Teheran, bruciato negozio Benetton perchè “filo-sionista”

Atto di ostilità contro il marchio, considerato “filo-sionista”

Teheran, bruciato negozio Benetton

Una delle tante pubblicità filosioniste della Benetton.....

Una delle tante pubblicità filosioniste della Benetton.....

Un quotidiano iraniano: «L’arrivo della catena italiana aveva già provocato proteste»

TEHERAN, 31 Dicembre 2008 – Un negozio della catena italiana Benetton è stato dato alle fiamme nelle prime ore del mattino a Teheran in segno di protesta contro l’offensiva israeliana a Gaza. Lo riferisce lo ‘Straits Times’ di Singapore, citando l’iraniano ‘Jomhuri Eslami’. Secondo il quotidiano iraniano, con il gesto si è voluto colpire Benetton perché «legato alla rete sionista», aggiungendo che l’apertura dei negozi dell’azienda di Treviso «ha scatenato numerose proteste negli scorsi due anni».

INCHIESTA – La boutique si trovava a Dowlat street, nella ricca zona settentrionale della capitale iraniana. I vigili del fuoco di Teheran hanno aperto un’inchiesta.

Corriere.it

Annunci

Libano: Soldati scoprono 7 razzi con timer vicino confine Israele

Libano: Soldati scoprono 7 razzi con timer vicino confine Israele

Una rampa di lancio dei missili Katyuscia

Una rampa di lancio dei missili Katyuscia

Beirut, 25 dic. (Ap) – I soldati libanesi hanno scoperto vicino alla frontiera con Israele sette razzi muniti di timer che erano sul punto di esplodere. Lo hanno annunciato responsabili dell’esercito di Beirut.

I militari stanno facendo brillare i Katyusha, rinvenuti nei pressi della città di confine di Naqoura. I responsabili dell’esercito hanno rivelato che i timer dei razzi erano funzionanti, ma non hanno chiarito se erano puntati in direzione del territorio dello stato ebraico.

L’organizzazione militante Hezbollah ha un grande arsenale di razzi, ma raramente lo ha utilizzato contro Israele dalla guerra del 2006. Lo scorso anno, un’organizzazione militante ha sparato due razzi contro il territorio dello stato ebraico.

Khaled Meshaal, leader di Hamas: “Entro alcuni anni questo mondo cambierà, sottomesso al volere arabo-islamico”

Khaled Meshaal, leader di Hamas: “Entro alcuni anni questo mondo cambierà, sottomesso al volere arabo-islamico”

Khaled Meshaal, il terrorista attualmente leader di Hamas

Khaled Meshaal, il terrorista attualmente leader di Hamas

05/12/2008 Da un discorso del capo dell’ufficio politico di Hamas Khaled Mesha’al, andato in onda su Al-Jazeera lo scorso 12 ottobre: “A voi, fratelli e sorelle arabi e musulmani, dico che siete secondi soltanto ad Allah nel contrastare l’egemonia americana e questo avviene grazie alla Palestina, al Libano, all’Iraq, all’Afghanistan e a tutte le incrollabili forze della resistenza della nostra nazione. È dimostrato che questo è un mondo oppressivo basato sull’usura e la tirannia. Quando vuole, Allah fa crollare questi sistemi. Entro alcuni anni questo mondo cambierà, sottomesso al volere arabo-islamico, ad Allah piacendo. Altrimenti come facciamo a credere all’hadith che ci dice che gli alberi e le pietre lotteranno al nostro fianco?” (L’Hadith in questione dice: “Verrà l’ora in cui il musulmano muoverà guerra all’ebreo e lo ucciderà, e finché vi sarà un ebreo nascosto dietro una roccia o un albero, la roccia e l’albero diranno: musulmano, servo di Dio, c’è un ebreo nascosto dietro di me, vieni e uccidilo”).

(Fonte: Israele.net)

Essere ebrei oggi è un rischio come negli anni ’30

Edizione 260 del 02-12-2008

Massacro a Mumbai

Essere ebrei oggi è un rischio come negli anni ’30

kill_jews_for_peace

di Dimitri Buffa

Oggi come negli anni ’30 essere ebrei è molto pericoloso. Per carità a Mumbai ne sono morti oltre 200 di ogni credo, razza e religione. Però quello che più ha colpito la gente è stata la spietatezza con cui hanno ucciso il rabbino, la moglie e gli altri quattro ebrei nell’abitazione in cui erano asserragliati. E come questa cosa sia accettata per normale: erano ebrei non avevano scampo in partenza. Diciamocela tutta, l’Islam del fanatismo oggi è il nuovo nazismo. Se ne è accorto anche Alfonso Gianni di Rifondazione che si domanda se mai qualcuno scenderà in piazza per questi morti. Per adesso dobbiamo accontentarci di quelli che sabato, nel solito corteo pro Palestina di Roma, hanno continuato a mandare slogan di odio e lettere ai giornali in cui rimpiangono di non avere potuto bruciare le bandiere israeliane, cioè dello stato cui appartenevano i sei trucidati a Mumbai. Intanto ieri il Jerusalem Post riportava ulteriori particolari sulla dinamica dell’eccidio nella Chabad House: non tutti sarebbero stati uccisi dai terroristi, almeno due o tre di loro potrebbero essere stati ammazzati inavvertitamente dai proiettili della polizia indiana intervenuta a più riprese tra mercoledì e venerdì sera. Parlando al telefono da Mumbai il signor Haim Weingarten, il responsabile della squadra speciale israeliana per il recupero dei feriti e dei caduti, la Zaka (che però non è potuta intervenire tempestivamente in loco), ha ipotizzato che almeno due o tre dei morti della Chabad house possano essere stati fatti fuori dal fuoco amico. O presunto tale. L’unica nota positiva riguarda gli altri due cittadini israeliani che fino a domenica sera risultavano dispersi e che da oggi non sarebbero più tali.

