Siria, ucciso il generale amico di Hezbollah

L’ agguato mentre il presidente era in Iran. Primi sospetti su Israele o su una faida interna al regime

Siria, ucciso il generale amico di Hezbollah

Mohammed Suleiman centrato da un cecchino. Era uno dei consiglieri di Assad. Il suo assassinio potrebbe far parte di uno «scambio» con l’ Occidente e segnare un ulteriore allontanamento da Teheran. Proprio come nel caso dell’ omicidio di Imad Mughniyeh, uno dei capi di Hezbollah, avvenuto a febbraio sempre in Siria

DAMASCO – La dinamica dell’ agguato porta a sospettare di un servizio segreto. Per uccidere il generale siriano Mohammed Suleiman hanno infatti scelto un cecchino che lo ha centrato all’ uscita da un edificio nella cittadina di Tartous. Un tiro accurato che ha tolto di mezzo una figura importante: l’ alto ufficiale era uno dei consiglieri del presidente siriano Bashar el Assad e manteneva i rapporti con l’ Hezbollah, la milizia filo-iraniana padrona del Libano.

Le autorità di Damasco hanno fatto il possibile per mantenere il riserbo sull’ agguato, ma la notizia è trapelata sulle pagine di Al Hayat, autorevole quotidiano arabo stampato a Londra. L’ attentato coincide con una significativa visita di due giorni del presidente Assad in Iran. Una missione per esplorare le posizioni di Ahmadinejad e spiegare quelle siriane. Teheran è il migliore alleato di Damasco, ma il regime di Bashar ha avviato contatti discreti con Israele (via Turchia) e ha riallacciato buoni rapporti con un Paese di peso quale la Francia. Iniziative che per alcuni potrebbero favorire, un giorno, uno sganciamento siriano dal patto di ferro con gli ayatollah.

Astutamente Damasco prende tempo e si guarda bene – almeno in pubblico – dal commettere sgarbi nei confronti degli eredi khomeinisti. Dall’ Iran guardano con attenzione e giudicano non dalle parole ma dai fatti. L’ uccisione di Suleiman riporta alla memoria un altro cadavere eccellente. Quello di Imad Mughniyeh, capo dell’ apparato clandestino dell’ Hezbollah assassinato con un’ autobomba a Damasco in febbraio. Un delitto con molte interpretazioni e presunti colpevoli.

Lo «sceicco» – così veniva chiamato – potrebbe essere stato eliminato dai nemici giurati (Mossad israeliano, Mukhabarat saudita o giordano, Cia, palestinesi del Fatah) oppure da amici che non erano più tali. L’ ombra del sospetto ha coperto anche i servizi siriani: lo avrebbero liquidato per favorire una svolta diplomatica e togliere di mezzo un brutto cliente. Un pensiero cattivo venuto anche alla moglie di Mughniyeh e a qualche 007 iraniano. Ora la storia sembra ripetersi. Chi può avere interesse a vedere morto Suleiman? L’ elenco riparte necessariamente da Israele. Il Mossad lo elimina per seminare zizzania in campo avversario e spazzare via un ufficiale in grado di creare problemi vista la contiguità con l’ Hezbollah. Il movimento libanese si è rafforzato ulteriormente negli ultimi mesi, acquisendo armi, posizioni, prestigio. A Gerusalemme ritengono che il partito di Dio stia covando qualcosa per vendicare Mughniyeh. La seconda pista porta alle faide interne. Su Damasco soffia da mesi il vento della fronda. Ricostruzioni, sempre smentite dalle fonti ufficiali, raccontano di un duro scontro tra Bashar e il cognato Assef Shawkat, a lungo responsabile dell’ intelligence militare, conclusosi con il siluramento di quest’ ultimo. Il capo degli 007 avrebbe pagato per non essere riuscito ad impedire l’ omicidio Mughniyeh e per aver assunto posizioni non tollerabili. Poiché in Siria gli affari di Stato sono anche questioni di famiglia si dice che Hanitha, la matrona del clan e moglie del defunto Hafez, abbia benedetto il ridimensionamento del genero.

Altri osservatori avrebbero inoltre interpretato la sua defenestrazione come il momento di uno scambio con Israele e gli occidentali. In questo scenario il generale Suleiman è la penultima vittima di una partita ancora aperta con servizi e gerarchi che si danno battaglia. E per intorbidire meglio le acque potrebbe arrivare, secondo i costumi libanesi, la rivendicazione di un gruppo terroristico.

Guido Olimpio

(Fonte: Corriere della Sera. 4 Agosto 2008, pag.14)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: