I bambini di Hamas

I bambini di Hamas

“Trucidate gli ebrei come a Hebron nel ’29; fatevi esplodere a Gerusalemme e Tel Aviv”

“Trucidate gli ebrei come a Hebron nel ’29; fatevi esplodere a Gerusalemme e Tel Aviv”

image_2343

Quelli che seguono sono brani da sermoni di leader religiosi arabi islamici tenuti in solidarietà con la striscia di Gaza, trasmessi dalle emittenti tv Al-Manar e Al-Aqsa il 3 e il 5 dicembre 2008.

Sceicco Himam Sa’id, guida suprema della Fratellanza Islamica in Giordania: “Oh nobile Gaza, leva alta la testa. Voi avete fatto levare alto il capo dei musulmani. E voi, gente di Hebron, voi state combattendo una guerra contro gli ebrei, e lo sapete fare bene. Abbiamo visto come, in un giorno del 1929, avete trucidato gli ebrei di Hebron [riferimento al pogrom arabo del 23 agosto 1929 che, con 67 morti, pose fine alla plurisecolare presenza ebraica a Hebron]. Oggi, trucidateli sulla terra di Hebron, uccideteli in Palestina. Levatevi, o genti di Palestina, tutte le genti di Palestina, levatevi in difesa della Moschea Al-Aqsa, levatevi in difesa di Nablus e di Hebron. Levatevi e affrontate le forze di Sicurezza Preventiva [dell’Autorità Palestinese]. Non abbiate paura di loro, giacché sono dei conigli. Anche i lupi, non temeteli, oh leoni! […] Oh giovani, cosa direte al governo di Giordania? Espelli l’ambasciatore ebreo da Amman. Amman è pura e l’ambasciatore ebreo non deve contaminare il suo suolo. Si richiami l’ambasciatore giordano dalla Palestina [sic]. Solo i mujahideen [combattenti del jihad] dovrebbero stare in Palestina, non ambasciatori, né ministri, né qualunque rappresentante di questa nazione [giordana]. Non si riconosca l’ambasciatore di questa nazione [giordana] in Palestina. La Palestina è la terra del jihad, del sacrificio e dell’addestramento. Noi diciamo a questo governo [giordano]: basta con la normalizzazione dei rapporti con gli ebrei, basta con tutto l’import-export con gli ebrei. I nostri mercati sono pieni di frutta e verdura ebraica. I commercianti che importano questa frutta e verdura sono dei traditori, dei collaborazionisti. Diteglielo, fate sentire la nostra voce. La posizione degli studiosi religiosi è che chiunque commerci con gli ebrei è un traditore e un collaborazionista”.

Husan Abdallah, dell’Associazione libanese degli studiosi islamici: “A nome dell’Associazione degli studiosi islamici, io dico: la tregua con l’entità sionista [Israele] è priva di senso. La soluzione è rinnovare la lotta armata in modo ancora più forte e più efficace. Fate di nuovo esplodere i vostri corpi puri a Gerusalemme e a Tel Aviv e in tutte le città occupate di Palestina, giacché questo nemico non capisce altro linguaggio che quello della forza. […] Al coraggioso popolo egiziano diciamo: sollevati e abbatti il confine artificiale, porta cibo e medicine ai tuoi fratelli assediati a Gaza. Il popolo egiziano deve mettere in campo un’azione di violenza, anche a rischio della galera, anche a rischio di morire: saranno martiri in nome di Allah”.

Osama Hamdan, rappresentante di Hamas in Libano: “Il nostro obiettivo è liberare tutta la Palestina, dal fiume [Giordano] al mare [Mediterraneo], da Rosh Hanikra a Umm Al-Rashrash [Eilat]. Da Gaza, signori… noi non vogliamo uno Stato di 364 chilometri quadrati, e non vogliamo uno Stato da mendicare al tavolo dei negoziati. Un tale Stato non esisterà mai. Ciò che vogliamo è uno Stato libero, che preservi il proprio onore, che sia di 27.000 chilometri quadrati: la grandezza della Palestina nella sua interezza [equivalente a Israele più Cisgiordania e striscia di Gaza]”.

(Da: memri.org, 10.12.08 )

Mumbai? Colpa della “lobby ebraica mondiale”

”Resistenza significa che è lecito violare le donne israeliane”

Israele.net

PMW: I programmi televisivi per bambini della tv dell’Autorità Palestinese negano l’esistenza di Israele

PMW: I programmi televisivi per bambini della tv dell’Autorità Palestinese negano l’esistenza di Israele

Israele NON ESISTE!

La geografia secondo la tv dell'ANP: Israele NON ESISTE!

Gerusalemme, 10/12/2008 – I programmi televisivi per bambini della tv dell’Autorità Palestinese negano l’esistenza di Israele. Secondo uno studio dell’istituto Palestinian Media Watch, il messaggio principale che questi programmi continuano a inviare è che Israele non esiste affatto e va sostituito con lo “Stato di Palestina”.

Ecco qualche dato di geografia trasmesso dalla tv di Fatah: le città della Palestina comprendono Tiberiade, Acco, Nazareth, Giaffa, Haifa, Ashkelon, Eilat, Ashdod, Safed, Beer Sheva (tutte in Israele); la superficie della Palestina è di 27.000 kmq (Cisgiordania e striscia di Gaza sono in totale 6.000 kmq); la valle di Jezreel (israeliana) è chiamata il “granaio della Palestina”; Safed (nella Galilea israeliana) viene definita “capoluogo della Palestina settentrionale”.