Così anche questo doloroso capitolo delle sofferenze degli ebrei nel mondo, per il solo fatto di essere ebrei, dovrebbe considerarsi chiuso. Solo in teoria però, perché questa triste vicenda, che si è andata a inserire nel quadro ancora più tragico dell’attentato, anzi della catena degli attentati nella ex Bombay, in generale insegna al mondo libero una cosa: essere ebrei oggi significa morire per primi in caso di qualsivoglia mattanza preodinata da un qualsiasi commando di terroristi. Anche i nazisti non uccidevano solo gli ebrei. Solo che gli ebrei venivano ammazzati per primi, senza pietà. E fa specie che dal mondo arabo, in un giorno come questo, l’unico commento in merito sia quello di una nota attrice e cantante, di cui evitiamo di fare il nome, che sostiene che l’odio anti-ebraico faccia parte del Dna di ogni buon cittadino islamico. Come se tutto ciò non fosse abbastanza, ieri una mazzata per Israele è venuta dall’Europa, più precisamente da un documento interno che prefigura le future linee di accordo per una pace con i palestinesi. Nel documento redatto sotto la presidenza Ue della Francia si fa finta che sette anni di terrorismo di Hamas non ci siano mai stati e si richiede, oltre che Gerusalemme capitale dei due Stati, la riapertura della Orient House, una delle istituzioni palestinesi chiusa d’autorità nel 2001 dopo l’attentato alla pizzeria Sbarro in cui morirono oltre 25 cittadini israeliani. Era un simbolo quel luogo chiuso e nessun governo aveva mai osato riaprirlo finchè non si fosse raggiunto un accordo serio per fare cessare il terrorismo. Adesso l’Europa avverte Gerusalemme di avere deciso altrimenti.

L’Opinione.it

Mumbai (India): strage alla Nariman House, il centro ebraico gestito dai Chabad Lubavitch

Mumbai (India): strage alla Nariman House, il centro ebraico gestito dai Chabad Lubavitch

Sei ostaggi uccisi venerdì nel centro ebraico Chabad a Mumbai. Tra loro il rabbino Gavriel Holtzberg e la moglie Rivka, di Afula (Israele)

Sei ostaggi uccisi venerdì nel centro ebraico Chabad a Mumbai. Tra loro il rabbino Gavriel Holtzberg e la moglie Rivka, di Afula (Israele)

Strage al centro ebraico: trovati sei cadaveri

di Aldo Baquis

Israele ha seguito minuto per minuto, prima con angoscia e poi con profondo cordoglio, l’evolversi del dramma nel Centro ebraico ultraortodosso Chabad di Mumbai (Nariman House) dove per due giornate terroristi hanno tenuto in ostaggio cittadini israeliani.

Solo ieri sera si è appreso che nell’operazione condotta da una unità speciale indiana sono rimasti uccisi sei ostaggi (tra cui il rabbino Gavriek Noach Holtzberg e la moglie Rivka) e due terroristi. Secondo il New York Times, il rabbino era originario di Brooklyn ed aveva la nazionalità americana. Il figlio della coppia, il piccolo Moshe, 2 anni è stato salvato da una cuoca del centro di Mumbai e si trova attualmente con i nonni. In precedenza era stato ucciso sul tetto del palazzo anche un maggiore dell’esercito indiano.

L’altro ieri il ministro israeliano della difesa Ehud Barak aveva offerto ai responsabili indiani della sicurezza di inviare subito a Mumbai l’unità anti-terrorismo di Israele. Ma la proposta è stata respinta. Agli israeliani non è rimasto dunque che seguire dagli schermi televisivi la calata da un elicottero sul tetto dei Nariman House dei commando indiani, poi la loro conquista dei due piani superiori dell’edificio (di cinque piani), quindi l’apertura di un varco con l’esplosivo.

Nel tardo pomeriggio le forze indiane erano emerse dal palazzo ostentando segni di vittoria: ma poi si è appreso che nessun ostaggio era sopravvissuto.

