Striscia di Gaza: l’ignobile messa in scena di Hamas

Hamas celebra il suo potere su Gaza, irride Gilad Shalit e dichiara finita la tregua

Un momento dell'IGNOBILE messa in scena di Hamas

Un momento dell’IGNOBILE messa in scena di Hamas

di Francesco Battistini

GERUSALEMME — Lo speaker: «Invito i fratelli a dare il via allo spettacolo!». Una voce invoca i razzi lanciati su Israele: «Guardate gli eroi dei Kassam! ». Parte la musica, s’alzano i fumogeni, la spianata di Gaza è uno sventolìo di bandiere verdi, bambini di verde vestiti. Il verde di Hamas. Portano sul palco un ragazzo pallido, con la divisa dell’esercito israeliano, e da lontano sembra quasi lui: Gilad Shalit, il soldato ostaggio da più di 900 giorni. È solo un attore, però. E lo speaker lo spiega: «Oggi vedremo un’opera, uno spettacolo di Hamas!». Il finto Shalit ha un finto padre che l’aspetta e si tormenta: «Come farò a liberarti?… ». Il prigioniero fac-simile vien fatto inginocchiare come un agnello sacrificale. Le mani sul viso, gli tocca dire: «Shalom papà, shalom mamma! Vi prego, dite al premier Ehud Olmert che faccia qualcosa per me!…». La fiction è di qualche minuto, l’applauso poco convinto: chissà, forse qualcuno s’aspettava pure una finta esecuzione sulla pubblica piazza.

Si celebrano i primi 21 anni di Hamas, a Gaza. E s’aspettano gli ultimi 26 giorni di Abu Mazen. Il movimento islamico porta duecentomila persone nelle strade della Striscia, cortei d’auto e slogan, l’ordine è di celebrare l’anniversario e mandare un messaggio. «I sei mesi di tregua sono finiti», annuncia Khaled Meshaal dalla Siria: da venerdì prossimo, si torna al terrore. «Una vera tregua non c’è mai stata», è più possibilista Ismail Haniyeh, sul palco di Gaza: il leader non dice che ci sarà un nuovo accordo con Israele, ma nemmeno lo esclude. Elenca i venti palestinesi uccisi alla frontiera l’ultimo mese, sorvolando sui Kassam che bersagliano Sderot, invoca l’unità di Gaza e Cisgiordania («i palestinesi non devono dividersi»), ironizza su Abu Mazen «presidente della Palestina » e gl’intima lo sfratto: «Lo dice la Costituzione, il 9 gennaio scade il suo mandato e se ne deve andare».

Hamas vuole che per due mesi lo rimpiazzi Abdel Aziz Dweik, portavoce del Parlamento palestinese che peraltro sta in carcere. Quindi, le elezioni: e sia «il popolo a decidere che Hamas deve comandare ovunque ».

E il povero Shalit? Rapito il 25 giugno 2006 con un’incursione oltre il confine di Gaza, il soldato sarebbe nascosto da qualche parte nella Striscia. Nessuno ha mai potuto visitarlo, qualche giorno fa è stata respinta anche la Croce Rossa. Lo scambio proposto è sempre lo stesso: mille palestinesi fuori dalle prigioni, «e in 24 ore ve lo ridiamo ». L’elenco però comprende terroristi, e su questo non si trova un accordo. Il tema è ormai l’inizio della campagna elettorale, coi leader in difficoltà che cercano di recuperare un po’ di consenso: Ehud Barak, ministro della Difesa, dice che «non passa giorno senza che io non pensi a come portare a casa Shalit»; Tzipi Livni, ministro degli Esteri, che «il prezzo richiesto potrebbe essere troppo alto» e in fondo «un soldato è un soldato ». Il negoziato continua. Per ora, ci si deve accontentare d’una controfigura.

(Fonte: Corriere della Sera, 15 Dicembre 2008, pag. 15)

Una Risposta to “Striscia di Gaza: l’ignobile messa in scena di Hamas”

  1. Daniel Says:

    Spettacolo ripugnante

    Da un editoriale del Jerusalem Post

    L’adunata di massa organizzata domenica da Hamas a Gaza per celebrare il proprio 21esimo anniversario è stata uno spettacolo rivoltante per qualunque israeliano. Con quella crudeltà che è il marchio di fabbrica dell’organizzazione islamista palestinese, il raduno contemplava anche una offensiva messa in scena in cui una comparsa nei panni dell’ostaggio israeliano Gilad Shalit implorava libertà in ebraico piagnucolando, per la gioia della folla, “mi mancano mamma e papà”.

    A Hamas non può importare di meno del dolore deliberatamente inflitto ai genitori di Shalit a più di novecento giorni da sequestro del figlio. Nel momento in cui celebra il proprio 21esimo compleanno, Hamas non presta la minima considerazione al fatto che a Shalit è stata negata la più basilare libertà personale nei suoi 20esimo, 21esimo e 22esimo compleanni. Anzi, lo scopo è proprio quello di mettere il dito sulla piaga sperando di far montare, all’interno di Israele, la pressione dell’opinione pubblica sul governo affinché accetti il genere di “scambio” assurdamente squilibrato che Hamas pretende: un soldato, sequestrato mentre era regolarmente in servizio di guardia all’interno dei confini di Israele, in cambio della scarcerazione in massa di centinaia se non migliaia di palestinesi detenuti per reati contro la sicurezza del paese, compresi assassini manifesti.

