Tv Hamas: “La Shoah fu un complotto sionista”

Tv Hamas: “La Shoah fu un complotto sionista”

(ANSA) – 17:48 – GERUSALEMME, 30 APR – L’Olocausto fu in realtà “un complotto sionista per liberarsi degli ebrei disabili e paraplegici” e per attirarsi la simpatia del mondo, “dando l’impressione che gli ebrei fossero perseguitati”. Lo ha affermato Al Aqsa Tv, un’emittente televisiva di Hamas, in un programma ‘educativo’ andato in onda lo scorso 18 aprile.

Secondo quanto ha riferito oggi il Palestinian Media Watch, un centro israeliano di monitoraggio della stampa palestinese, a fare queste affermazioni è stato Amin Dabur, direttore del Centro Palestinese di Ricerche Strategiche.

A suo dire “i satanici ebrei escogitarono un complotto malvagio per liberarsi in modo criminale del fardello degli invalidi e dei disabili”, accusando al tempo stesso i nazisti dei crimini per attirarsi le simpatie del mondo.

“L’asserito numero (sei milioni, ndr) di ebrei uccisi (nell’Olocausto) – ha sostenuto Dabur – è solo pura propaganda”.

Annunci

Il palestinese medio non vuole sacrificare la sua vita per Hamas

Il palestinese medio non vuole sacrificare la sua vita per Hamas

di Dimitri Buffa

Il 41% dei palestinesi residenti nella Striscia di Gaza sarebbe intenzionato ad abbandonare, se potesse, immediatamente la zona. A rivelarlo è stato un sondaggio diffuso dalla Radio Militare israeliana, secondo cui il 94% degli intervistati è convinto che con l’avvento di Hamas la condizione economica dei palestinesi sia significativamente peggiorata. Su 900 interpellati, infatti, il dato che emerge è che il 64% vive sotto alla soglia di povertà. La metà dei residenti di Gaza intervistati, inoltre, si dice “meno sicuro da quando (nel giugno 2007) Hamas ha assunto il potere” mentre il 32% sente incrementato il livello di sicurezza e il 18% non nota cambiamenti. Il sondaggio è tanto più importante in quanto avviene all’indomani di alcune inevitabili azioni mirate israeliane nella Striscia per rispondere ai numerosi attacchi missilistici e non degli ultimi giorni. Solo ieri per esempio sono stati uccisi altri tre militari israeliani nel solito agguato a Gaza mentre altri due sono stati feriti. La risposta israeliana, un raid aereo sul villaggio di Al Bureij, ha provocato 9 morti e 17 feriti, tra cui il cameraman della Reuters Fahdil Shanaa, la cui auto è stata colpita da un missile.

Ma i cittadini palestinesi cominciano anche a prendere coscienza dell’inquinamento ideologico del fondamentalismo islamico dei terroristi di Hamas. Che solo pochi giorni fa avevano candidamente ammesso, anzi rivendicato, alla Tv di regime Al Aqsa, controllata dagli uomini di Khaled Meshaal, che loro ritenevano giusto e logico usare donne e bambini come scudi umani per difendersi dagli omicidi mirati delle forze di sicurezza israeliane. Un cinismo che potrebbe non avere lasciato indifferente nemmeno tutte quelle persone che Hamas si ostina a considerare come carne da cannone. Più precisamente era stato l’esponente di Hamas Fathi Hammad a dire testualmente che “per il popolo palestinese, la morte è diventata un’industria, nella quale hanno la meglio le donne, come del resto tutte le persone che vivono in questa terra, gli anziani eccellono in questo, come pure i mujaheddin ed i bambini”. Fathi, che è parlamentare palestinese, aveva poi aggiunto che “è questa la ragione per la quale il popolo palestinese ha trasformato in scudi umani le donne, i bambini, gli anziani e i mujaheddin con il chiaro obiettivo di sfidare la macchina dei bombardamenti israeliani… è come se dicessero al nemico sionista: noi vogliamo la morte allo stesso modo in cui voi volete la vita”.

Il problema adesso è quello di capire quanti di quegli scudi umani siano realmente volontari e quanti invece non lo siano affatto. Tutte le testimonianze sinora raccolte affermano che la grande maggioranza di loro non lo fa perché ci crede, ma perché costretta dai miliziani di Hamas, pena la morte, a mettersi sui tetti delle case dove soggiornano i capi del movimento islamico e intorno alle aree da dove vengono lanciati i razzi Qassam su Israele. Secondo quanto ammesso dallo stesso Fathi Hammad, sarebbero quindi i miliziani di Hamas i veri responsabili della morte di molti civili. Naturalmente Hammad dice che i “martiri” sono volontari, mentre questo non corrisponde alla verità che si sente dalle bocche dei fuoriusciti da Gaza. Purtroppo per sentire la verità in bocca a uno di questi fuoriusciti bisogna prima dargli un rifugio e un asilo politico sicuro fuori dai Territori, pena la morte dell’interessato al suo eventuale rientro. Da tempo Hamas agisce a Gaza come la mafia in Sicilia facendo proseliti a colpi di morti ammazzati e convincendo le famiglie a sacrificare un figlio al terrorismo suicida per non dovere morire tutti invece che uno solo. Questi sondaggi raccolti quasi clandestinamente dai media israeliani sono un’ulteriore conferma.

(L’Opinione.it, 17 aprile 2008)

Rassegna Stampa di martedì 15 Aprile 2008

Rassegna Stampa di martedì 15 Aprile 2008

Ancora è presto per una analisi approfondita, ma Il Foglio dedica un lungo articolo alla politica “atlantista” di Berlusconi, all’intesa con Sarkozy ma anche con Merkel e Brown, e all’annunciato viaggio in Israele per il sessantenario.

Anche il Riformista parla di una correzione prevedibile in politica estera e Il Giornale, in un articolo di Adalberto Signore, ribadisce che il primo viaggio ufficiale di Berlusconi sarà in Israele.

Intanto il Papa sta viaggiando alla volta degli Usa, dove Bush, gesto inedito, lo accoglierà all’aeroporto di Washington. Alessandra Cardinale sul Riformista preannuncia, tra i tanti appuntamenti, quello con la comunità ebraica della Park Avenue Synagogue di New York e Gianna Pontecorboli, sullo stesso giornale sottolinea come gli esponenti di quella comunità chiederanno al Papa la correzione del nuovo testo della preghiera sulla conversione degli ebrei, che, per quanto modificato, risulta ancora insoddisfacente.

E ancora un viaggio, ma molto contestato, quello del presidente Carter in Medio Oriente. Il Foglio critica duramente l’ex-presidente americano, che incontrerà a Damasco il leader di Hamas, e lo accusa di non capire niente sui problemi della politica mediorientale, di fare solo danni, indebolendo Abu Mazen, legittimando il terrorismo e provocando un contraccolpo su Obama, che Carter sostiene. L’editoriale non firmato ricorda le scivolate di Carter, che non sostenne lo Scià e fu debole durante l’occupazione e Teheran dell’ambasciata americana, ma dimentica che Carter fu l’artefice di Camp David, dove venne siglato il primo accordo di pace tra Israele e un Paese arabo, l’Egitto.

Europa sottolinea come gli 007 israeliani si siano rifiutati di collaborare con i servizi di sicurezza di Carter, reo non solo di voler trattare con Hamas, ma anche di aver dichiarato, nel suo libro uscito nel 2006, che Israele pratica verso i palestinesi una politica simile all’apartheid. Israele gli avrebbe rifiutato ogni richiesta, anche quella di incontrare il leader palestinese Marwan Barghouti in carcere.

Stefania Podda su Liberazione ha un atteggiamento più favorevole a Carter, che ha dichiarato di voler intervenire nei suoi incontri con Hamas a favore del rilascio del caporale prigioniero Shalit, e ha deprecato il lancio dei razzi contro Sderot. Ma chi sostiene a spada tratta l’ex presidente americano, è, come immaginabile, il Manifesto, che in un articolo a firma di Michele Giorgio accusa l’atteggiamento del governo israeliano di ambiguità, perché mentre criminalizza l’ex presidente americano tratterebbe segretamente con Hamas (notizia peraltro non confermata da nessuna fonte). Il Manifesto pubblica anche un trafiletto in cui annuncia (o meglio denuncia) un accordo di cooperazione nucleare tra Usa e Israele.

E ora qualche notizia dal fronte islamico. La Stampa, in un articolo a firma di Aldo Baquis, annuncia che, nelle intenzioni dell’influente predicatore turco Yunis al Astal, Roma diventerà presto islamica, nemesi per l’occupazione di Costantinopoli da parte dei crociati. La notizia, per quanto peregrina (?) ha avuto grande risalto sui media USA in quanto è stata trasmessa dalla televisione Al Aqsa di Hamas (movimento a cui appartiene Al Astal) ed è stata ripresa da Memri, l’osservatorio sulla comunicazione in Medio Oriente.

La progressiva conquista – pacifica – dell’Islam in Europa gode oggi di molto spazio sui quotidiani. Caterina Soffici sul Giornale denuncia come la presenza come ospiti d’onore di numerosissimi scrittori arabi (alcuni dei quali apertamente appoggiano il terrorismo islamico internazionale) non abbia suscitato alcuna protesta a Londra, dove si è inaugurata ieri la Book Fair. E tutti coloro che hanno protestato contro gli scrittori israeliani a Parigi e a Torino, il filosofo Vattimo in primis, ben si guardano dal criticare la scelta inglese.

