Roma: Pacifici, presenterò a Fini dossier su siti xenofobi

Roma: Pacifici, presenterò a Fini dossier su siti xenofobi

Roma, 16 ott – “Ci sono dei siti internet pieni di odio contro tutti, soprattutto contro gli immigrati – ha affermato Riccardo Pacifici, Presidente della Comunità ebraica di Roma, in occasione del sessantacinquesimo anniversario della deportazione degli ebrei romani ad Auschwitz – bisogna salvaguardare le comunità più deboli e non si tratta della comunità ebraica. Speriamo che le autorità competenti avviino subito indagini in merito”.

“Oggi presenterò al presidente della Camera, Gianfranco Fini,- ha continuato Pacifici- un dossier sui siti internet xenofobi, sperando che vi sia una adeguata azione legislativa in merito”.

Annunci

3 Risposte to “Roma: Pacifici, presenterò a Fini dossier su siti xenofobi”

  1. Focus on Israel Says:

    Roma: Fini in ghetto rende omaggio ai deportati

    Roma – 16 ott – E’ durata un’ora circa la visita del presidente della camera Gianfranco Fini, alla Comunità ebraica di Roma, ad accoglierlo insieme al Rav Riccardo Di Segni, rabbino capo della Comunità di Roma, il Presidente UCEI, Renzo Gattegna e quello della Comunità ebraica di Roma, Riccardo Pacifici. Poco prima dell’ingresso, sulla scalinata del Tempio, l’on. Fini, marcato stretto dalla sua scorta e da decine di agenti della polizia e dei carabinieri, ha stretto la mano a un ex deportato, Alberto Mieli, poi una volta giunto al secondo piano della Comunità ebraica, sede dell’Ufficio rabbinico ha domandato al Rav Di Segni “Non si poteva entrare in sinagoga all’epoca delle persecuzioni razziali?”

    Blindatissimo l’incontro al secondo piano.

    Al piano di sotto, in una stanzetta adibita per l’occasione, decine di giornalisti e di fotografi ad attendere che l’on. Fini e la delegazione della Comunità ebraica scendessero per rilasciare qualche dichiarazione.

    “La data del 16 ottobre 1943 deve essere ricordata dalla comunità nazionale. Si tratta di una vicenda tragica che riguardò non soltanto gli ebrei ma gli italiani”. Ha detto l’on. Gianfranco Fini “Tutto il popolo italiano si riconosce pienamente – ha aggiunto il presidente della Camera – nel dovere di non dimenticare, di preservare la memoria di coloro che furono sacrificati, nel dovere di ribadire alcune semplici verità storiche”.

    Importanti anche le dichiarazioni che Fini ha rilasciato riguardo al razzismo: “Il razzismo, al pari della xenofobia, è una sorta di mostro che anche quando si pensa di aver debellato, può risorgere in forme e in modalità diverse” .
    “Non c’é – ha aggiunto il presidente della Camera – un’incidenza di fenomeni, come ha sottolineato anche il governo, che possano essere definiti razzisti o
    antisemiti, pari a quello che si riscontra in altri Paesi europei. Al tempo stesso in Italia ci sono troppe dimostrazioni di ignoranza, di paura, di pregiudizio e di avversione. Si tratta di fenomeni che se non sono combattuti possono determinare atteggiamenti xenofobi e razzisti”.

    Come preannunciato, durante l’incontro Riccardo Pacifici ha consegnato a Fini una lista di siti razzisti: “ “Domani andremo a denunciare alla Polizia Postale i nomi dei siti riconducibili ad una unica sigla che predicano il razzismo” ha dichiarato.

    Dopo l’incontro privato l’onorevole Fini in compagnia di Riccardo Pacifici, Alessandro Ruben consigliere Ucei e deputato alla Camera per il Pdl ed alcuni dei membri del Circolo “I ragazzi del’48” che lo avevano invitato pubblicamente a visitare il Ghetto inviandogli una lettera due settimane fa, hanno passeggiato nel portico d’Ottavia dove l’onorevole Fini ha stretto la mano ad alcuni frequentatori di “piazza giudja” che gli sono andati incontro. L’atmosfera era distesa e cordiale. Al termine dell’incontro Fini e Pacifici si sono fermati a prendere un caffè nello storico “Bar Toto”.

