Vice presidente iraniano: “La cancellazione del regime sionista deve essere un obiettivo globale”

Vice presidente iraniano: “La cancellazione del regime sionista deve essere un obiettivo globale”

Il Vice Presidente iraniano Esfandiar Rahim Masha

Il Vice Presidente iraniano Esfandiar Rahim Masha

La Mecca, 10/12/2008 “La cancellazione del regime sionista deve essere un obiettivo globale”. Lo ho dichiarato martedì il vice-presidente iraniano Esfandiar Rahim Masha. In pellegrinaggio alla Mecca, Masha si è incontrato con il presidente sudanese Omar el-Bashir al quale ha detto che “il regime sionista corrotto e criminale nuoce non solo al mondo arabo-islamico, ma anche a tutta l’umanità perché è all’origine della maggior parte delle crisi del mondo attuale”. Pochi mesi fa lo stesso Masha aveva suscitato scandalo in Iran affermando che “l’Iran è amico di Israele”.

(Fonte: Israele.net)

Iran: studenti attaccano sede diplomatica Egitto colpevole di “cooperazione con Israele”

Iran: attacco contro ufficio Egitto

studenti attaccano ufficio Egitto

Iran: studenti attaccano ufficio Egitto

Studenti fondamentalisti contestano cooperazione con Israele

(ANSA) – TEHERAN, 8 DIC – Scontri sono avvenuti a Teheran fra polizia e studenti fondamentalisti che cercavano di attaccare la sezione d’interessi dell’Egitto. Lo riferisce l’agenzia Fars. Durante una manifestazione per ”protestare contro la cooperazione del governo egiziano con il regime sionista”(Israele), alcuni giovani, appartenenti alle milizie dei volontari islamici, hanno lanciato petardi contro la sede diplomatica. Poi hanno fatto un sit-in nella strada antistante e recitato preghiere prima di andarsene.

Gli arabi cominciano a fare mea culpa sulla questione palestinese

Quel bacio tra Arafat e Khomeini

Gli arabi cominciano a fare mea culpa sulla questione palestinese

di Andrea B. Nardi

La morte di Arafat ha permesso per la prima volta un concreto avvicinamento fra Israele e l’Anp. D’altro canto, oggi ci troviamo a fare i conti con l’Iran che a Gaza fomenta Hamas nella destabilizzazione del processo di pace. Due casi emergono in questi giorni a conferma di quanto siano distanti le mire dell’Iran e di Hamas dagli interessi dei palestinesi.

khomeini_arafat

Una delle istituzioni moderne eticamente più imbarazzanti è il comitato per l’assegnazione del premio Nobel per la pace, da decenni specializzatosi nell’arzigogolare su per i pinnacoli del politically correct. Esempio recente ne è stata l’assegnazione all’anodino Al Gore per presunti meriti ecologistici, subito smentiti e smascherati da ogni parte.

Tuttavia il caso più penoso fu certo nel 1994, quando venne insensatamente attribuito addirittura ad Yasser Arafat, non solo assassino di civili e capo del terrorismo palestinese, ma responsabile proprio dell’interruzione di quel processo di pace appena avviato il 9 settembre 1993 dalla firma con cui il primo ministro israeliano Yitzhak Rabin aveva riconosciuto l’Olp come legittimo rappresentante del popolo palestinese. Da quel momento Arafat – per puri interessi di potere personale – smantellò sistematicamente il processo di pace mantenendolo nello stallo che avrebbe fatto fallire il trattato di Oslo, aumentando la tensione terroristica con attentati e omicidi, fino a raggiungere il culmine nel 1999 col fallimento del vertice di Camp David, seguito dalla seconda intifada.

Oggi Arafat non c’è più, e la sua morte ha finalmente affrancato la dirigenza palestinese dal suo peso ingombrante, permettendo per la prima volta da oltre mezzo secolo un concreto avvicinamento fra Israele e l’Anp di Abu Mazen. D’altro canto, oggi ci troviamo a fare i conti con la regia dell’Iran khomeinista che fomenta Hamas nella destabilizzazione terroristica del processo di pace. Chi ci va di mezzo, come sempre, è la carne di due popoli, costretti a una guerra miserabile per le brame feudali di pochi baroni mediorientali, siano essi presidenti, dittatori, boss del contrabbando o ayatollah. Due casi emergono in questi giorni a conferma – neanche ce ne fosse bisogno – di quanto siano distanti le mire imperialistiche dell’Iran e dei suoi vassalli di Hamas dagli interessi del popolo palestinese: un’intervista e un viaggio.