    Ma la totale insensibilità di Hamas esibita nell’adunata di domenica non dovrebbe disgustare soltanto gli israeliani. Dovrebbe dare da pensare al mondo intero, e in primo luogo ai correligionari di Hamas.

    Il dichiarato proposito di Hamas di perseguire l’eliminazione di Israele, il trattamento disumano che riserva a Schalit, l’uso cinico delle aree abitate palestinesi come basi di lancio per i mai cessati attacchi di razzi contro Israele, il sanguinoso golpe contro il governo dell’Autorità Palestinese nella striscia di Gaza: tutto questo, così come le campagne di attentati suicidi, viene perseguito ufficialmente in nome dell’islam.

    “Qualcuno potrebbe domandarsi in cosa consista lo spirito dell’islam”, medita un sito web basato in Canada intitolato appunto Spirito dell’Islam. La sintetica risposta è che la fede si può definire come “una buon equilibrio tra conoscenza e azione, un armonioso amalgama di pace, gentilezza, giustizia, onestà, integrità e rispetto”.

    Purtroppo non è questo l’islam, secondo la definizione di Hamas. E non è tale l’approccio all’islam propugnato da Hezbollah, l’altrettanto feroce “grande fratello” di Hamas in Libano. Né lo è quello del loro comune Stato sponsor, l’Iran, che ora cerca di dotarsi di armi nucleari per perseguire la sua volontà di annientare Israele.

    Hamas sostiene di rappresentare un islam umano. Uno dei suoi leader a Gaza, Mahmoud Zahar, ha sostenuto la scorsa settimana che Shalit viene trattato bene perché “l’islam tratta bene gli ostaggi”. Ma lo stesso Zahar ha dovuto ammettere che Hamas ha sempre costantemente respinto ogni richiesta di far vedere l’ostaggio alla Croce Rossa, come prevedrebbe il diritto internazionale.

    Hamas sostiene di rappresentare un islam umano, eppure – dopo il ritiro unilaterale di Israele dalla striscia di Gaza – risolse di far soffrire la propria stessa gente intensificando il fuoco oltre confine, e distruggendo in questo modo l’occasione che si offriva ai palestinesi di avviare il processo di costruzione del loro Stato. Ora Hamas minaccia di porre fine a sei mesi di “cessate il fuoco” fra Gaza e Israele – un concetto molto relativo, che ha già perso gran parte del suo significato – rischiando di innescare altre inutili violenze.

    Va dato atto che la maggior parte della comunità internazionale ha finora resistito all’idea di legittimare Hamas almeno finché non riconosce il diritto di Israele ad esistere, non abbandona il terrorismo e non accetta quanto previsto dagli accordi israelo-palestinesi già firmati. Ma la comunità internazionale talvolta perde di vista il fatto che le sofferenze a Gaza, quando Israele cerca di sventare gli attacchi ai suoi civili, sono diretta conseguenza della indisponibilità di Hamas ad accettare queste condizioni minime.

    Persino i leader israeliani talvolta sfugge l’impossibilità di trattare con questa trista e irriducibile Hamas. Tuttavia, anche se si sono tirate addosso le critiche dei sostenitori della linea “Shalit libero ad ogni costo”, purtroppo le recenti dichiarazioni del ministro degli esteri Tzipi Livni e del potenziale ministro della difesa del Likud Moshe Ya’alon non hanno fatto che dare voce a un tardivo buon senso. La scorsa settimana, prlando a un gruppo di liceali di Tel Aviv, la leader di Kadima ha detto: “Tutti noi vogliamo riportare Gilad a casa, ma (in guerra) c’è sempre una dose di rischio di subire perdite e non è sempre possibile riportare tutti a casa”. Domenica, parlando a radio Galei Tzahal, l’ex capo di stato maggiore Ya’alon ha chiesto retoricamente: “Siete disposti a cedere lo Stato di Israele in cambio di un prigioniero?”. Le pretese di Hamas sono insaziabili perché la sua opposizione a Israele è assoluta. Un’organizzazione che ha decimato la sua stessa gente quando ha preso il potere a Gaza nel giugno 2007 non si fa nessuno scrupolo nello strumentalizzare, prendere in ostaggio, uccidere la nostra gente.

    Israele non può permettersi illusioni in fatto di fronteggiare, emarginare e infine sconfiggere Hamas. Coloro che aderiscono a un islam davvero diverso da questo, a un islam di “pace, gentilezza, giustizia, onestà, integrità e rispetto” dovrebbero condividere questo obiettivo.

    (Da: Jerusalem Post, 15.12.08)

    http://www.israele.net/articolo,2345.htm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: