Libano: Soldati scoprono 7 razzi con timer vicino confine Israele

Libano: Soldati scoprono 7 razzi con timer vicino confine Israele

Una rampa di lancio dei missili Katyuscia

Una rampa di lancio dei missili Katyuscia

Beirut, 25 dic. (Ap) – I soldati libanesi hanno scoperto vicino alla frontiera con Israele sette razzi muniti di timer che erano sul punto di esplodere. Lo hanno annunciato responsabili dell’esercito di Beirut.

I militari stanno facendo brillare i Katyusha, rinvenuti nei pressi della città di confine di Naqoura. I responsabili dell’esercito hanno rivelato che i timer dei razzi erano funzionanti, ma non hanno chiarito se erano puntati in direzione del territorio dello stato ebraico.

L’organizzazione militante Hezbollah ha un grande arsenale di razzi, ma raramente lo ha utilizzato contro Israele dalla guerra del 2006. Lo scorso anno, un’organizzazione militante ha sparato due razzi contro il territorio dello stato ebraico.

Annunci

Il terrorista Kuntar decorato da Assad

Il terrorista Kuntar decorato da Assad

image_2322

Il terrorista infanticida libanese Samir Kuntar, scarcerato lo scorso luglio da Israele in cambio delle salme di Ehud Goldwasser ed Eldad Regev (i due ostaggi israeliani rapiti e uccisi da Hezbollah nel 2006), è stato insignito lunedì dal presidente siriano Bashar Assad dell’Ordine al Merito, la più alta onorificenza del paese.

“Kuntar non solo è stato il più anziano veterano fra i prigionieri nelle carceri israeliane – ha dichiarato Assad durante un incontro con il terrorista a Damasco – Kuntar è anche il più autorevole fra gli uomini liberi e meritevoli d’onore. Il fatto che sia qui con noi e la sua determinazione nel promuovere i diritti degli arabi, nonostante tutto quello che ha passato, ne fa un simbolo della lotta per la libertà in tutto il mondo arabo e nel mondo intero”.

Kuntar, dal canto suo, si è detto onorato di incontrare il presidente siriano. “La valorosa posizione della Siria impersonata dal comportamento del presidente Assad – ha affermato – il suo appoggio alla nobile resistenza armata e il suo rifiuto di qualunque ingiusta soluzione costituiscono la base di ogni resistenza armata di uomini liberi e sono fonte d’ispirazione per la ferma posizione dei prigionieri ancora nelle carceri dell’occupazione israeliana”.

Il pluriomicida libanese, giunto venerdì scorso in Siria per una visita di una settimana, ha aggiunto durante l’incontro con Assad che “la grandezza della Siria sta nel fatto che, quando venni arrestato trent’anni fa, essa lottava fermamente contro Israele e oggi che sono qui, lo fa ancora. Porto con me in Siria, al presidente Bashar Assad, la benedizione dei combattenti per la libertà della valorosa resistenza islamica [Hezbollah], e porto la benedizione del popolo libanese combattente che prova per la Siria fedeltà e amore per la sua posizione, particolarmente riguardo alla guerra del luglio 2006 [la seconda guerra in Libano]”.

Poco prima, sempre lunedì, Kuntar aveva accompagnato 500 drusi siriani al confine con Israele dove aveva esclamato: “Molto presto Assad sventolerà la bandiera siriana sulle alture del Golan”.

(Da: YnetNews, Ha’aretz, 24.11.08 )

Nella foto in alto: Samir Kuntar ricevuto lunedì a Damasco dal presidente siriano Bashar Assad

Kuntar giura che ucciderà altri israeliani

Kuntar giura che continuerà col terrorismo

Israele.net

Germania: vietata la trasmissione dei programmi di Al Manar, la tv degli Hezbollah

Germania: vietata la trasmissione dei programmi di Al Manar, la tv degli Hezbollah

al-manar-tv

Perche’ suoi programmi sono improntati all’odio contro gli ebrei

(ANSA) – BERLINO, 21 NOV, 14:40 – Il ministro degli Interni tedesco Schaeuble ha vietato all’emittente tv libanese Al Manar Tv di trasmettere in Germania. E’ quanto riporta Die Welt spiegando che la Al Manar Tv, gestita dal movimento sciita Hezbollah, trasmette programmi improntati all’odio contro gli ebrei e che questo tipo di programmazione e’ incostituzionale in Germania. Non ci saranno ulteriori provvedimenti contro l’emittente poiche’ la Al Manar Tv non ha infrastrutture in Germania.