L’intervista l’ha rilasciata Mash’al Al-Sudairi, columnist saudita del giornale londinese Al-Sharq Al-Awsat. Il giornalista ha criticato il mondo arabo per la sua ossessione per l’occupazione israeliana e la sua indifferenza di fronte all’occupazione di altri territori arabi compiuta da stati musulmani – per esempio l’annessione alla Turchia del distretto siriano di Alexandretta (adesso Iskenderun), oppure la recente occupazione con cui l’Iran si è impadronito di tre isole degli Emirati Arabi Uniti nel Golfo Persico (Greater Tunb, Lesser Tunb e Abu Moussa). A proposito della questione palestinese, dalle parole di Al-Sudairi trapela un profondo rimpianto e il rimorso per la responsabilità dei paesi arabi e dei dirigenti palestinesi verso la tragedia mediorientale: «Non c’è dubbio che l’occupazione ebraica di una parte della Palestina costituisca una grande questione, che non abbiamo mai saputo come affrontare. Quando negli anni 30, infatti, ci venne offerto l’80% della Palestina, mentre agli ebrei veniva offerto il 20%, abbiamo rifiutato. Alla fine degli anni 40 ci venne offerto il 49% della Palestina e il restante 51% agli ebrei, e noi abbiamo ancora una volta rifiutato l’offerta. Oggi, li stiamo supplicando di darci il 22%, quello che rimane della Palestina, e loro ci offrono solo il 20%».

«Ora io non voglio parlare sotto il profilo politico, ma voglio soltanto denunciare come gli arabi non si rendano ancora conto dei danni che si sono auto inflitti nella loro storia. Per sessant’anni il mondo arabo ha concentrato tutti i propri sforzi soltanto sulla questione palestinese, ma con una continua incertezza che ha esaurito ogni nostra risorsa, capacità, tempo e perfino la nostra libertà. Nello stesso tempo non abbiamo fatto altro che colpi di stato, guerre, omicidi, arresti, espulsioni, summit, commerci di armi, conferenze, attribuendoci reciproche accuse e tradendoci di continuo. Io scommetto, e sono pronto a farlo di fronte ad Allah, che se solamente il 10% del denaro investito dai paesi arabi per gli armamenti e le loro stupide guerre fosse stato investito nella costruzione dei territori palestinesi e nella stabilizzazione di quel popolo, adesso il West Bank e Gaza avrebbero un tenore di vita più elevato di Singapore. A causa dei tumulti provocati in Palestina, invece, noi abbiamo completamente trascurato il fatto che altri paesi arabi abbiano rubato parti di territori alla luce del sole, e mai una sola parola di protesta si è levata dal mondo arabo». Il tutto a discapito della pace, come dimostra un semplice dato: la bandiera su cui oggi si fonda la guerra di Hamas e degli estremisti arabi è la creazione di quei due stati separati che gli arabi stessi non hanno voluto nel 1948 e per cui hanno scatenato questa tragedia sessantennale. Adesso il motivo del contendere sono i confini del 1967 che si rifanno al piano di Ginevra, a sua volta fondato sulla creazione britannica della Palestina e allora rifiutato dagli arabi.

Il secondo dato che enuncia l’assurdità di questa situazione viene da un recente viaggio in Israele di un ebreo italiano, di cui celiamo il nome per la sua sicurezza. Ne risulta un mondo sommerso di gente normale, arabi ed ebrei che nei paesi e nei quartieri limitrofi vivono una quotidianità semplice fatta di gesti pacifici e di sostegno umano, ma celata agli occhi degli estremisti per timore di orrende rappresaglie. Ci si saluta, si beve il tè assieme e si chiacchiera disillusi e rimpiangendo una pace che i vecchi sanno di non riuscire a vivere abbastanza per vedere realizzata. Ebrei e palestinesi si vedono di nascosto sviluppando una forte solidarietà fra la gente comune, indipendentemente dalla religione, ma sono costretti a scappare appena sono in vista di qualche gruppo estremista. Una vita fatta di passeggiate circospette per evitare cecchini e delazioni, un mondo di rimpianti per tutte le occasioni mancate, un mondo che nemmeno i giornali riescono a raccontare. Un mondo, infine, dove per gli estremisti arabi è più importante la guerra a Israele piuttosto che la pace del proprio popolo.

L’Occidentale

Quella stretta di mano peccaminosa

Quella stretta di mano peccaminosa

La stretta di mano tra Muhammad Sayid Tantawi e Shimon Peres

La stretta di mano tra Muhammad Sayid Tantawi e Shimon Peres

La massima autorità dell’Islam sunnita, il Grande Imam della Moschea di Al-Azhar, nonché Grande Sceicco della correlata Università di Al-Azhar (Cairo), Muhammad Sayid Tantawi, non sa chi è Shimon Peres. O quantomeno, questa è la spiegazione che ha addotto per giustificare la stretta di mano con il presidente Israeliano durante una cena nel corso dell’incontro interreligioso svoltosi a New York lo scorso 14 novembre, sotto l’egida dell’ONU.

La foto della stretta di mano ha provocato lo sdegno di numerosi politici egiziani, per la maggior parte gli indipendenti affiliati ai Fratelli Musulmani, tanto che c’è stato chi, come il parlamentare Moustafa Bakri, ha chiesto le dimissioni di Tantawi dalle sue autorevoli cariche, sostenendo che l’incontro con Peres sia stato “un affronto a tutti i Musulmani in qualsiasi luogo”.

Frattanto, nell’evenienza che qualcuno avesse potuto pensare diversamente, un portavoce del Ministero degli Esteri Iraniano non ha mancato di riaggiornarci sulla posizione del suo paese, per cui “l’Iran esprime il suo dissenso in merito alla normalizzazione dei rapporti con Israele sotto ogni profilo”.

(E pensare che “lo scopo dell’incontro interreligioso è quello di promuovere una comprensione reciproca”, aveva detto il Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-Moon, aggiungendo: “Spero che si crei un’atmosfera favorevole che possa portare ad affrontare le differenze nelle questioni politiche”. Ma questo non ci turba particolarmente, perché non abbiamo mai riposto troppa fiducia in questo genere di incontri).

Per difendersi dagli attacchi, Tantawi ha dichiarato al giornale egiziano Al Masri Al Youm: “Ho stretto la mano di chi me la porgeva. Tra questi c’era anche Shimon Peres, che non ho riconosciuto, così gli ho stretto la mano come ho fatto con gli altri, per caso, senza nemmeno sapere chi era. Ma anche se avessi saputo chi era, una stretta di mano è un’eresia?“. Inoltre Tantawi ha definito quanti hanno pubblicato la foto incriminata “uno branco di lunatici”.

Non so cos’è peggio: essere un leader mondiale di tale stazza, un’autorità spirituale e giuridica rappresentativa del 90% della popolazione egiziana (per limitarci al paese che firmò, nel 1979, gli accordi di pace con Israele) e non sapere chi è quel vecchietto onnipresente di Shimon Peres, o quantomeno l’attuale presidente di quello Stato che quotidianamente occupa ampi spazi sui giornali egiziani; oppure mentire spudoratamente per non fare saltare i gangheri a quanti, a 30 anni dalla firma degli accordi, ancora mettono in discussione la pace con Israele.

Haaretz

Thanks to Esperimento

Napolitano: “Condanniamo i proclami contro Israele”

NAPOLITANO: CONDANNIAMO I PROCLAMI CONTRO ISRAELE

ITALY PERES

GERUSALEMME – ”L’Italia fa la sua parte per bloccare i programmi nucleari dell’Iran che vanno al di la’ della produzione di energia”, ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dopo un colloquio con il presidente israeliano Shimon Peres.

L’Italia, ha sottolineato, applica le sanzioni decise dell’Onu che hanno avuto come conseguenza una riduzione del 22% in un anno dell’interscambio italo-iraniano. L’Italia ha inoltre deciso una copertura piu’ limitata per le esportazioni verso l’Iran. ”L’Italia fara’ di piu’ quando lo decidera’ la Comunita’ internazionale”.

Napolitano ha condannato “i deliranti proclami” contro l’esistenza dello Stato di Israele ed ha affermato che l’Italia “non può che reagirvi con indignazione e rafforzare il proprio impegno affinché tali voci siano per sempre bandite e mai più l’umanità torni a rivivere le aberrazioni del passato”, lo ha detto rispondendo all’indirizzo di saluto del presidente israeliano Shimon Peres.

