nomi.

Cossiga al FPLP: “Non rispondo ad una banda di terroristi”

Cossiga e la strage di Bologna: «Attaccato dal Fronte palestinese»

ROMA – «Non rispondo ad una banda di terroristi che con i suoi assassinii indiscriminati di bambini, vecchi, donne e disabili ha macchiato la causa di libertà e liberazione del popolo palestinese». Replica così il senatore a vita Francesco Cossiga al «duro attacco» che gli ha rivolto il Fronte Popolare per la Palestina in un’ intervista al Corriere sulla strage di Bologna.

(Fonte: Corriere della Sera, 15 Luglio 2008, pag. 20 )

Per leggere l’intervista completa clicca qui