Già pronto il nuovo pretesto per la guerra di Hezbollah contro Israele

Già pronto il nuovo pretesto per la guerra di Hezbollah contro Israele

image_2311

“Non dobbiamo accettare la Linea Blu come un confine, la Linea Blu non è il confine fra Libano e Israele: è solo la linea che segna dove si sono ritirate le forze israeliane dal Libano meridionale nel maggio 2000”. Lo ha dichiarato il 3 novembre scorso Nawaf al-Moussawi, responsabile per i rapporti internazionali di Hezbollah, in occasione di un incontro con l’ambasciatore norvegese in Libano Aud Lise Norheim.

La cosiddetta Linea Blu venne segnata dai cartografi delle Nazioni Unite nel giugno 2000 nel momento il cui verificarono il completo ritiro israeliano dal Libano in conformità con la risoluzione 425 del Consiglio di Sicurezza: pur differendo leggermente dalla linea di confine fissata nel 1923 fra Mandato Britannico e Mandato Francese nonché dalla linea di armistizio del 1949, la Linea Blu viene considerata il confine internazionale fra Israele e Libano.

Secondo Moussawi, la linea del 1923 sarebbe stata fissata dalle “organizzazioni terroriste sioniste” che in questo modo avrebbero derubato il Libano di sette villaggi e una ventina di fattorie. Il riferimento è a sette villaggi sciiti in Alta Galilea che vennero inclusi nel Mandato Britannico in base al trattato di demarcazione del confine firmato fra Francia e Gran Bretagna nel 1923, dopo che un primo testo di accordo non definitivo di alcuni anni prima li aveva inclusi nel Mandato Francese.

“Dobbiamo stare in guardia rispetto al tentativo di farci riconoscere la Linea Blu come il confine, perché ciò priverebbe il Libano di milioni di metri quadrati di territorio nazionale”, ha aggiunto l’esponente Hezbollah.

Con questa affermazione in pratica la milizia sciita libanese filo-siriana e filo-iraniana dichiara per la prima volta in un contesto internazionale quale sarà il prossimo pretesto per muovere guerra a Israele, quand’anche venisse raggiunta un’intesa sulla questione delle cosiddette Fattorie Shabaa (catturate da Israele alla Siria nel 1967, ma ora rivendicate da Beirut) e del villaggio di Ghajar (cresciuto negli anni a cavallo della linea di confine). “Stanno giocando con questioni insignificanti a cui praticamente nessuno in Libano dà la minima importanza – afferma Magnus Ranstorp, un esperto di Hezbollah dello Swedish National Defense College – Stanno montando una questione relativamente irrilevante: così, se anche Israele si ritirasse dalle Fattorie Shabaa ci saranno i sette villaggi… Ci sarà sempre qualcosa che sapranno confezionare”.

(Da: YnetNews, Ha’aretz, Jerusalem Post, 4.11.08 )

“Non mi fermerò finché Israele non sarà distrutto”

“La nozione stessa di Israele è morta: verrà spazzata dalla faccia della Terra”

Israele.net

Libano: la Siria non riesce a impedire il rifornimento di armi a Hezbollah

Libano: la Siria non riesce a impedire il rifornimento di armi a Hezbollah

070208whogoestherexsp5

1 Ottobre 2008

Difficile chiudere ermeticamente il passaggio delle armi per Hezbollah.

Il ministro degli Esteri siriano Walid Moallem ha detto che Damasco non è in grado di fermare il contrabbando di armi diretto all’Hezbollah libanese.

In una intervista al quotidiano arabo Sharq al Awsat, il capo della diplomazia siriana ha detto che il traffico di armi continua perchè è impossibile chiudere ermeticamente il confine tra Siria e Libano. Secondo Moallem, in questo momento Hezbollah non ha comunque bisogno di armi.

Gli israeliani, che stanno conducendo con la Siria un negoziato di pace indiretto con la mediazione della Turchia, hanno chiesto a Damasco di impegnarsi a bloccare il traffico di armi verso il gruppo estremista sciita.

L’Occidentale

Per i giornali arabi Obama è solo un’altra pedina di Israele

Obama nel mondo islamico

Per i giornali arabi Obama è solo un’altra pedina di Israele

obama-israeli-flag

di Roberto Santoro e Kawkab Tawfik

7 Novembre 2008

La Lega Araba e l’ANP. Il presidente della Lega araba Amr Moussa e quello dell’ANP Abu Mazen sono stati i più cauti. Per avere la pace in Medio Oriente Obama dovrà risolvere il conflitto israelo-palestinese e condurre una politica diversa da quella “fallimentare” di George W. Bush. Moussa e Abu Mazen hanno utilizzato due argomenti classici: la palestinolatria, ovvero giudicare la questione palestinese come la soluzione di ogni problema del mondo musulmano, e la propaganda antiamericana, visto che Bush ha stremato (ma non azzerato) i regimi terroristi, le dittature religiose, le monarchie e le autocrazie islamiste.

Hamas ed Hezbollah. Il diplomatico Moussa in sostanza dice le stesse cose dei terroristi di Hamas. Secondo Fawzy Barhum, il portavoce del movimento che governa Gaza: “Obama deve imparare dagli errori di Bush inclusa la distruzione dell’Afghanistan, dell’Iraq, del Libano e della Palestina”. Come se Al Qaeda, i Talebani, Saddam Hussein e l’Hezbollah quei paesi li avessero ricostruiti. “Vogliamo che il presidente americano sostenga la causa palestinese o almeno che non appoggi l’occupazione israeliana”, ordinano i ducetti di Hamas.

Abdelbari Atwan scrive su Al Quds Al Arabi, uno dei principali giornali di Beirut. In un provocatorio editoriale intitolato “Obama’s Historic Intifada” spiega che “l’Islam sarà in grado di imporre il suo punto di vista al resto del mondo”. Durante la presidenza Bush, infatti, “l’America è stata controllata dai sionisti che hanno come obiettivo la distruzione del mondo arabo”. Qualcuno informi Atwan che Obama ha scelto come capo del gabinetto presidenziale Rahm Emanuel, un ebreo-americano figlio di militanti dell’Irgun. Anche Al Jazeera fa il punto sulla nuova squadra spiegando che “Emmanuel è un politico figlio della strada come Obama”. Vengono riportate le affermazioni del presidente al giornale israeliano Maariv: “La nomina di Emmanuel sarà un bene per Israele… è chiaro che il presidente sarà a favore di Israele, perché no? E’ forse un arabo?”.

L’Iran e la Siria salutano il ritorno degli Usa alla democrazia. Per l’agenzia iraniana “Irna” l’elezione di Obama è stata “una catarsi nazionale”. I governi liberali di Teheran e Damasco si riconoscono nell’uomo che “ha spazzato via le ultime barriere razziali nella politica americana, una svolta che sarebbe sembrata impensabile solo due anni fa”. Proprio come fanno i presidenti Ahmadinejad e Assad con le loro minoranze religiose e i dissidenti. “Obama deve distanziarsi dagli approcci sbagliati di Bush perché così vuole il popolo americano – chiede il ministro degli esteri iraniano Mottaki – l’elezione del presidente mostra la richiesta di cambiamenti essenziali nelle politiche interna ed estera”. Ma quanto sono alti i pulpiti degli ayatollah…

I toni cambiano se leggiamo i quotidiani di Teheran. Per l’Iranian Daily: “L’uomo nero non cambierà la politica americana”. In un editoriale del Jomhouri-ye Eslami leggiamo che “La cosa migliore che potrà fare l’uomo nero alla Casa Bianca è di sostituire parte dello staff e cambiare alcune procedure cerimoniali”. Non si occuperà di modificare “la struttura del regime americano che è egemonizzato dai capitalisti, dai sionisti e dai razzisti”. La stampa svela che democratici e repubblicani sono parte della stessa “oppressione americana”. Il ministro dell’informazione di Damasco, Bilal, auspica che “la vittoria di Obama consentirà di passare da una politica di guerra e embargo a una politica di diplomazia e dialogo” ma per il quotidiano siriano Al Watan “Obama non sarà molto meglio di Bush o forse peggio”. Questa contraddizione tra le dichiarazioni di principio dei leader e l’antisemitismo della stampa emerge con evidenza nelle vignette dei maggiori giornali arabi.

