I paesi arabi moderati a Israele: «Uccidete i capi di Hamas»

I paesi arabi moderati a Israele: «Uccidete i capi di Hamas»

di Fiamma Nirenstein

A perdere la pazienza sono soprattutto ormai i paesi arabi moderati: una notizia bomba fa rumore fra le decine di missili Kassam e Grad che hanno terrorizzato e ferito gli israeliani di Sderot e dei kibbutz vicini a Gaza alla vigilia della fine della tahadiyeh, la tregua con Hamas, che si conclude oggi.

Israele è incerta sull’intervento, ha di fatto già lasciato che la copertura della tregua lasciasse che Hamas si munisse di armi di lunga gittata e di un sistema di difesa efficiente, e consolidasse un grande sistema di tunnel. Il ministro della difesa Ehud Barak insiste nel dire «decideremo stadio dopo stadio qual è la strada migliore», mentre i cittadini di Sderot invocano l’intervento dell’esercito che li salvi dalle bombe. Ma certi Paesi arabi non sono della stessa opinione del mondo politico israeliano: scrive sul quotidiano Ma’ariv il famoso commentatore Ben Caspit che certi messaggi di leader arabi chiedono a Israele di eliminare i capi di Hamas. Uno di questi messaggi dice: «Tagliategli la testa». I leader temono che Hamas ricominci una guerra terroristica capace di infiammare tutta l’area.

La leadership di Gaza che si chiederebbe di colpire ha nomi e cognomi, secondo Caspit. Fra gli armati, Ahmad Labari, capo dell’ala militare e Ibrahim Gandur, più volte ferito. Fra i politici, si parla addirittura di Ismail Haniya, il primo ministro, di Said Siam, ministro degli Interni e di Mahmud al Zahar, uno dei leader più duri. Per capire le ragioni dell’eventuale richiesta araba, bastano due fattori. Il primo è quello dell’appartenenza di Hamas ai Fratelli Musulmani, diramata in tutto il Medio Oriente, jihadista senza compromessi contro ogni atteggiamento moderato. Hamas, specie sull’Egitto con cui ha un rapporto molto teso dopo averne rifiutato la mediazione con Abu Mazen e aver disertato con molta sfacciataggine l’incontro del Cairo che avrebbe dovuto costruire l’unità, ha un effetto domino che minaccia i regimi correnti.

La seconda ragione riguarda l’Iran, che minaccia i regimi moderati «forse più di quanto minacci Israele», ci dice il vice capo di Stato maggiore Dan Harel. Hamas è ormai una pedina strategica del regime degli ajatollah: Teheran e Damasco sono stati i primi responsabili dell’abbandono del tavolo egiziano da parte di Hamas, in particolare lo è stato Khaled Masha’al, che ha base a Damasco. Questo asse preme perchè Hamas non rinnovi l’accordo di tregua, sia per incastrare Israele in una guerra che lo metta nell’angolo dell’opinione pubblica internazionale, sia per impedire che l’Egitto possa vantare una vittoria strategica moderata.

Ma anche i più aggressivi fra i personaggi di Hamas sanno che la linea dura potrebbe essere la loro fine. Israele per ora pare abbia risposto che non leverà le castagna dal fuoco a nessuno: i nostri primi obiettivi, pare pensi la leadership militare, sono i terroristi che sparano i missili sui nostri cittadini, e non i grandi capi.

Il Giornale

Thanks to Esperimento

Striscia di Gaza: frattura interna tra i leader di Hamas

Striscia di Gaza: frattura interna tra i leader di Hamas

hamas-al-potere

Secondo il quotidiano Haaretz a dimostrare la divisione sarebbe la corrispondenza tra membri del movimento islamico intercettata dall’Autorità nazionale palestinese.

Esiste una frattura interna tra i leader di Hamas. A dimostrarlo sarebbe la corrispondenza tra membri del movimento islamico intercettata dai rappresentanti dell’Autorità nazionale palestinese e ottenuta dal quotidiano Haaretz.

In base a queste lettere, infatti, ci sarebbe una profonda divisione tra la leadership dell’organizzazione all’estero e quella della Cisgiordania da un lato, e i leader di Gaza dall’altro. Nei documenti ottenuti dal giornale israeliano si legge che la leadership che si trova all’estero sostiene di non voler “controllare completamente Gaza perderendo così la Cisgiordania”.

Questi leader sostengono che Hamas a Gaza abbia ostacolato le opportunità di giungere a un governo palestinese di unità nazionale ponendo condizioni “impossibili” e rifiutandosi di togliere il loro controllo assoluto della Striscia. Hamas nella Striscia di Gaza è attualmente guidato da Mahmoud Zahar, Said Siyam e Halil al-Haya, mentre la leadership estera è capeggiata da Khaled Meshal, capo dell’ala politica del movimento, e dal suo vice, Musa Abu-Marzuk.

Fonti palestinesi ritengono che Hamas a Gaza stia chiedendo un aumento del proprio peso politico all’interno della leadership del movimento, la Shura. In sostanza chiede che la propria rappresentanza passi dal 34 per cento al 51 per cento. A sostegno di questa richiesta enuncia il crescente sostegno dimostrato dai sostenitori e avverte i leader all’estero o in Cisgiordania dal non imporre il proprio modello a Gaza.

L’Occidentale

Siria: assassinato membro di Hamas in pieno giorno

Siria: assassinato membro di Hamas in pieno giorno

Damasco, 16 Settembre 2008 – Secondo quanto reso pubblico dal Partito siriano per la libertà, un gruppo di opposizione siriano con sede negli Stati Uniti, l’11 settembre scorso, nella città di Homs, nella Siria dell’ovest, in pieno giorno, Hisham al Labadani è stato trascinato fuori della sua auto e ucciso con armi da fuoco. Hisham al Labadani era segretario e capoufficio di Khalid Mashaal il dirigente di Hamas che ha stabilito la sua base a Damasco.

In Medio Oriente si mormora che l’omicidio di al Labadani abbia il significato di una intimidazione nei confronti di Hamas in particolare per la sua collaborazione sempre più stretta con il regime di Teheran che in Siria sta diventando ogni giorno più influente.

I mandanti sarebbero da ricercare in quella parte delle classi dirigenti siriane che auspica un riavvicinamento con l’Occidente e vede con sgomento il crescere del potere iraniano nella vita economica, sociale e politica del paese. Il silenzio mantenuto sinora sull’accaduto sia da parte del regime sia da parte di Hamas avrebbe avuto lo scopo di evitare un’esplosione di violenza da parte delle forze filo-iraniane.

In Siria, negli ultimi mesi, le uccisioni di esponenti politici si sono susseguite a riprova dello scontro in atto mentre la posizione di Baschar al Assad sembrerebbe indebolita della qual cosa starebbero approfittando gli iraniani.

L’ omicidio di al Labani è avvenuto alcuni giorni dopo che il regime aveva messo in guardia i dirigenti palestinesi di stanza in Siria dai piani israeliani per ucciderli. Nonostante ciò Israele non è stata menzionata anche se, generalmente, si ritiene il Mossad responsabile del tentativo di assassinare Khalid Mashaal in Giordania nel 1997. Anche il dirigente della Jihad islamica palestinese Ramdan Salah vive a Damasco.

di Anna Rolli

Agenzia Radicale

Medioriente. Possibile vertice Al Fatah – Hamas

Medioriente. Possibile vertice Al Fatah – Hamas

23/06/2008 – Gerusalemme- Potrebbero incontrarsi a Damasco, a luglio prossimo, il presidente dell’Autorità nazionale palestinese Abu Mazen e il leader di Hamas Khaled Mashaal, nel tentativo di riavviare un dialogo tra le due componenti politiche palestinesi.

Lo ipotizza il quotidiano kuwaitiano al Watan, pubblicando una intervista a Mashaal, che risiede da anni a Damasco. Per Mashaal è giunto il momento di riprendere a parlare, per «avviare un dialogo nel quale si possa discutere di tutti i problemi in modo da giungere alla concordia nazionale. Dobbiamo ricostruire – afferma – la casa palestinese prima all’interno dell’Anp e poi all’interno dell’Olp».
Abu Mazen aveva espresso la sua disponibilità già due settimane fa, con un discorso pubblico. La tregua tra Hamas e Israele, dichiarata la scorsa settimana, ha riaperto le trattative tra tutte le parti in conflitto.