Luigi Offeddu sul Corriere dedica il suo articolo all’insolita alleanza in Belgio tra insegnanti cattolici e islamici nella crociata contro il darwinismo. Grave perché in molte scuole la teoria all’evoluzione non viene più spiegata e circola invece un libello di Harun Yahya “Atlante della creazione” che si rifà categoricamente al testo biblico. La comunità francofona, per quanto non navighi nell’oro, ha promosso una ampia indagine nelle scuole, devolvendo 138.000 euro alla ricerca.

Di segno contrario il convegno promosso dal Vaticano e annunciato da Dario Fertilio sul Corriere della Sera, che vedrà scienziati evoluzionisti e cattolici intorno a un tavolo per cercare di mitigare la distanza tra le due posizioni. Dario Antiseri spiega che l’evoluzionismo va insegnato come teoria scientifica ma non può spiegare tutto.

E sempre in fatto di scienza, Francesca Marretta su Liberazione, parlando di una nuova tecnica di clonazione messa a punto dall’Advanced Cell Tecnology, e della nuova legge che sta per essere sottoposta al vaglio del Parlamento inglese, per favorire le nuove ricerche sugli embrioni, cita la posizione favorevole alla creazione di embrioni ibridi da parte del rabbinato inglese. Marretta intervista una rabbina, Julia Neuberger, chiaramente riformata; e ci si chiede se il suo punto di vista (“è una opportunità per salvare vite umane”) sia condiviso dal rabbinato più ortodosso. Mancando un esponente unico “ufficiale” della dottrina ebraica, il rischio è che i giornalisti riportino come ufficiali voci non ampiamente condivise.

Due “piccole” notizie, riportate sotto forma di trafiletti, gravi però nel contenuto. Il Corriere della Sera preannuncia che il processo a 11 ex-nazisti accusati della strage di 350 civili, tra cui donne, bambini e neonati, a Fivizzano nel 1944, probabilmente non si farà. Perché il Tribunale militare di La Spezia, competente su questo caso, sarà chiuso a fine luglio come previsto dalla Finanziaria. E viva la burocrazia italiana!

Liberazione denuncia come, secondo una autorevole fonte anonima delle Nazioni Unite, Hamas avrebbe bloccato la distribuzione di un milione di litri di carburante nella Striscia. Questo avvalorerebbe l’ipotesi del tentativo, da parte del movimento fondamentalista, di esasperare la crisi e provocare una forte reazione antiisraeliana nella popolazione.

E finiamo con due notizie culturali. Susanna Nirenstein su Repubblica dedica un lungo articolo all’autobiografia di Ahron Appelfeld che esce in questi giorni in riedizione da Guanda (fu pubblicata per la prima volt da Giuntina). E le cronache milanesi di Giorno, Corriere della Sera, Repubblica danno risalto ai due concerti previsti stasera a Milano per il sessantesimo anniversario di Israele, quello del violinista e direttore d’orchestra Shlomo Minz che suonerà Mendelsohnn al Teatro Dal verme con la Israel Sinfonietta, e il concerto klezmer di Igor Polisistky al Conservatorio.

Viviana Kasam

Ucei.it

Rassegna Stampa di Mercoledì 3 Aprile 2008

Rassegna Stampa di Mercoledì 3 Aprile 2008

Israele è al secondo posto tra i Paesi più antipatici del mondo. Tutti i quotidiani pubblicano l’esito del sondaggio che è stato realizzato dalla BBC in 34 Paesi intervistando 17 mila persone, ma solo Silvia Guidi su Libero si sofferma ad analizzarne criticamente i risultati. “Sembra il termometro dei pregiudizi globali” sostiene la giornalista. La Cina, Paese che punisce con la pena di morte anche la bigamia e il gioco d’azzardo, è in ascesa per simpatia, mentre il democratico Israele viene giudicato peggio del regime del folle coreano Kim Jon Il, che ha instaurato il regime stalinista più isolato, repressivo e brutale del mondo. “Prova che la menzogna sistematica paga sempre”.

E parlando di menzogne sistematiche, la Tv Al Aqsa di Hamas continua nella sua politica di indottrinamento all’odio rivolta ai bambini, nelle fasce orarie a loro dedicate. Giulio Meotti su Avanti racconta come -dopo i pupazzi di animali che si immolavano nella guerra santa a Israele, e dopo la scioccante intervista ai due giovanissimi figli di una martire, che citavano con orgoglio i numero delle morti civili causate dalla madre- è ora la volta di un programma in cui la Casa Bianca appare trasformata in moschea e l’impuro Bush, che vorrebbe entrare, viene ucciso a colpi di spada dai bambini provenienti da tutti il Medio Oriente, che vi si sono insediati.

