Teheran: Sit-in di studenti all’aeroporto, per andare a Gaza

Teheran: Sit-in di studenti all’aeroporto, per andare a Gaza

Vestiti con lenzuolo bianco chiedono di immolarsi per la causa

Teheran, 5 gen. (Apcom) – Una folla formata da centinaia di studenti universitari ha inscenato un sit-in all’aeroporto Mehran della capitale iraniana Teheran per chiedere alle autorità del loro Paese di partire per Gaza per sostenere sostenere il popolo palestinese e combattere Israele. Lo scrive oggi il quotidiano palestinese al Quds al Arabi che riferisce di “numerose adesioni” che starebbero “ingrossando la folla già imponente che si trova all’interno” dello scalo. Il sit-in iniziato nei giorni scorsi sarebbe tuttora in corso.

Il giornale, edito a Londra, afferma che i manifestanti si sono avvolti nell’ “Akfan”, (il sudario bianco con cui nell’Islam viene avvolta la salma dei morti) e portano le bandiere palestinesi e fotografie di Gerusalemme. La folla “grida slogan contro i crimini sionisti e contro la complicità di alcuni paesi arabi”, secondo al Quds al Arabi.

L’aeroporto Mehran era lo scalo internazionale della capitale fino a pochi mesi fa; è stato ora sostituito dall’aeroporto Khomeini, costruito a sud di Teheran.

Annunci

I bambini di Hamas

I bambini di Hamas

Gaza: Israele invita i civili ad allontanarsi da un edificio perchè verrà presto bombardato, mentre Hamas…..invita i bambini ad entrare in quello stesso palazzo!!!

Gaza: Israele invita i civili ad allontanarsi da un edificio perchè verrà presto bombardato, mentre Hamas…..invita i bambini ad entrare in quello stesso palazzo!!!

Cliccate qui per vedere il video…sembra incredibile ma è tutto vero!

Le scritte in inglese in sovrimpressione sono la traduzione dei titoli in arabo che scorrono alla base dello schermo (nonostante l’avvertimento di Israele per via telefonica, ai civili residenti nei pressi di un obiettivo militare, per limitare le perdite civili – pur rischiando così di vanificare il risultato – Hamas deliberatamente chiama bambini e civili proprio in quell’edificio)

(Fonte: Tv libera palestinese)