Iran: nove tipi missili testati, uno può colpire Israele

Iran: nove tipi missili testati, uno può colpire Israele

(ANSA) – 10:09 – Teheran, 9 lug – Nove tipi di missili, tra i quali una versione aggiornata dello Shahab-3, che è in grado di raggiungere Israele, sono stati lanciati oggi dai Guardiani della rivoluzione iraniani durante manovre che si svolgono nel Golfo. Lo riferiscono le agenzie iraniane. Non appena i mercati hanno appreso la notizia, il prezzo del petrolio, che ieri era scivolato di circa il 4 per cento, ha invertito la rotta, segnando una parziale ripresa.

Le manovre dei Pasdaran, cominciate ieri e denominate ‘Profeta-3’, avvengono mentre rimane alta la tensione per il contenzioso nucleare tra la comunità internazionale e l’Iran, che rifiuta di sospendere l’arricchimento dell’uranio.

Secondo l’agenzia Fars, lo Shahab-3 testato oggi ha una gittata di 2.000 chilometri ed è stato modificato per portare “bombe a grappolo in grado di colpire con precisione diversi obiettivi nello stesso momento, tra i quali le basi del nemico e le sue navi”. Il comandante delle forze aeree dei Pasdaran, Hossein Salami, ha sottolineato che con queste esercitazioni l’Iran “vuole mostrare la sua determinazione e la sua forza ai nemici, che nelle ultime settimane lo hanno minacciato con un linguaggio rude”. Un riferimento alle ipotesi circolate in Israele su un attacco alla Repubblica islamica per fermare il suo programma nucleare.

Libano: catturati iraniani, combattevano a fianco di Hezbollah

Libano: catturati iraniani, combattevano a fianco di Hezbollah – Yalibnan

Anche se gli Hezbollah si sono ritirati – per loro scelta (e quindi potrebbero ritornare e riprendere le ostilità) – da Beirut, con l’appoggio iraniano/siriano il gruppo terrorista libanese sta combattendo sulle colline circostanti.

Le mie fonti esclusive dei servizi segreti libanesi mi confermano che che un certo numero di terroristi combattenti di Hezbollah sono stati presi, nel corso del fine settimana e che non è in grado di parlare arabo, ma soltanto Farsi. Si tratta di iraniani e si sono qualificati o sono stati identificati da terzi come membri dei Guardiani della rivoluzione iraniana. Lo stesso gruppo che, sotto Khomeini, ha assunto si impadronì dell’ambasciata degli Stati Uniti a Tehran e tenne in ostaggio in Iran per oltre 444 giorni dei civili americani.

Come ho segnalato, la settimana scorsa, il capo dei Drusi, Walid Jumblatt, ha chiesto la fine dei voli in Libano dall’Iran. Sostenuto che probabilmente questi voli sono stati usati per trasportare i combattenti iraniani e le loro armi in Libano per una grande operazione ed un cambio del potere.

Ora, i suoi timori sono confermati.

Di nuovo, i membri dei Guardiani della rivoluzione iraniani stanno combattendo in nome di Hezbollah sul territorio libanese, nei pressi di Beirut.

L’Iran sta ampliando la condizione provvisoria di territorio satellite, dal sud del Libano all’intero paese. Dove è George Bush in questo frangente? Nessuno l’ha visto.

Debbie Shlussel – Yalinan – Traduzione Hurricane 53

Liberali per Israele