Israele – 60 anni: For the record

Israele – 60 anni: For the record

NES n. 5, anno 20 – maggio 2008

Il sessantesimo anniversario dell’indipendenza di Israele è stato “celebrato” anche in questo modo:

9.04 – TV Al-Aqsa (Hamas), ministro della cultura di Hamas ‘Atallah Abu Al-Subh: “I Protocolli dei Savi di Sion costituiscono la fede che alberga nel cuore di ogni ebreo. Tutto ciò che vediamo nel mondo arabo e nel resto del mondo – la malvagità degli ebrei, i loro inganni, le loro furbizie, il loro bellicismo, il loro controllo del mondo, il loro disprezzo per tutti i popoli del mondo che loro considerano animali, scarafaggi, lucertole, serpenti, vermi schifosi da calpestare – tutte queste cose gli ebrei le dicono nei Protocolli”.

9.04 – TV libanese NBN, ambasciatore dell’Autorità Palestinese in Libano Abbas Zaki: “L’Olp non ha mai cambiato di una virgola il suo programma politico. Alla luce della debolezza della nazione araba e del controllo americano sul mondo, l’Olp ha deciso di procedere per fasi, senza cambiare i propri obiettivi strategici. Quando l’ideologia d’Israele inizierà a crollare e noi prenderemo Gerusalemme, l’ideologia d’Israele crollerà del tutto e noi, col volere di Allah, inizieremo a realizzare il nostro programma ideologico e li cacceremo fuori da tutta la Palestina”.

16.04 – La Medaglia d’Onore Al-Quds, massima onorificenza conferita dall’Olp, è stata attribuita a Ahlam Tamimi, detenuta in Israele per aver aiutato il terrorista che si fece esplodere nel ristornate Sbarro di Gerusalemme il 9 agosto 2001 (15 morti, fra cui sei bambini), e a Amra Muna, detenuta per aver adescato via internet l’adolescente israeliano Ophir Rahum e averlo attirato il 17 gennaio 2001 a Ramallah dove l’ha consegnato a un gruppo di terroristi Tanzim (Fatah) che lo hanno assassinato. Solo dopo la denuncia della stampa israeliana, Mahmoud Abbas (Abu Mazen) blocca la consegna delle medaglie.

18.04 – Documentario della TV Al Aqsa (Hamas): “I satanici ebrei escogitarono un malvagio complotto per sbarazzarsi di disabili ed handicappati con modalità cervellotiche e criminali”. Amin Dabur, capo del Centro Palestinese di Ricerche Strategiche: “L’Olocausto è tutta una frottola e fa parte di un perfetto show messo in piedi da Ben Gurion. La cifra di sei milioni di vittime ebree è pura propaganda”. Ben Gurion voleva “la gioventù forte ed energica e tutti gli altri – i disabili, gli handicappati – vennero mandati a morire, ammesso che ciò possa essere storicamente dimostrato. Furono mandati a morire dagli ebrei, affinché ci fosse un Olocausto e Israele potesse approfittarne per avere la simpatia del mondo”.

19.04 – TV Al-Hiwar (emittente araba da Londra), ministro della cultura siriano Riyad Na’san Al-Agha: “Sono d’accordo che si metta sotto processo chiunque condanna la resistenza [Hezbollah], chiunque prende parte al grande piano sul Medio Oriente con cui gli Stati Uniti controllano la nostra nazione [araba], chiunque mette in dubbio l’identità di questa nostra nazione. Quelli che vogliono [relazioni con Israele], Allah non voglia, dovranno sbarazzarsi di me e di molti altri come me. È il nostro destino, stiamo parlando di un conflitto eterno, [ma] sono ottimista che entro dieci anni Israele sarà giunto alla fine”.

26.04 – TV Al-Jazeera, capo del politburo di Hamas Khaled Mashaal: “La tregua è una tattica nella conduzione della lotta: è normale, per un movimento di lotta armata, in certi momenti intensificare [gli attacchi], in altri tirarsi indietro. È così che deve essere condotta la battaglia, e Hamas sa come farlo. Nel 2003 ci fu un cessate-il fuoco e poi le operazioni sono riprese”.

30.04 – Leader di Hamas Mahmoud A-Zahar: “Il popolo palestinese dispone di duecentomila persone pronte a suicidarsi, a morire come martiri facendosi esplodere insieme ai sionisti”.

2.05 – TV Al-Aqsa (Hamas), programma per bambini “Al-Mutamyazoon”: “Persevereremo e torneremo alla nostra terra, col volere di Allah. Torneremo a Giaffa, ad Acri, a Lidda, a Ramle e ad Ashdod. Torneremo in tutte queste città, a Haifa, a Tiberiade e a Tel Rabi’a, che i sionisti hanno rinominato Tel Aviv. Torneremo alla nostra terra quando saremo uniti, quando aderiremo alla nostra fede e al Corano. Uniamoci e torniamo domani al nostro paese da vittoriosi”.

4.05 – Durante un convegno in Danimarca, il leader del movimento islamico israeliano Raed Salah ha sollecita i palestinesi residenti in Europa ad esercitare il “diritto al ritorno” (all’interno di Israele): “Siamo venuti a portarvi questo messaggio di aspirazione per ogni granello di sabbia della Galilea, del Negev, della piana costiera, di Gerusalemme”.

8.05 – Ministro della cultura egiziano Farouk Hosni (candidato alla segreteria generale dell’Unesco) durante un convegno al parlamento del Cairo: “Brucerei io stesso i libri israeliani, se li trovassi nelle biblioteche egiziane”.

9.05 – TV Al-Aqsa (Hamas), programma per bambini “I pionieri di domani”: “Vivevamo nel posto più bello della Palestina, a Tel Al-Rabi’ [“collina della primavera”, traduzione dell’ebraico Tel Aviv]. Che posto stupendo! I sionisti e gli ebrei hanno ebraicizzato il nome in Tel Aviv, ma era Tel Al-Rabi’ da generazioni, sulla terra di Palestina, vicino a Giaffa. Io lo so, ho i documenti, ho anche la chiave. È terra nostra: i campi, gli alberi, le case”. [Tel Aviv venne fondata nell’aprile 1909 da una sessantina di famiglie ebree su dune sabbiose totalmente disabitate, acquistate a nord di Giaffa, come mostrano anche le immagini dell’epoca].

9.05 – Presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad: “Il regime sionista è un cadavere in putrefazione” destinato a scomparire. “L’esistenza dell’entità sionista è messa in discussione ed è sulla via della distruzione”.

11.05 – Nel “racconto della chiave”, film d’animazione realizzato dalla JohaToon (casa di produzione gestita da un gruppo di donne di Gaza legate a Hamas), gli ebrei vengono definiti “nemici della religione e nemici della patria”, e “sacro” viene definito il “diritto al ritorno” dei palestinesi all’interno di Israele. Le autrici sostengono di non essere “politicamente schierate”.

13.05 – TV Al-Jazeera, professore dell’Università di Giordania Ibrahim ‘Alloush: “Coloro che sono riusciti a mandare un martire a Dimona con esplosivo convenzionale dovrebbe considerare come mandare martiri a Dimona e altrove con armi non convenzionali, magari piccole bombe atomiche. Sono favorevole alle operazioni di martirio in Iraq, in Palestina e dovunque vi sia un’occupazione. Esistono prove scientifiche che dimostrano che l’Olocausto è una menzogna”.

15.05 – Leader di Hamas Mahmoud Zahar: “Il diritto al ritorno [all’interno di Israele] è più vicino che mai. Palestinesi e arabi hanno infranto il complesso di superiorità degli ebrei. Lo dico e lo ripeto ora più che mai: non riconosceremo mai Israele. Costruiremo uno stato palestinese su tutte le terre di Palestina. E il sole della libertà incenerirà i sionisti. Io dico loro: sarete sconfitti. Scapperete e noi vi daremo la caccia”.

15.05 – Presidente iraniano Mahmoud Ahmedinejad: Israele è “agonizzante”. “Quei criminali, con i loro festeggiamenti, si illudono di salvare il regime sionista dalla morte. Ma dovrebbero sapere che le nazioni del Medio Oriente odiano quel regime falso e criminale e che, appena si presenterà anche solo la minima occasione, lo distruggeranno”.

16.05 – Messaggio audio di Osama bin Laden: “Continueremo la lotta contro Israele. Finché ci sarà anche un solo vero musulmano sulla terra, non rinunceremo neanche a un centimetro di Palestina”.

Hamas: “La tregua è solo una mossa tattica”

Hamas: “La tregua è solo una mossa tattica”

Hamas accetterebbe un cessate il fuoco proposto dall’Egitto solo come una mossa “tattica” nella sua lotta contro lo stato d’Israele. Lo ha detto esplicitamente sabato scorso il capo del Politburo di Hamas con base a Damasco Khaled Mashaal in un’intervista alla tv al-Jazeera, facendo riferimento a una tregua di sei mesi proposta dall’Egitto tra Israele e la striscia di Gaza controllata da Hamas.

Nell’intervista, Mashaal ha detto che il suo movimento è disposto a cooperate, ma ha aggiunto subito dopo: “E’ una tattica nella conduzione della lotta. E’ normale, per un movimento di lotta armata che opera nell’interesse del popolo, in certi momento intensificare (gli attacchi), in altri tirarsi un po’ indietro. E’ così che deve essere condotta la battaglia, e Hamas sa come farlo. Nel 2003 ci fu un cessate-il fuoco – ha continuato il leader di Hamas – e poi le operazioni sono riprese”.

Detto questo, Mashaal ha aggiunto che Hamas starebbe ancora aspettando la risposta ufficiale di Gerusalemme all’offerta di tregua avanzata dal suo gruppo, e ha minacciato “un’esplosione di violenza” se Israele dovesse respingere l’offerta.

(Da: YnetNews, Jerusalem, Post, 26.04.08)

Nella foto in alto: il capo del Politburo di Hamas Khaled Mashaal

Hamas sotto pressione

Israele.net

Hamas, la minaccia ignorata

Il fine ultimo: distruggere Israele e combattere l’Occidente infedele

Hamas, la minaccia ignorata

di David Harris *

C’è quella storiella della madre convinta che il suo bambino prodigio di cinque anni debba ricevere un’ottima istruzione perché un giorno l’avrebbe mandato in una prestigiosa università. Così la donna decide di pomparlo con nuove parole dal vocabolario ogni giorno. Quando il piccolo Carlo torna a casa dalla scuola, sua madre prontamente gli chiede: “Carlo, qual è la differenza tra l’ignoranza e l’indifferenza?” Al che lui, totalmente disinteressato all’esercizio, scrolla le spalle e mormora: “Non lo so e non me ne curo”. A volte, questo è il messaggio che ricevo dal mondo su Hamas. E’ come se ci fosse un’ignoranza, forse un’ignoranza ostinata, circa quello che realmente vuol dire Hamas, che domina Gaza. Hamas fu creato nel 1988. Il suo fondamento ideologico risiede nella Fratellanza Musulmana. La sua Carta costitutiva parla chiaro. Il suo scopo è la distruzione di Israele e la sua sostituzione con uno stato islamico. E’ stato definito un gruppo terrorista dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti.

Ci sono alcuni in Occidente che scelgono di credere altrimenti. Henry Siegman, del Consiglio delle Relazioni Estere, rappresenta questa prospettiva. Sul Financial Times del 14 settembre 2006, Siegman affermò che Hamas avrebbe accettato Israele nei confini del 1967, citando una presunta dichiarazione di un portavoce di Hamas. Siegman è ritornato sull’argomento in un lettera aperta sull’International Herald Tribune ai primi di marzo 2008. Nel presentare queste posizioni, Siegman ed il Financial Times scelgono convenientemente di ignorare le montagne di prove contrarie che evidenziano l’immutata agenda di Hamas. Forse quei fatti sono troppo sconvenienti per prenderli in considerazione.

Cominciamo con la Carta costitutiva di Hamas, o Patto, la quale contiene bocconcini succulenti, quali: “Israele, per il suo essere stato ebraico e di avere una popolazione ebraica, sfida l’Islam e i musulmani. Lascia che gli occhi dei codardi non si addormentino”. Oppure: “Israele sorgerà e rimarrà eretto finché l’Islam l’avrà eliminato come ha eliminato i suoi predecessori”.

Oppure: “Il tempo non verrà finché i musulmani non lotteranno contro gli ebrei [e li uccideranno]; finché gli ebrei si nasconderanno dietro le rocce e gli alberi, e questi grideranno: Oh Musulmano! C’è un ebreo che si nasconde dietro di me, vieni e uccidilo!”. O ancora: “Allah è il suo obiettivo, il Profeta è il suo modello, il Corano la sua costituzione: il Jihad è il suo percorso e la morte alla ricerca di Allah è il più alto dei suoi desideri”. E per buona misura, il Patto di Hamas utilizza anche gli infami Protocolli dei Savi anziani di Sion con un linguaggio quale: “Loro [gli ebrei] stettero dietro le Rivoluzioni francese e comunista e dietro la maggior parte delle rivoluzioni di cui abbiamo udito qua e là. Loro usano i soldi per fondare organizzazioni clandestine che stanno spargendo in tutto il mondo per distruggere le società e perseguire gli interessi sionisti”.

Si considerino queste parole di Khaled Mashaal, il principale leader di Hamas, che vive a Damasco: “Oggi, la nazione araba ed islamica sta sorgendo e si sta svegliando, e giungerà alla sua vetta, Allah lo voglia… riguadagnerà il comando del mondo. Allah lo voglia, quel giorno non è lontano”. “Noi diciamo all’Occidente, che non agisce ragionevolmente e che non impara le sue lezioni: da Allah, voi sarete sconfitti”. Mashaal è solo nelle sue visioni? Neanche un po’. Nel novembre 2007, nel sessantesimo anniversario della decisione dell’ONU di ripartire la Palestina mandataria in due stati, uno arabo e uno ebraico, Hamas ha dichiarato ufficialmente: “La Palestina è terra islamica e araba dal fiume al mare, incluso Gerusalemme. Non c’è posto in essa per gli ebrei”.

E così via di seguito. Ma quello che risulta più minaccioso è l’abbinamento delle parole ai fatti. Come testimonia il quotidiano furioso lancio di razzi dalla striscia di Gaza, sotto il controllo di Hamas, verso Israele.

A questo punto, vedere Hamas come un gruppo che combatte per nulla più del ritorno di Israele ai confini del 1967 – oppure come un partner affidabile per i negoziati di pace – sforza la credulità ben oltre il punto di rottura. Le implicazioni del conflitto non sono solo regionali ma globali. Ricordiamo che la visione del mondo di Hamas si estende ben oltre Israele e gli ebrei. Essa mira alla dominazione islamica globale e alla restaurazione del califfato, rifiuta tutti i valori occidentali e ripudia anche i più elementari diritti umani, come la libertà di opinione e la libertà di religione. I suoi degni compari sono Iran, Siria, Hezbollah e Jihad islamico.

Si chieda ai giornalisti dell’impegno di Hamas per la libertà di espressione, dopo la chiusura della sezione di Gaza dell’Unione dei Giornalisti palestinesi e l’attuale rifiuto di permettere ai reporter stranieri e ai fotografi di operare senza i suoi severi controlli. Si chieda alla piccola comunità cristiana in Gaza che cosa è la vita sotto la dominazione di Hamas. O lo si chieda alle donne che aspirano alla libertà e all’uguaglianza. Oppure lo si chieda ai sostenitori di Fatah in Gaza, come Muhammad Swairki, un cuoco della guardia presidenziale di Mahmoud Abbas al quale, secondo il Deutsche Press-Agentur, gli uomini di Hamas spararono nelle ginocchia e poi lo gettarono giù dal tetto di un edificio di quindici piani.

L’ignoranza e l’indifferenza possono costituire vie di fuga molto attraenti, ma non risolvono il problema. Al contrario, queste l’esacerbano solamente, creando pensieri illusori. Israele oggi affronta una situazione unica. Confina con uno stato separatista che è guidato da un gruppo che fa appello apertamente alla sua distruzione, tentando in ogni modo possibile di importare di contrabbando armi e fondi da padroni come l’Iran, ed usando allegramente i civili come scudi umani. Hamas sta cercando di mettere Israele in una posizione indifendibile. Se Israele non entra in Gaza, le vite dei civili israeliani saranno messe a rischio dai ripetuti attacchi di razzi e mortai. Se Israele entra in Gaza, i soliti sospetti della comunità internazionale, incluso il Consiglio dei diritti umani dell’ONU e di alcuni editorialisti, gli faranno accumulare indubbiamente pile di condanne delle “azioni israeliane”. Condanne che non terranno nel minimo conto le gravi sfide che Israele affronterebbe nel condurre una effettiva guerra urbana, riducendo al minimo le vittime civili e concependo una strategia di uscita da un territorio che non vuole controllare. Non ci può essere una risposta facile per Israele, ma ignorare o glissare sulla vera natura di Hamas – o cercare di reinventarlo a distanza come un incompreso ma affidabile partner per un negoziato – non è il modo migliore di procedere.
_____________________________
* Direttore dell’American Jewish Committee (traduzione in italiano a cura di Carmine Monaco)

(L’Opinione.it, 08 aprile 2008)