Hezbollah cerca il successore di Mughniyeh

Hezbollah cerca il successore di Mughniyeh

ricorda nulla?.....

Manifestazione di Hezbollah: ricorda nulla?.....

lunedì 03 novembre 2008

di ELENA LATTES

Secondo quanto riporta un quotidiano qwaitiano (ma non confermato da altre fonti) Mustafa Shehada sarà il nuovo capo di Hezbollah. L’organizzazione terroristica sciita sta infatti scegliendo il successore di Mughniyeh ucciso in un attentato a Damasco lo scorso febbraio.

Secondo l’articolo, alla base della scelta di Shehada ci sarebbero diverse motivazioni: è uno dei fondatori del gruppo, ha una larga esperienza militare, è un uomo che gode della fiducia di tutti i boss, “sa come raggiungere i suoi scopi sia a breve che a lungo termine” e, forse l’elemento più importante, è che è un “backstage player”, uno che lavora dietro le quinte, evitando accuratamente qualsiasi tipo di esposizione mediatica.

Numerosi esponenti dell’organizzazione fondamentalista hanno dichiarato che durante gli ultimi anni si sono impegnati a stabilire un solido commando militare e non hanno più bisogno quindi di un capo di prima linea, poiché l’esperienza ha loro mostrato che in questo modo l’assassinio di un alto ufficiale ridurrebbe l’impatto su tutto il gruppo armato.

Mughniyeh, che si è nascosto per molto tempo prima di essere ammazzato all’età di 45 anni, è probabilmente l’ideatore e il mandante di una serie di attacchi negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso, che hanno ucciso centinaia di americani e israeliani sia in Libano che in altri Paesi nel mondo. Si trovava anche nella lista dei più ricercati stilata dall’FBI con una taglia di 25 milioni di dollari, stessa cifra offerta per Osama Bin Laden.

Gli Stati Uniti, infatti, consideravano Mughniyeh la mente dietro le bombe all’ambasciata americana a Beirut e all’attentato contro il quartier generale dei Marines in Libano nel 1983 che uccise oltre 200 americani. Mughniyeh fu anche incriminato per il dirottamento dell’aereo della compagnia TWA nel 1985.

Contemporaneamente alla nomina di Shehada è arrivata una fatwa dall’Iran, emanata direttamente dall’Ayatollah Ali Khamenei, che riconferma Nasrallah capo supremo dell’organizzazione terroristica.

Agenzia Radicale

Annunci

Iran: consiglieri Khamenei raccomandano attacco contro Israele

Iran: consiglieri Khamenei raccomandano attacco contro Israele

Mossa preventiva per scongiurare un attacco israeliano

Roma, 22 ott. (Apcom) – I consigliere di Ali Khamenei, il massimo leader spirituale iraniano, hanno raccomandato di eseguire un attacco preventivo contro Israele, per prevenire un attacco israeliano contro i siti nucleari iraniani. Lo ha detto due settimane fa a Londra un alto funzionario iraniano ad alcuni diplomatici occidentali, secondo quanto riporta il sito web del quotidiano israeliano Haaretz.

Il funzionario iraniano, Seyed Safavi, ha detto che le recenti minacce espresse dalle autorità israeliane hanno rafforzato questa posizione, che tuttavia non è stata ancora presa in considerazione come opzione dai vertici politici.

Safavi dirige l’Istituto di ricerca in Studi strategici di Teheran, ed è un consigliere di Ali Khamenei. L’Istituto è affiliato direttamente con l’ufficio di Khamenei e con le Guardie rivoluzionarie.

La parata del silenzio imbarazzante

La parata del silenzio imbarazzante

A Teheran Prodi ha ascoltato le frasi antisemite di Ahmadinejad e Khamenei senza colpo ferire

di Carlo Panella

In visita a Teheran, l’ex presidente del Consiglio, Romano Prodi, ha avuto una sconcertante mancanza di reazione di fronte a un Mahmoud Ahmadinejad e a un ayatollah Ali Khamenei che, in sua presenza, hanno ribadito – con l’unica accortezza di ammantare le loro frasi di prudenza lessicale – la volontà di eliminare Israele e di contrastare il legittimo governo di Baghdad.

Martedì scorso, Prodi ha partecipato nella capitale iraniana, assieme a Kofi Annan e ad altri leader occidentali, a un incontro “interreligioso” organizzato dall’ex presidente della Repubblica islamica, Mohammed Khatami. Gli ospiti sono stati ricevuti prima dal presidente, Ahamadinejad, e in seguito dal Rahabar, l’ayatollah Khamenei, che hanno pronunciato frasi inequivocabili, quanto intollerabili, anche se con linguaggio volutamente diplomatico, contro Israele.

Prodi ha fatto finta di non sentire, non ha reagito e non le ha minimamente contestate, consolidando così una sua posizione di dissociazione a malapena dissimulata dalla “linea della fermezza” sia dell’Unione europea sia dell’Onu e una sua personale insensibilità al tema della difesa intransigente di Israele dalle esplicite minacce di distruzione più volte pronunciate dai due leader fondamentalisti.

Ahmadinejad, dopo avere accusato la politica americana in medio oriente, è stato esplicito circa Israele: “Il regime sionista commette da sessant’anni crimini contro i palestinesi, e questo problema non potrà essere risolto fino a quando le terre palestinesi saranno sotto occupazione e vi saranno cinque milioni di profughi”.

Prodi sa bene che quando Ahmadinejad denuncia le “terre palestinesi sotto occupazione” intende tutto il territorio di Israele – non soltanto la Cisgiordania – e che quindi queste parole altro non sono che la reiterazione dell’auspicio della “scomparsa di Israele dalla faccia della terra” già espresso più volte dalla leadership iraniana. Ma Prodi non ha ritenuto di dovere ribattere ed è stato in silenzio anche di fronte all’ayatollah Khamenei che – sempre con linguaggio volutamente contorto, ma chiarissimo – ha sostenuto che Israele è retaggio del colonialismo europeo, che è simile alla Germania nazista e che, contro il suo governo (e anche contro il governo iracheno, sostenuto dall’Italia), l’unica risposta è il jihad: “All’origine delle tensioni attuali vi sono le passate politiche coloniali dell’occidente. Oggi ci sono governi che vogliono saccheggiare i diritti delle nazioni e avere il dominio nel mondo, come quelli del passato. Contro coloro che opprimono i popoli della Palestina e dell’Iraq l’unica azione efficace è la lotta contro la tirannia”.

Romano Prodi in compagnia dell'amico Ahmadinejad

Romano Prodi in compagnia dell'amico Ahmadinejad

Prodi, si badi bene, non è un privato cittadino, ma un ex premier e oggi è incaricato dall’Onu della presidenza della commissione per il Peacekeeping in Africa. Con questi silenzi va ben oltre la reiterazione di una posizione di “apertura” al regime di Teheran. Il fatto ben più grave è che, con questo suo atteggiamento, Prodi continua a offrire ai leader iraniani più oltranzisti l’immagine di una Italia divisa in due, rafforzando le critiche negli ultimi mesi da loro rivolte al governo Berlusconi, “colpevole” di avere chiuso la fase di accondiscendenza dimostrata dal governo dell’Unione.

Dopo un incontro con Ahmadinejad durante l’Assemblea generale dell’Onu del 2007, Prodi, assieme a Massimo D’Alema, ha continuato a sviluppare una diplomazia parallela a quella dell’Onu e dell’Ue, organizzando vertici col responsabile iraniano della sicurezza, Ali Larijani, tanto che il 21 gennaio scorso avrebbe dovuto ricevere a Palazzo Chigi il primo consigliere di Ahmadinejad, Hashemi Samareh (l’incontro è saltato poiché è caduto il suo esecutivo).

La natura opaca e addirittura equivoca di queste relazioni italo-iraniane emerse subito dopo, quando gli interlocutori di Prodi e D’Alema iniziarono a criticare “la svolta” dell’Italia nei confronti di Teheran, determinata dal governo Berlusconi. Il 26 maggio il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Ali Hosseini, dichiarò: “Alcuni paesi europei mostrano reazioni negative e illogiche. Ci aspettiamo reazioni logiche dai paesi europei, e specialmente da paesi amici come l’Italia”.

Due mesi dopo, il 14 luglio 2008, lo stesso interlocutore diretto di Prodi e D’Alema, Ali Larijani, diventato speaker del Parlamento iraniano, il Majlis, ha direttamente attaccato “alcune prese di posizione del nuovo governo italiano sulle questioni mediorientali”, riferendosi chiaramente alle dichiarazioni di Franco Frattini che, nel corso di un viaggio in Israele, aveva abbracciato la linea della fermezza verso l’Iran e le sue ambizioni nucleari.

(Fonte: Il Foglio, 16 Ottobre 2008 )

Iran: Lavaggio del cervello di massa contro lo Stato ebraico

Edizione 209 del 03-10-2008

Iran: lavaggio del cervello di massa contro lo Stato ebraico

di Michael Sfaradi

L’Ayatollah Khamenei, nel suo ultimo sermone, tanto per cambiare, ha profetizzato la fine di Israele, e la frase centrale è stata: “Israele ha imboccato la strada che porterà alla sua fine, e l’attuale generazione di palestinesi riprenderà ciò che è suo”. Le parole “Israele è il cancro del mondo”, hanno chiuso il discorso di Khamenei ai fedeli. Niente di nuovo, la stampa araba in generale ripete questi concetti, fino alla noia, ogni volta che cita Mahmoud Ahmadinejad presidente dell’Iran, Hassan Nasrallah capo di Hezbollah o Ismail Haniyeh capo di Hamas. Queste prese di posizione, quasi fossero una parola d’ordine scritta su dispaccio ciclostilato, non lasciano spazio a nessun dubbio e coloro che credono ancora alla possibile convivenza fra i due popoli, arabo ed israeliano in due stati vicini, dovrebbero prendere atto che queste dichiarazioni sono lo specchio di ciò che pensano larghi strati della popolazione araba e i molti adepti e simpatizzanti anche in Occidente. I continui attacchi ad Israele, sempre con gli stessi insulti e con la stessa enfasi, ormai non nascondono più l’antisemitismo di cui sono intrisi, (antisemitismo inteso come odio verso gli ebrei, meglio chiarire questo punto perché c’è sempre l’intelligente di turno che ci ricorda che anche gli arabi sono semiti), e sono, a nostro avviso, il più grande “lavaggio del cervello” di massa che sia stato fatto dai tempi del Terzo Reich. Ahmadinejad intanto gongola vedendo l’Occidente impotente davanti al suo programma nucleare, e sentendosi spalleggiato dalla Russia di Putin si può permettere di prendere a schiaffi l’Europa e in giro l’America.