  2. Focus on Israel Says:

    17 ottobre 2008

    Fini in sinagoga a Roma ricorda la Shoah Pacifici gli consegna la lista dei siti razzisti

    Il presidente della Camera partecipa alla commemorazione
    della deportazione degli ebrei romani ad Auschwitz 65 anni fa

    Il presidente della comunità ebraica della capitale:”Riconducibili a un unico elenco, caso preoccupante”

    Per tutti gli italiani è un dovere “ricordare le vittime della deportazione e il ruolo decisivo che gli ebrei hanno sempre svolto nella società italiana”: è uno dei passaggi della lettera che il presidente del Consiglio ha inviato oggi a Riccardo Pacifici, presidente della comunità ebraica di Roma, in occasione della ricorrenza dei 65 anni della deportazione degli ebrei romani ad Auschwitz, celebrata oggi nella capitale.

    “Proprio nell’autunno di 70 anni or sono l’Italia conosceva la vergogna della promulgazione delle leggi anti ebraiche”, continua Berlusconi nel messaggio. “L’approvazione delle leggi razziali privava l’Italia del contributo essenziale di intellettuali, scienziati, artisti che rappresentavano motivo di orgoglio nazionale e che avevano fattivamente contribuito alla crescita culturale ed economica del nostro paese. Al sacrificio delle menti fece seguito, cinque anni più tardi, il sacrificio di tante vite umane di cui molte strappate alla città di Roma”, ha ricordato il premier nella lettera.

    La comunità ebraica romana ha celebrato la ricorrenza con un occhio al passato e uno al futuro, commemorando l’anniversario dei rastrellamenti nazisti al ghetto ma anche affrontando l’emergenza xenofobia e le nuove forme di intolleranza emergenti. “Oggi il fatto che almeno nella leadership della destra ci sia l’idea di dichiararsi antifascisti è una conquista che dobbiamo conservare gelosamente” ha detto Pacifici. “E’ evidente che è un processo molto lungo e che dovrà colpire anche la pancia del partito e specialmente i giovani”.

    Durante la conferenza stampa a chiusura della visita di Gianfranco Fini alla sinagoga, Pacifici ha consegnato al presidente della Camera una lista di siti razzisti. “Domani andremo a denunciare alla polizia postale i nomi dei siti riconducibili ad una unica sigla che predicano il razzismo”, ha detto. Si tratta di fenomeni razzisti “che non riguardano noi ebrei direttamente ma che ci preoccupano. Non è un’emergenza, ma non è assolutamente da sottovalutare”, ha spiegato.

    In memoria degli oltre mille ebrei romani deportati ad Auschwitz il 16 ottobre 1943 oggi sono state deposte quattro corone davanti alla sinagoga, al Ghetto, da parte del sindaco di Roma Gianni Alemanno, del presidente della Provincia di Roma Nicola Zingaretti, del presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo e il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni, insieme a Pacifici. Una giornata che “non può e non deve uscire dalla nostra memoria”, ha commentato il leader del Pd Walter Veltroni. “Una delle giornate più brutte della storia moderna, che dovrà essere un monito per il futuro”, ha affermato Gianni Alemanno.

    Fini ha incontrato la comunità ebraica alla sinagoga e ha passeggiato per le vie del Ghetto. Insieme a Di Segni e Pacifici, ad accoglierlo anche il presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, Renzo Gattegna. Il presidente della Camera ha poi avuto un incontro privato con alcuni dei sopravvissuti ad Auschwitz: dei mille ebrei radunati la mattina del 16 ottobre al portico d’Ottavia e deportati ne tornarono a casa solamente 15 e quattro sono ancora in vita.

    Fini è tornato ad esprimere la sua preoccupazione per il rischio di razzismo: “Sono convinto – ha detto – che il razzismo, quando si crede che sia debellato, può risorgere in forme e modalità diverse”. Ringraziato da Pacifici e da Gattegna per gli importanti passi compiuti in questi anni dal suo partito nei confronti dell’ebraismo, Fini ha ricordato “alcune semplici verità storiche”, sottolineando il legame che intercorre tra l’anniversario odierno e le leggi razziali del 1938. Norme bollate di recente come una “infamia” da parte di Alemanno.

    http://liberaliperisraele.ilcannocchiale.it/2008/10/17/fini_in_sinagoga_a_roma_ricord.html

  3. Giuseppe D. Says:

    speriamo che gli diano pure l’indirizzo web del blog di dacia valent… se non è razzista quella


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: