Nasrallah: “Gerusalemme e tutta la Palestina dal fiume (Giordano) al mare (Mediterraneo) sono proprietà del popolo palestinese, degli arabi e dei musulmani”

Nasrallah: “Gerusalemme e tutta la Palestina dal fiume (Giordano) al mare (Mediterraneo) sono proprietà del popolo palestinese, degli arabi e dei musulmani”

Il leader di Hezbollah Sayyed Hassan Nasrallah

Il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah

Beirut, 29/09/2008 – “Gerusalemme e tutta la Palestina dal fiume (Giordano) al mare (Mediterraneo) sono proprietà del popolo palestinese, degli arabi e dei musulmani, e nessuno può cedere anche solo una pietra o un granello di terra perché ogni granello è terra santa”. Lo ha detto venerdì, in occasione della cosiddetta Giornata di Gerusalemme il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah, che ha aggiunto: “Israele non è solo nemico dei palestinesi, ma anche del Libano e di tutti i popoli arabo-musulmani. Israele è un tumore canceroso, come disse l’imam Khomeini. La nostra terra non verrà liberata implorando americani e occidente, ma con la volontà, le determinazione, la lotta armata e i sacrifici fatti dalle genti di questa regione. La jihad è l’unico modo che hanno i musulmani per conseguire i loro obiettivi”. Nasrallah ha anche detto che lo stato libanese dovrebbe procurarsi armi “clandestinamente, come fa Hezbollah” perché questo è “l’unico modo per accrescere la propria forza”.

(Fonte: Israele.net)

Mottaki: Israele deve essere annegato dai musulmani

MOTTAKI, ISRAELE DEVE ESSERE ANNEGATO DAI MUSULMANI

Il Ministro degli Esteri della Repubblica Islamica dell\'Iran

Teheran,1 Giugno 2008, 15:56 – Israele va eliminato dalla faccia della terra. Quello che e’ ormai un ritornello iraniano e’ stato ripetuto con una piccola variazione dal ministro degli Esteri della Repubblica Islamica, Manouchehr Mottaki. Riprendendo le parole del’ayatollah Khomeini, Mottaki ha detto nel corso di una conferenza da Teheran: “Se ogni musulmano gettasse un secchio d’acqua su Israele, Israele verra’ cancellato”. Gia’ il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, defini’ lo Stato ebraico un “topo morto” e un “corpo in decomposizione”. Mottaki, la cui presenza al vertice della Fao a Roma e’ ancora incerta, vi ha messo del suo, ma senza originalita’: “Oggi piu’ che mai, il regime sionista si sta disintegrando dall’interno. La Resistenza islamica ha ormai travolto la leggenda di invincibilita’ del regime sionista”.

Repubblica.it