Non solo Tv, ma anche Internet come veicolo di odio. Riporta La Repubblica che Al Zawahiri, numero due di Al Qaeda, rispondendo ad alcune domande sul web, incita a colpire obiettivi ebraici dentro e fuori Israele, e anche di attaccare gli uffici delle Nazioni Unite, che sarebbero nemiche dell’Islam e dei musulmani. E smentisce le voci di una malattia di Bin Laden.

Conversioni. Dopo quella di Magdi Allam al cattolicesimo, quella di Fouad Allam che passa dal Pd alla Magna Charta, aprendo al PdL, auspicando lo nomini ministro dell’immigrazione in un prossimo governo Berlusconi (Barbara Romano, Libero. Allam accusa Veltroni di razzismo per non averlo messo in lista. Nel rispetto dell’editorialista musulmano di provata fede democratica a moderata, rimane però il dubbio che, come tutti gli esclusi, tenda a dare una motivazione ideologica a una esclusione che potrebbe avere semplici motivi di calcolo politico.

Il Giornale, dando notizia di numerose conversioni in Francia dell’Islam al cattolicesimo, recensisce per la penna di Camillo Longoni un curioso libro pubblicato da Bruno Mondadori: “Convertire i musulmani. L’esperienza di un gesuita spagnolo del Seicento”. L’autore, Emanuele Colombo, ha scoperto un testo inedito in Italia e dimenticato ovunque, ne ha tradotto alcune parti, e spiega come procedere, secondo le indicazioni dell’attivissimo convertitore gesuita Tirso Gonzales: usare la ragione e non solo la fede, spiegare la falsità del Corano con il Corano, mostrandone le contraddizioni, illustrare la vita non propriamente santa di Maometto, e sottolineare le angherie alle donne. Sorprendente l’attualità: potrebbe essere stato scritto oggi. Sarà bersaglio di fatwa?

Chris Patten, rettore della Oxford University ed ex-commissario europeo su Repubblica elogia la proposta di Blair, di creare subito uno stato Palestinese, in quanto la road map non sarebbe più percorribile. Questo comporterebbe il rientro di Israele entro i confini del ’67,e la creazione di istituzioni in Palestina, ma secondo Patten un accordo definitivo subito è l’unico modo di arginare l’escalation di odio e violenza.

Intanto fra gli ortodossi israeliani c’è poco da stare allegri. Ispirandosi alla famosa battaglia di Lisistrata, le guardiane dei mikvè, i bagni rituali, hanno incrociato le braccia. Protestano contro il mancato pagamento del pur misero stipendio che viene loro corrisposto dai consigli rabbinici, spiega Massimo Veronese sul Giornale (ma la notizia è ripresa da quasi tutti i quotidiani). Niente bagno, niente sesso, e soprattutto niente matrimoni. L’immersione rituale nella piscina è un requisito indispensabile all’ottenimento dei certificati di matrimonio.

A Gerusalemme montano le proteste per la costruzione del ponte di Calatrava, che dovrebbe essere pronto per le celebrazioni ufficiali dei 60 anni di Israele (Davide Frattini Corriere della Sera). Voluto da Olmert quando era sindaco, il ponte, che costerà 44 milioni di euro, è ispirato all’arpa di Davide, e inalbererà una torre di 120 metri, visibile da ogni parte della città. C’è chi lo definisce un “mostro” che deturpa la città d’oro, considerata la più bella del mondo e che rischia ora di trasformarsi in una colata di cemento, mentre le vecchie case della bellissima pietra tradizionale vengono abbandonate e distrutte.

Polemiche anche sulla ricostruzione del padiglione italiano a Auschwitz. In una lettera indirizzata alla Stampa Michele Sarfatti, direttore del CDEC, precisa che nel comitato incaricato di studiare il progetto c’è anche l’ANED (l’associazione nazionale ex-deportati), che aveva allestito il padiglione 28 anni fa, e non solo istituzioni ebraiche; e spiega la necessità di un dialogo approfondito per decidere come realizzarlo: non una “guerra della memoria”, ma un guerra di idee, un confronto acceso per trovare la soluzione migliore, che spieghi in italiano agli italiani perché tanti italiani sono morti nei campi di concentramento.

Brevi. Mosley, dopo l’orgia sado-nazi, pare sia in procinto di dimettersi:l’avrebbe scaricato anche il suo patron Ecclestone, e intanto non presenzierà la gara di Formula 1 in Bahrein (Il Tempo).

E Tzahal concede la pensione di guerra anche ai “vedovi” degli omosessuali. Lo rivela Francesca Paci sulla Stampa, commentando positivamente l’apertura democratica di quello che è considerato il più severo e temibile degli eserciti.

Viviana Kasam

Ucei.it