Napolitano: “Condanniamo i proclami contro Israele”

NAPOLITANO: CONDANNIAMO I PROCLAMI CONTRO ISRAELE

ITALY PERES

GERUSALEMME – ”L’Italia fa la sua parte per bloccare i programmi nucleari dell’Iran che vanno al di la’ della produzione di energia”, ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dopo un colloquio con il presidente israeliano Shimon Peres.

L’Italia, ha sottolineato, applica le sanzioni decise dell’Onu che hanno avuto come conseguenza una riduzione del 22% in un anno dell’interscambio italo-iraniano. L’Italia ha inoltre deciso una copertura piu’ limitata per le esportazioni verso l’Iran. ”L’Italia fara’ di piu’ quando lo decidera’ la Comunita’ internazionale”.

Napolitano ha condannato “i deliranti proclami” contro l’esistenza dello Stato di Israele ed ha affermato che l’Italia “non può che reagirvi con indignazione e rafforzare il proprio impegno affinché tali voci siano per sempre bandite e mai più l’umanità torni a rivivere le aberrazioni del passato”, lo ha detto rispondendo all’indirizzo di saluto del presidente israeliano Shimon Peres.

“Il momento della pace non può più essere differito”, ha detto il presidente della Repubblica. “La pace – ha aggiunto – richiede scelte coraggiose e non è di facile conseguimento. Ma è anche la migliore, l’unica vera garanzia dei diritti dei popoli della Regione e, fra questi di quello di Israele ad esistere e prosperare come Stato ebraico”. “Per la prima volta dopo lunghi anni – ha aggiunto – gli sforzi coraggiosi di recente hanno portato a riannodare il filo spezzato del dialogo e lasciano intravedere per la prima volta, dopo lunghi anni, un concreto orizzonte di speranza”.

Quindi, ha concluso, si deve “innalzare lo sguardo e mirare lontano, verso l’ineludibile traguardo della pacifica convivenza di due Stati sovrani, in cui i due popoli che vivono su questa terra ricca di storia potranno finalmente realizzare, assieme ai loro legittimi ed inalienabili diritti le loro aspirazioni alla pace e le loro potenzialità di sviluppo”. Napolitano, che è accompagnato dal ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha sottolineato gli ottimi rapporti tra Italia e Israele e la vicinanza al popolo ebraico che ha affrontato “prove durissime” e in particolare “l’immane tragedia della Shoah”. “L’Italia gli è vicina – ha detto – nella difesa del suo irrinunciabile diritto di vivere in pace e sicurezza accanto agli altri Paesi della Regione”.

ANSA

Anche un militare italiano alla parata anti-Israele in Iran

Il caso Dopo le critiche per la presenza di un tedesco, l’ Italia rivela: «C’ era il nostro attaché, ma ha protestato per gli slogan antiebraici»

Anche un militare italiano alla parata in Iran

La Farnesina: «Eravamo informati». L’ ambasciata d’ Israele esprime «disappunto» Il ministero degli Esteri: «Non esiste nessuna linea comune europea contro la partecipazione a una simile parata militare»

Sfilano i soldati e i carri armati. Sfilano i missili balistici Shahab-3, sui quali è dipinta la scritta «Israele deve essere spazzata via dalle mappe». Appare lo striscione «Israele dovrebbe essere cancellata dal mondo». Parla il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad. Il colonnello Vittorio Maria Boccia, addetto per la Difesa dell’ ambasciata italiana in Iran, ex comandante del 41° reggimento Cordenons (schierato anche in Iraq), è tra gli spettatori. Si tratta della parata annuale in commemorazione della guerra contro l’ Iraq (1980-88) tenutasi il 21 settembre a Teheran. L’ attaché italiano stava seduto alla destra dell’ addetto militare dell’ ambasciata tedesca. Lo ha fotografato un reporter dell’ agenzia iraniana Isna. L’ immagine è stata diffusa su Internet.

Ieri, per la prima volta, al telefono con il Corriere, un portavoce del ministero degli Esteri italiano ha ammesso la presenza del diplomatico alla parata. Gli attaché italiano e tedesco sono i soli dell’ Unione europea ad aver partecipato alla sfilata (della Nato c’ era anche la Turchia). La presenza dell’ addetto militare tedesco ha provocato nei giorni scorsi uno scandalo. Il governo e i media israeliani sono stati molto critici. Gli americani hanno fatto sapere di essere irritati. La Germania fa parte del gruppo 5+1 che tratta con Ahmadinejad per impedirgli di proseguire nel programma nucleare.

La foto della parata militare dell'Iran. Nel riquadro a sinistra compare il Colonnello Vittorio Maria Boccia

La parata militare in Iran: nel riquadro a sinistra compare il Colonnello Vittorio Maria Boccia

La scelta di inviare l’ attaché è stata vista, da più parti, come un gesto di amicizia stretta e l’ attenzione dei media si è spostata sugli affari – tuttora consistenti nonostante le sanzioni – della Germania, il primo esportatore mondiale in Iran (l’ Italia invece è il primo importatore; acquista petrolio greggio e gas naturale). Il ministro degli Esteri Frank-Walter Steinmeier ha convocato l’ ambasciatore tedesco Herbert Honsowitz a Berlino il 29 settembre. Honsowitz ha dovuto spiegare come mai aveva deciso di mandare un suo uomo all’ imbarazzante sfilata. Pochi giorni fa, il ministro degli Esteri Franco Frattini ha criticato Romano Prodi, perché aveva incontrato Ahmadinejad («Io non l’ avrei fatto»).

In quest’ occasione, invece, la Farnesina ha spiegato che «era informata del fatto che l’ addetto militare avrebbe preso parte alla parata» e che «non esiste nessuna linea comune europea sulla partecipazione o meno a una simile sfilata militare». C’ era solo «un’intesa dell’ Unione europea che qualora la parata fosse diventata occasione di manifestazioni ingiuriose, gli addetti militari eventualmente presenti manifestassero il proprio dissenso e decidessero di andarsene». All’ apparire degli slogan anti israeliani, il colonnello Boccia ha «platealmente fatto capire di volersene andare» – spiega la Farnesina – «alzandosi, sbracciandosi, girando le spalle e girando i tacchi». Ma non gli è stato «fisicamente possibile» per «ragioni di sicurezza» e di «protocollo».

La spiegazione non soddisfa l’ ambasciata d’Israele in Italia, che era al corrente del caso e ha già espresso alla Farnesina «il nostro disappunto che il rappresentante di uno Stato amico come quello italiano abbia partecipato alla parata militare di uno Stato che chiama alla distruzione di Israele e sostiene il terrorismo. La partecipazione a un evento di questo genere che minaccia la nostra esistenza dà legittimità alla politica del regime iraniano».

Mazza Viviana

(Fonte: Corriere della Sera, 21 Ottobre 2008, pag. 15)

Frattini, per noi Hamas resta organizzazione terroristica

Frattini, per noi Hamas resta organizzazione terroristica

GUBBIO, 11 set – ”Per noi e’ chiaro che Hamas resta un’organizzazione terroristica”. A sottolinearlo e’ il Ministro degli Esteri, Franco Frattini, che coglie la sua presenza alla Scuola di formazione di Forza Italia di Gubbio per precisare la posizione dell’Italia sul Medio Oriente, anche alla luce del suo incontro di stamane con il collega siriano Walid Moallem.

”Noi – ha aggiunto Frattini – siamo convinti che la linea dell’Ue di avere una lista di organizzazioni terroristiche sia quella giusta. Certo auspichiamo un dialogo diretto fra Siria e Israele – ha detto il titolare della Farnesina – ma deve essere chiaro che riteniamo l’attivita’ di Hamas nella Striscia di Gaza e nei confronti di Israele come quella di un’organizzazione terroristica”.

(ASCA, 11 settembre 2008 )