Afghanistan e Pakistan. Lo speaker talebano Qari Mohammad Yousuf: “non abbiamo particolari aspettative ma se Obama manderà altre truppe in Afghanistan il nostro Jihad continuerà”. E il presidente Karzai: “La mia prima richiesta è che gli americani mettano fine alle uccisioni dei civili”. Che bel modo di ringraziare gli amici. L’ambasciatore pakistano a Washington: “Il presidente Zardari ha espresso la speranza che le relazioni Pakistan-Usa si intensifichino sotto la nuova leadership americana”. Ma le vignette sui quotidiani di Islamabad mostrano un Obama dalla bocca spalancata che vomita missili e bombe sul Pakistan.

Egitto, Arabia Saudita e Golfo Persico. Al Ahali, il portale del Partito Nazionale Democratico egiziano (quello del presidente Mubarak) non ha dedicato neppure un titolo alla vittoria di Obama. Il Saudi Daily invece rincara la dose: “Non ci sono differenze significative tra Obama e McCain. Erano in disaccordo solo sui modi per raggiungere gli obiettivi americani che saranno perseguiti per altri cento anni”. Questi sarebbero gli alleati più fedeli degli Stati Uniti nel mondo arabo. L’editorialista saudita Dawood al-Shirian scrive che con Bush e i neoconservatori “hanno rinnegato se stessi e il sogno americano”. Che riconoscenza per l’amministrazione che ha salvato il culo dei principi sauditi dal golpe di Bin Laden.

L’Occidentale

Hezbollah cerca il successore di Mughniyeh

Hezbollah cerca il successore di Mughniyeh

ricorda nulla?.....

Manifestazione di Hezbollah: ricorda nulla?.....

lunedì 03 novembre 2008

di ELENA LATTES

Secondo quanto riporta un quotidiano qwaitiano (ma non confermato da altre fonti) Mustafa Shehada sarà il nuovo capo di Hezbollah. L’organizzazione terroristica sciita sta infatti scegliendo il successore di Mughniyeh ucciso in un attentato a Damasco lo scorso febbraio.

Secondo l’articolo, alla base della scelta di Shehada ci sarebbero diverse motivazioni: è uno dei fondatori del gruppo, ha una larga esperienza militare, è un uomo che gode della fiducia di tutti i boss, “sa come raggiungere i suoi scopi sia a breve che a lungo termine” e, forse l’elemento più importante, è che è un “backstage player”, uno che lavora dietro le quinte, evitando accuratamente qualsiasi tipo di esposizione mediatica.

Numerosi esponenti dell’organizzazione fondamentalista hanno dichiarato che durante gli ultimi anni si sono impegnati a stabilire un solido commando militare e non hanno più bisogno quindi di un capo di prima linea, poiché l’esperienza ha loro mostrato che in questo modo l’assassinio di un alto ufficiale ridurrebbe l’impatto su tutto il gruppo armato.

Mughniyeh, che si è nascosto per molto tempo prima di essere ammazzato all’età di 45 anni, è probabilmente l’ideatore e il mandante di una serie di attacchi negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso, che hanno ucciso centinaia di americani e israeliani sia in Libano che in altri Paesi nel mondo. Si trovava anche nella lista dei più ricercati stilata dall’FBI con una taglia di 25 milioni di dollari, stessa cifra offerta per Osama Bin Laden.

Gli Stati Uniti, infatti, consideravano Mughniyeh la mente dietro le bombe all’ambasciata americana a Beirut e all’attentato contro il quartier generale dei Marines in Libano nel 1983 che uccise oltre 200 americani. Mughniyeh fu anche incriminato per il dirottamento dell’aereo della compagnia TWA nel 1985.

Contemporaneamente alla nomina di Shehada è arrivata una fatwa dall’Iran, emanata direttamente dall’Ayatollah Ali Khamenei, che riconferma Nasrallah capo supremo dell’organizzazione terroristica.

Agenzia Radicale