“Il momento della pace non può più essere differito”, ha detto il presidente della Repubblica. “La pace – ha aggiunto – richiede scelte coraggiose e non è di facile conseguimento. Ma è anche la migliore, l’unica vera garanzia dei diritti dei popoli della Regione e, fra questi di quello di Israele ad esistere e prosperare come Stato ebraico”. “Per la prima volta dopo lunghi anni – ha aggiunto – gli sforzi coraggiosi di recente hanno portato a riannodare il filo spezzato del dialogo e lasciano intravedere per la prima volta, dopo lunghi anni, un concreto orizzonte di speranza”.

Quindi, ha concluso, si deve “innalzare lo sguardo e mirare lontano, verso l’ineludibile traguardo della pacifica convivenza di due Stati sovrani, in cui i due popoli che vivono su questa terra ricca di storia potranno finalmente realizzare, assieme ai loro legittimi ed inalienabili diritti le loro aspirazioni alla pace e le loro potenzialità di sviluppo”. Napolitano, che è accompagnato dal ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha sottolineato gli ottimi rapporti tra Italia e Israele e la vicinanza al popolo ebraico che ha affrontato “prove durissime” e in particolare “l’immane tragedia della Shoah”. “L’Italia gli è vicina – ha detto – nella difesa del suo irrinunciabile diritto di vivere in pace e sicurezza accanto agli altri Paesi della Regione”.

ANSA

Iran: impiccato perchè “Spia per Israele”

Dall’inizio dell’anno più di 200 esecuzioni in Iran

«Spia per Israele», impiccato un iraniano

Ali AshtarI (Afp)

Ali AshtarI (Afp)

Eseguita la condanna a morte dell’imprenditore 43enne Ali Ashtari, accusato di collaborare col Mossad

TEHERAN – È stata eseguita in Iran la condanna a morte dell’imprenditore Ali Ashtari, 43 anni, accusato e poi condannato lo scorso giugno alla pena capital perché sospettato di essere una spia assoldata dal Mossad, il servizio segreto di Israele. La notizia dell’esecuzione è stata resa nota da un funzionario del ministero dell’informazione iraniano citato dall’agenzia Isna.

LA MAGISTRATURA IRANIANA: «HA CONFESSATO» – «Il direttore generale del ministero dell’informazione, incaricato di contro spionaggio, ha annunciato l’impiccagione di Ali Ashtari, che era stato condannato a morte in giugno per spionaggio per conto del regime sionista», scrive l’Isna. Ma in un comunicato la magistratura iraniana fa sapere da parte sua che Ashtari è stato impiccato lunedì scorso. Si afferma inoltre che l’imprenditore avrebbe confessato. La condanna a morte fu pronunciata il 30 giugno scorso.

PIÙ DI 200 ESECUZIONI DALL’INIZIO DELL’ANNO – In Iran è stato inoltre impiccato un trafficante di stupefacenti, secondo quanto riferisce il quotidiano Etemad. L’uomo si chiamava Majid ed è stato giustiziato nel carcere di Bandar Abbas, nel sud del Paese. Il giornale non precisa la data dell’esecuzione. Il condannato era stato arrestato mentre trasportava a bordo del suo camion 109 chilogrammi di morfina destinati alla Turchia. L’impiccagione porta ad almeno 204 il numero delle sentenze capitali eseguite in Iran dall’inizio dell’anno, secondo fonti di stampa. Tra questi figura anche Ashtari.

(Fonte: Corriere della Sera, 22 novembre 2008 )

Il mistero della nave iraniana: la morte che arriva dal mare

Il mistero della nave iraniana: la morte che arriva dal mare

Data: 16 ottobre 2008
Autore: La Redazione
Testata: Logan’s Centro Studi sul Terrorismo
Titolo: Attacco dell’Iran contro Israele?

Che l’Iran cercasse la distruzione di Israele era ovvio, Ahmadinejad non ne ha mai fatto un mistero però tutti hanno pensato ad un attacco nucleare. Un fatto sconvolgente di questi giorni, invece, fa intravedere una nuova prospettiva.

Avevamo già riportato un articolo di Guido Olimpo relativo alla nave iraniana Deyanat attaccata dai pirati della Somalia, alcuni giorni fa, però ci sono stati degli sviluppi importanti a questo riguardo che sono stati riportati in un articolo di Brian Harrig.

Il mistero della nave iraniana: la morte che arriva dal mare

una bomba sporca galleggiante?

La nave Deyanat: una bomba sporca galleggiante?

Di Brian Harrig

Il 21 agosto 2008 la MV Iran Deyanat, una nave porta rinfuse, di 44458 tonnellate di portata, era in rotta verso il Canale di Suez. Mentre stava passando il corno d’africa, a circa ottanta miglia a sudest di al-Makalia nello Yemen, viene circondata da motoscafi carichi di bande di pirati somali, che usano attaccare navi commerciali , tenere in ostaggio navi ed equipaggi insieme al carico. Il comandante della nave è chiaramente impotente di fronte a quaranta pirati armati di Ak-47 e di granate a razzo che gli bloccano la via di fuga. Non ha altra scelta che scagliare la nave contro.
Quello che i pirati non avevano previsto è che questa non era una nave normale.

La MV Iran Deyanat è di proprietà ed opera per conto della Islamic Republic of Iran Shipping Lines – IRISL – Linee Navali della Repubblica Islamica dell’Iran – una compagnia governativa amministrata dall’esercito iraniano che è stata sanzionata dal Dipartimento del Tesoro statunitense il 10 settembre, poco dopo il dirottamento della nave. Secondo il governo americano, la compagnia falsifica regolarmente i documenti di navigazione per nascondere l’identità degli utenti finali, utilizzando anche termini molto generici per descrivere i carichi ed in questo modo deviare l’attenzione delle autorità navali; in più adotta l’utilizzo di entità nascoste per evitare le sanzioni delle Nazioni Unite per facilitare la proliferazione militare del Ministero della Difesa iraniano.

La MV Iran Deyanat è salpata da Nanjing, in Cina, il 28 luglio e, secondo la sua documentazione, era diretta a Rotterdam, dove avrebbe dovuto scaricare 42 500 tonnellate tra metallo e prodotti industriali non ben identificati, ordinati da un anonimo cliente tedesco. La nave ha un equipaggio di 29 uomini compreso il comandante pachistano, un ingegnere iraniano, 13 altri iraniani, 3 indiani, 2 filippini, e 10 uomini dell’Europa dell’est, risultati poi essere albanesi.

La MV Iran Deyanat viene dirottata ad Eyl, un piccolo villaggio di pescatori a nordest della Somalia ed è sorvegliata da un grande numero di pirati – 50 uomini a bordo e 50 uomini sulla spiaggia. I pirati somali tentano in un primo momento di ispezionare i sette containers che si trovano a bordo della nave che però sono chiusi e sigillati. I membri dell’equipaggio affermano di non essere in possesso dei codici d’accesso e che non sono in grado di aprirli. I pirati ritengono di non avere la possibilità di aprirli senza causare dei danni gravi alla nave e minacciano di farla saltare in aria. Il capitano e l’ingegnere della nave iraniana vengono contattati per chiedere loro di rivelare la vera natura del misterioso “carico polveroso” però il comandante il comandante ed i suoi ufficiali rimangono molto vaghi al riguardo. Inizialmente affermano che il cargo trasporta petrolio grezzo, in seguito dichiarano che trasporta “minerali”. Dopo questo tentativo di depistaggio, i pirati scassinano uno dei containers e scoprono che è pieno di sacchetti che descrivano come “sporchi di una polvere sottile come la sabbia”.

Nel giro di tre giorni, i pirati che avevano aperto il container con un carico granuloso simile alla polvere, hanno tutti sviluppato strane complicazioni sanitarie, incluse una serie di ustioni cutanee e la perdita di capelli. Nel giro di due settimane, sedici pirati sono a catena, chi sulla nave chi sulla spiaggia.

Notizie relative alla strana malattia e al carico hanno raggiunto velocemente Garowe, sede del governo della regione autonoma del Puntland. Arrabbiati per l’ondata di atti di pirateria e con forti sospetti circa il carico della nave iraniana, il 4 settembre , le autorità hanno inviato una delegazione guidata dal ministro delle risorse minerali e del petrolio, Hassan Allore Osman, per esaminare la questione, che ha assistito ad alcune delle morti dovute all’esposizione a “qualcosa su quella nave”.