Il centro Chabad appartiene ad una rete internazionale istituita dalla setta rabbinica dei Lubavitch per sopperire alle svariate necessità religiose degli ebrei anche nelle località più sperdute al mondo. Ogni ostello Chabad diventa così un polo di attrazione per gli ebrei e gli israeliani che si trovano nelle vicinanze. Sono migliaia gli emissari di Chabad come il rabbino Gabriel Holzberg e la moglie che gestivano il centro di Mumbai: ora si si sentono tutti nel mirino del terrorismo islamico, al pari delle rappresentanze diplomatiche di Israele. Il ministro degli esteri Tzipi Livni ha confermato che quel Centro è stato colpito intenzionalmente «in quanto obiettivo ebraico-israeliano». Al calar delle tenebre è iniziato il riposo sabbatico e i congiunti in Israele sono stati costretti a chiudere gli apparecchi radio-televisi e a recarsi in sinagoga. Al termine di 24 ore ci si metterà a lutto.

Il Tempo.it

Mumbai: irruzione dei terroristi nella sede della Nariman House, un centro religoso ebraico

Mumbai: irruzione dei terroristi nella sede della Nariman House, un centro religoso ebraico

La Nariman House, il centro religioso ebraico di Mumbai dove i terroristi hanno fatto irruzione

La Nariman House, il centro religioso ebraico di Mumbai dove i terroristi hanno fatto irruzione

Un rabbino, Gabriel Holtzberg, è fra gli otto israeliani sequestrati dai terroristi in azione a Mumbai da ieri sera. Lo rende noto il quotidiano israeliano Haaretz, precisando che il religioso, che ha anche un passaporto americano, si trova, insieme ad almeno altri due ostaggi, nel centro religioso ebraico della Nariman House, da cui invece stamane è stata liberata una donna e un bambino, con ogni probabilità i famigliari del rabbino. Altri “cinque o sei israeliani”, si legge inoltre, sono fra i 100-200 ostaggi sequestrati in diversi luoghi della città.

(Fonte: Haaretz)

Terrore a Mumbai (India): Terroristi lanciano una serie di attacchi simultanei contro albergi, stazioni e siti turistici prendendo in ostaggio decine di occidentali

Anche l’India sta subendo la tragedia del terrorismo islamico

ripresi due terroristi (Ap)

Terrore a Mumbai. La capitale economica dell'India è stata colpita da una serie simultanea di attacchi ad alberghi, stazioni e siti turistici. Decine di ostaggi occidentali, soprattutto americani ed inglesi, sono tenuti in ostaggio dai terroristi negli hotel. In alto alcune immagini mostrate dalle tv locali e internazionali: ripresi due terroristi (Ap)

Mumbai sotto scacco. Come nel luglio del 2006 la capitale economica indiana è preda di attacchi simultanei. In quell’occasione morirono circa duecento persone e altre settecento furono ferite. Secondo le autorità di Delhi a colpire fu nell’occasione il gruppo Laskhar e – Toiba, formazione decisa non solo a rendere indipendente il Kashmir ma addirittura a liberare i musulmani del nord e del sud dell’India, cacciando gli induisti da quelle aree. Un gruppo cresciuto nel magma del conflitto afgano, il Lashkar, l’ala armata del Mdi, nato nel 1990 nella provincia afgana del Kunar.

E’ nato soprattutto con l’obiettivo di combattere il regime filosovietico di Najibullah. Nel 1992, dopo la vittoria dei Taliban, focalizza l’attenzione sul Kashmir. Nel frattempo si lega a doppio filo all’intelligence militare pachistana, l’Isi, che della destabilizzazione del grande e ingombrante vicino indiano ha fatto una delle sue missioni storiche e alla nascente Al Qaeda.

Ma il Laskhar è solo uno dei tanti gruppi radicali che combattono l’India. A colpire, come già qualche tempo fa a Jaipur, Bangalore, Ahmedabad, devastate da sanguinosi attentati, possono essere stati i cosiddetti “Mujahedin indiani” o l’Harkat-ul-Jihad-al-Islami, il “Movimento Islamico per la Jihad”, che ha radici in Bangladesh. Oppure un gruppo meno noto, come i Mujaheddin del Deccan, sigla jihadista poco conosciuta che avrebbe rivendicato l’azione di ieri.

Del resto la galassia radicale è assai popolata e mescola spesso sigle di comodo. Per molti militanti di quei gruppi, però è comune intersecare la lotta per la liberazione del Kashmir con l’annunciata missione di convertire con la spada l’intero subcontinente purificato dalla presenza hindu. Progetti folli, non di meno capaci di gettare il panico attraverso quel formidabile strumento politico che, nell’epoca attuale, è diventata la paura della paura.

Così i terroristi attaccano (e meno male che quelli che colpiscono in India si chiamano terroristi!) treni e alberghi, luoghi affollati e pieni di turisti, divenuti come già nell’Egitto degli anni Novanta, uno dei bersagli preferiti. In particolare quelli americani e britannici. Perché i turisti sono religiosamente “impuri”, vettori di contaminazione culturale, e con i loro comportamenti “viziosi” sostengono finanziariamente i “governi empi”. (…)

Da Repubblica

«Questa è la brutta faccia del fondamentalismo islamico, per il linguaggio e l’acredine con cui quella gente ci ha chiesto se eravamo americani o britannici», ha commentato Chamberlain.

Dal Corriere

Esperimento