Intanto le sue centrifughe continuano a produrre la materia prima per costruire la bomba atomica, e nonostante i politici iraniani abbiano già detto e ripetuto chi sarà a vedere da vicino la sua esplosione, il mondo riesce a promettere ad Israele solo alleanze e partecipazione che per il momento rimangono sulla carta e che diventeranno “sentite condoglianze” l’attimo dopo il “fungo”. Detto così sembra allarmante, in realtà è peggio. Siccome l’eventuale bomba atomica iraniana non farà distinzione di razza religione o sesso, e non saprà distinguere fra arabo ed ebreo, in caso di attacco iraniano non convenzionale ad Israele, anche i palestinesi che vivono a Gaza e in Cisgiordania dovranno fare i conti sia con la detonazione che con le radiazioni. Ahmedinejad su questo punto è stato chiaro, ha già detto che la distruzione di Israele vale delle perdite di Shahid che si andranno ad aggiungere alla lista dei martiri. Israele, rimarrà a guardare la sua distruzione? Non crediamo. Anche se ancora non è esclusa l’opzione militare per fermare la rincorsa che i pazzi di Teheran stanno facendo fare all’umanità verso la terza guerra mondiale, siamo sicuri che se Israele si sentisse seriamente minacciata reagirebbe. E se Teheran si sta fabbricando la sua prima bomba, ormai lo ha capito anche l’Agenzia Internazionale Energia Atomica, prima di usarla deve fare bene i suoi calcoli, perché nonostante non ci sia mai stata un’ammissione ufficiale da parte di Gerusalemme, secondo stime di intelligence, Israele ha, stoccate negli Hangar, dalle 150 alle 250 testate nucleari e possiede i vettori, sia aerei cacciabombardieri che missili a lunga gittata, e rete di satelliti guida per portarle a destinazione. Le speranze sono due: che non si debba mai arrivare a dover usare questa catastrofica “ultima opzione”, e qualcuno spiegasse al presidente iraniano che se si avverasse l’incubo che ci sta facendo vivere, la lista di Shahid, anche iraniani, diventerebbe dolorosamente lunga e non più conveniente.

L’Opinione.it

Iran/ Khamenei: Israele sempre più debole, va verso distruzione

Iran/ Khamenei: Israele sempre più debole, va verso distruzione

Massima guida spirituale giura fedeltà a Hamas

Teheran, 1 ott. (Ap) – Il massimo leader spirituale iraniano l’Ayatollah Ali Khamenei ha affermato oggi che l’Iran sarà al fianco del governo di Hamas a Gaza e che Israele si sta indebolendo progressivamente ed è diretta verso la distruzione. Lo ha riferito la televisione di stato riportando le dichiarazioni dell’Ayatollah in occasione delle preghiere per la fine del Ramadan.

“L’Iran non vi lascerà mai soli” ha scandito Khamenei chiamando il primo ministro di Hamas, Ismail Haniyeh, un mujaheddin.

Non è la prima volta che le autorità iraniane, da Khamenei al presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad, invocano la distruzione dello stato ebraico. Khamenei ha più volte chiamato Israele un tumore che deve essere estiprato dal Medioriente.

La Repubblica islamica non riconosce Israele e dopo la rivoluzione del 1979 ha trasformato l’ambasciata israeliana a Teheran nella sede diplomatica dell’Autorità nazionale palestinese.

Iran – Il piano di Khamenei per la bomba atomica

Iran – Il piano di Khamenei per la bomba atomica

Verrà simulato “un guasto nella centrale di Bushehr”

La suprema guida spirituale dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, ha elaborato un “piano segreto per accelerare la produzione di armi atomiche simulando un guasto nella centrale di Bushehr”. Lo scrive oggi La Stampa, che cita un documento dei servizi di intelligence occidentali.

“L’iniziativa di Khamenei – scrive La Stampa – risale all’indomani del 6 settembre 2007 quando l’aviazione israeliana colpì a sorpresa nel Nord della Siria distruggendo quello che Gerusalemme e Washington consideravano un reattore nucleare in via di realizzazione. L’efficacia di quell’attacco fece temere a Khamenei un simile pericolo per gli impianti nucleari iraniani”.

Il leader spirituale iraniano decise allora di convocare una riunione con i responsabili del sicurezza e del programma nucleare, e in quella occasione fece presente che era necessario “accelerare il progetto militare”. In particolare chiese “la redazione di un piano per sfruttare il combustibile nucleare di Bushehr al fine di ottenere plutonio”, utilizzabile a fini militari.

Liberali per Israele