I pirati somali inizialmente avevano fissato il riscatto della nave a 2 milioni di dollari e il governo iraniano consegna 200000 dollari ad un intermediario locale “per facilitare lo scambio”. La consegna dei 2 milioni di dollari di riscatto, che deve aver luogo il 6 settembre, non viene rispettata per ragioni sconosciute. Dopo il 10 settembre, vengano applicate sanzioni contro la IRISL perché la compagnia è ritenuta essere compromessa in traffici illeciti per conto dei Guardiani della Rivoluzione.

Le negoziazioni ufficiali vengano interrotte completamente. Le autorità iraniane negano che ci siano stati degli accordi di pagamento di riscatto e neanche di aver pagato alcun cifra ai pirati. Tuttavia, dopo che le sanzioni sono state poste alla IRISL il 10 settembre, Osman ha dichiarato che gli iraniani avevano comunicato ai pirati che il patto era saltato: “ Hanno Comunicato ai pirati che non potevano venire per la presenza della marina statunitense”. La regione è pattugliata dalla task-force multinazionale 150, che include navi della quinta flotta degli Stati Uniti.

In seguito, è stato rilevato che il governo degli Stati Uniti aveva offerto di pagare 7 milioni di dollari ai pirati per “ avere il permesso di salire a bordo e di ispezionare la nave”. Gli ufficiali del Pentagono e del Dipartimento di Stato hanno rifiutato nella maniera più assoluta di commentare a questo riguardo.

L’esatta natura del cargo rimane ufficialmente un mistero, ma alcuni ufficiali di Puntland e di Baidoa sono convinti che la nave trasportasse carichi di armi verso l’Eritrea destinati ai ribelli islamisti . “Non possiamo ancora ispezionare il cargo ”, ha dichiarato Osman, “ma siamo sicuri che si tratti di armi”.

La marina degli Stati Uniti, quella francese e quella russa sono state avvistate davanti alle coste di Eyl, se il cargo iraniano fosse stato liberato, non sarebbe potuto andare da nessuna parte, perchè sarebbe stato catturato appena avesse preso il mare. Delle clausole specifiche approvate dalle Nazioni Unite e dal Congresso, avrebbero permesso alla marina degli Stati Uniti di catturare la nave poiché posta a sospetti. Il sospetto che ci fossero armi a bordo, e la possibilità che queste potessero essere armi chimiche, ha garantito che, quanto meno, un’ispezione della nave da parte delle autorità sarà assicurata. Mentre scrivo, la MV Iran Deyanat è ancora sorvegliata attentamente dalle unità navali statunitensi, francesi e russe.

Anche se l’intelligence americana e il governo stanno mantenendo uno stretto riserbo sulla vicenda, lo stesso non è stato applicato dai russi ed è in questo modo che siamo venuti a conoscenza della vera storia della MV Iran Deyanat. Si tratta di un’enorme bomba sporca galleggiante che avrebbe dovuto esplodere dopo aver oltrepassato il canale di Suez al limite orientale del mediteranno a prossimità delle città costiere di Israele.

L’intero carico di sabbia radioattiva, acquistata dall’Iran alla Cina – quest’ ultima necessita disperatamente di petrolio dall’Iran- e trasportata nei container, sarebbero saltati in aria, dopo che fossero state innescate delle cariche sulla nave e dopo che l’equipaggio sarebbe salito a bordo di scialuppe di salvataggio, in un luogo dove venti forti avrebbero trasportato la nube radioattiva verso terra.

Dato il gran numero di vittime fra i pirati somali, è ovvio che quando il contenuto del carico chiuso si fosse dissolto in area, avrebbe raggiunto la costa ed il danno in vittime sarebbe stato enorme. Questa nave era né più né meno l’attacco iraniano ad Israele da tempo promesso.

Non un attacco missilistico preventivato che avrebbe potuto essere intercettato dagli israeliani ma un attacco maggiormente letale ed inaspettato che arrivava dal mare.

E’ interessante notare che il governo israeliano nelle scorse settimane, aveva ripetutamente e fortemente richiesto che gli Stati Uniti ponessero un blocco navale all’Iran.

La ragione di questo blocco sarebbe stata una prevenzione certa contro qualsiasi nave iraniana con carichi mortali per impedire un attacco contro Israele o contro qualunque altro bersaglio dal mare.

Logan’s Centro Studi sul Terrorismo