(Fonte: Israele.net)

Gaza: Hamas invia messaggi di guerra

Gaza: Hamas invia messaggi di guerra

terrorismo-palestinese

Tel Aviv, 8 dic – La fine della tregua, concordata sei mesi fa, con la mediazione egiziana, potrebbe essere vicina – questa l’interpretazione di Israele dei continui messaggi a carattere militare di Hamas.

A Gaza è stato distribuito un poster che mostra in primo piano un miliziano armato di Hamas, sullo sfondo compaiono la Moschea al-Aqsa di Gerusalemme, un folla di sostenitori di Hamas e la galleria dei leader del Movimento. Su YouTube sostenitori di Hamas hanno diffuso un video che mostra l’ esercitazione di un reparto militare di Hamas mentre “tende una imboscata ad una pattuglia israeliana”. Nel video i soldati di Israele sono sorpresi dal fuoco di mortai, poi colpiti da più parti da raffiche di arma automatica e quindi finiti da distanza ravvicinata.

Nuovi incidenti intanto sono stati registrati nella Striscia, e i valichi commerciali di transito con Israele sono rimasti chiusi.

Fonti militari a Tel Aviv riferiscono che da Gaza è stato lanciato un razzo verso Israele, che è tuttavia caduto all’ interno della Striscia. Lungo i reticolati di confine della Striscia, di fronte al kibbutz israeliano di Beeri, una pattuglia israeliana ha inoltre scoperto tre ordigni in procinto di esplodere, che sono stati neutralizzati da artificieri dell’esercito.

Un portavoce delle brigate Ezzedin al-Qassam, braccio armato di Hamas, ha riferito che una jeep israeliana è stata colpita dal fuoco palestinese, gli israeliani non confermano.

Germania: vietata la trasmissione dei programmi di Al Manar, la tv degli Hezbollah

Germania: vietata la trasmissione dei programmi di Al Manar, la tv degli Hezbollah

al-manar-tv

Perche’ suoi programmi sono improntati all’odio contro gli ebrei

(ANSA) – BERLINO, 21 NOV, 14:40 – Il ministro degli Interni tedesco Schaeuble ha vietato all’emittente tv libanese Al Manar Tv di trasmettere in Germania. E’ quanto riporta Die Welt spiegando che la Al Manar Tv, gestita dal movimento sciita Hezbollah, trasmette programmi improntati all’odio contro gli ebrei e che questo tipo di programmazione e’ incostituzionale in Germania. Non ci saranno ulteriori provvedimenti contro l’emittente poiche’ la Al Manar Tv non ha infrastrutture in Germania.

PMW (Palestinian Media Watch): ecco come vengono educati i bambini palestinesi

PMW (Palestinian Media Watch): ecco come vengono educati i bambini palestinesi

”Resistenza significa che è lecito violare le donne israeliane”

”Resistenza significa che è lecito violare le donne israeliane”

image_2315

Quelli che seguono sono brani tratti un’intervista con l’avvocato egiziano dottoressa Nagla Al-Imam, trasmessa sulla tv pan-araba Al-Arabiya lo scorso 31 ottobre.

Intervistatore: L’avvocato egiziano dottoressa Nagla Al-Imam suggerisce ai giovani arabi di molestare sessualmente in qualunque modo ogni ragazza israeliana che incontrassero in qualunque luogo come nuovo strumento di resistenza contro Israele. […] L’avvocato Nagla Al-Imam è collegata dal Cairo. Benvenuta. Qual è lo scopo di questa sua nuova proposta?

Nagla Al-Imam: Si tratta di una forma di resistenza. Secondo la mia opinione, sono un bersaglio lecito per tutti gli arabi e non c’è niente di sbagliato in questo…

Intervistatore: In base a che cosa?

Nagla Al-Imam: Innanzitutto loro violano i nostri diritti, loro “stuprano” la terra. Poche cose sono tanto gravi quanto lo stupro della terra. Secondo il mio punto di vista, questa è una nuova forma di resistenza.

Intervistatore: In qualità di avvocato, non pensa che questo possa esporre i giovani arabi a condanne per violazione della legge contro le molestie sessuali?

Nagla Al-Imam: La maggior parte dei paesi arabi… con l’eccezione di tre o quattro che non penso permettano in ogni caso l’ingresso di donne israeliane, la maggior parte dei paesi arabi non hanno leggi contro le molestie sessuali. Pertanto, se le donne arabe sono bersaglio legittimo per gli uomini arabi, non c’è niente di sbagliato nel fatto che lo siano anche le donne israeliane.

Intervistatore: Ciò comprende anche lo stupro?

Nagla Al-Imam: No. Le molestie sessuali… Dal mio punto di vista, le donne israeliane non hanno alcun diritto di reagire. I combattenti della resistenza non darebbero inizio una a cosa del genere, perché i loro valori morali sono molto più elevati. Tuttavia, se accade loro una cosa del genere, le donne israeliane non hanno diritto di avanzare alcuna pretesa perché ciò non farebbe che trattarle alla pari: lasciate la nostra terra e noi non vi stupreremo. Sono due cose alla pari. […] Io non voglio che giovani arabi vengano inquisiti. Io voglio che queste ragazze sioniste con cittadinanza israeliana vengano cacciate dai paesi arabi. È una forma di resistenza e un modo per rigettare la loro presenza.

(Da: memri.org, 31.10.08 )

Il filmato (con didascalie in inglese) è visibile qui

Si veda anche:

La novità Obama e l’arretratezza dell’ostilità verso Israele

“L’annientamento degli ebrei in Palestina sarà la più splendida benedizione”

La malattia del Medio Oriente

Israele.net