Fiamma Nirenstein: “Non parteciperò al dibattito con Gad Lerner alla Fiera del Libro di Torino”

Fiamma Nirenstein: “Non parteciperò al dibattito con Gad Lerner”

Mercoledì sera durante “L’Infedele”, la trasmissione tv di Gad Lerner su La 7 (nella foto la locandina della puntata in questione), il professore Gianni Vattimo, sostenendo che non c’è niente di strano e che è anzi oggi dovuto dare agli ebrei di nazisti o di fascisti quando questo corrisponda (secondo lui) a verità, ha fatto questo esempio: “Il povero Vauro è stato punito dall’Ordine dei Giornalisti per aver accusato Fiamma Nirenstein di essere fascista: ha fatto benissimo, perché la Nirenstein è fascista e più che fascista…”. Gad Lerner non ha battuto ciglio, non ha reagito in nessun modo se non dicendo “non lo dica a noi, abbiamo fatto una puntata intera del programma sulla cancellazione dell’Ordine dei Giornalisti”. Non ha sentito neppure il dovere di invitare il suo ospite a moderare le ingiurie in assenza della diretta interessata. Lo considero quindi, in quanto direttore e conduttore della trasmissione, responsabile delle accuse che mi sono state rivolte. Fra gli ospiti ha reagito soltanto, da New York, il corrispondente de “La Stampa” Maurizio Molinari che ha spiegato che Vauro aveva posto sul mio petto una stella di David e un fascio, ricalcando così uno stereotipo più volte usato, quello che rovescia la colpa degli oppressori sugli oppressi, con un evidente intento antisemita. Non è questa la sede per chiosare il contenuto stantio e fuorviante di quasi l’intero programma di Lerner, che considero profondamente fuorviante per l’informazione su Israele. Ma questa è la mia opinione personale. (Tra l’altro, Vattimo ha dimostrato più volte di avere una visione di Israele ricca di pregiudizi e frasi fatte, vi ricordo questa).

Voglio solo rilevare che l’intenzionale noncuranza del conduttore di fronte alla diffamazione nei miei confronti è moralmente e culturalmente gravissima e anche evidentemente infiammatoria. Intanto, non parteciperò con lui alla prevista presentazione dell’importante libro del professore Della Pergola previsto alla Fiera del Libro di Torino. Me ne dispiaccio, ma non intendo sedermi con chi non reagisce a casa sua alla peggiore delle diffamazioni gratuite nei miei confronti, oltretutto da parte di una persona notoriamente squilibrata sull’argomento mediorientale. Naturalmente parteciperò con tutta me stessa a tutti gli altri eventi della Fiera del Libro e all’inaugurazione a cui interverrà il Presidente della Repubblica.

Fiamma Nirenstein

La ‘satira’ di Vauro non ferma la Nirenstein

La ‘satira’ di Vauro non ferma la Nirenstein

di Dimitri Buffa

Antisemitismo di sinistra e maschilismo. La sinistra antagonista che fa riferimento al “Manifesto” e in parte anche a “L’Unità” non ha paura di infrangere qualsivoglia tabù politico e culturale pur di combattere il nemico politico. Non l’avversario. E quando il “nemico” è per caso anche ebreo e donna, i vignettisti alla Vauro non esitano a mettere sul tavolo i più biechi simbolismi e stereotipi del settore.

Così avendo deciso la giornalista e scrittrice Fiamma Nirenstein di candidarsi alle prossime elezioni con il Popolo della Libertà di Silvio Berlusconi, immediatamente è stata associata nella satira di cui sopra, ma anche in titoli di giornali come “il Lavoro” di Genova (inserto locale domenicale della “Repubblica” che spara in prima pagina “l’ebrea Nirenstein per An nel PdL”), alle reminiscenze del ventennio che portò l’Italia alla seconda guerra mondiale.

Per di più Vauro in una vignetta che una settimana orsono troneggiava sulla prima pagina del “Manifesto” ha disegnato la Nirenstein come una sorta di mostro Frankenstein, con sul petto la stella di Davide e il fascio littorio, sottolineando la bruttezza di tutto ciò anche nelle fattezze di donna. Tutto perché avrebbe accettato di candidarsi nello stesso schieramento dove è in lista il fascistone d’antan Giuseppe Ciarrapico.

Di questi argomenti, e dei riflessi condizionati antisraeliani e antiebraici di certa sinistra, si è parlato oggi alla Fondazione Magna Carta in una conferenza stampa che la stessa Nirenstein ha tenuto insieme a Magdi Allam (tempo fa anche lui vittima di Vauro in una vignetta sciorinata durante una trasmissione di “Anno zero”, in cui i suoi scritti sul “Corriere della Sera” venivano assimilati alle bombe dei kamikaze islamici), al deputato uscente (e non rientrante) del Partito Democratico Peppino Caldarola e a Riccardo Pacifici, portavoce e vicepresidente della comunità ebraica romana.

La Nirenstein è stata intervistata sui riflessi di questa ignobile vignetta di Vauro anche dalla tv israeliana e l’Anti Defamation League ha preteso le scuse, in realtà mai giunte, del quotidiano comunista per antonomasia in Italia.

E’ noto che il “Manifesto” alcune settimane orsono si era anche distinto per l’appoggio indiretto di alcuni suoi simpatizzanti e redattori con la campagna di boicottaggio al Salone del libro di Torino che quest’anno ha per ospite d’onore proprio lo stato di Israele per il sessantesimo anniversario della sua fondazione. La cosa però fu stoppata sul nascere dal coraggioso direttore storico, Valentino Parlato, che prese posizione in prima pagina in senso diametralmente opposto.

Mal gliene incolse a Parlato, che per questo coraggio, guarda caso, fu coperto di insulti dai lettori del quotidiano in questione e nei blog su internet. Dello stesso tipo di demonizzazione del dissenso soffre oggi la Nirenstein e prima di lei ne ha sofferto Magdi Allam, odiato anche lui dalla sinistra perché non incarna l’archetipo dell’islamico antioccidentale e anzi ha scritto un libro che si intitola “Viva Israele”. Totale? Grazie all’antisemitismo di sinistra che si salda con quello islamico terzomondista nel legittimare ben altre manifestazioni di odio e di violenza anche nel nostro paese, tanto Allam quanto la Nirenstein (e lo stesso portavoce della comunità ebraica romana Pacifici) da anni sono costretti a girare con la scorta.

Perché in Italia pensarla differentemente rispetto al pensiero unico antisraeliano può costare anche la vita. O può venire ripagato, come nel caso di Peppino Caldarola, con l’esclusione dalle liste del Partito democratico, che in questa tornata ha fatto fuori tutti i deputati e i senatori amici di Israele tranne Furio Colombo. Mettendo quest’ultimo comunque non in una parte favorevole del listone.

Nella conferenza stampa tutti hanno espresso alla Nirenstein la dovuta solidarietà per l’accaduto. Solidarietà arrivata anche da esponenti politici, ma limitatamente al PdL. Proprio la giornalista stessa ha lamentato infatti l’assenza di telefonate di cordialità da parte di qualsivoglia esponente della sinistra, sia del Pd sia della Sinistra arcobaleno.

Il processo di rimozione dell’antisemitismo casalingo è infatti forte almeno quanto i pregiudizi antisraeliani. E persino l’Unione delle comunità ebraiche italiane, per un malinteso senso di par condicio elettorale, non ha ancora manifestato la propria solidarietà a Fiamma. Qualche ebreo di sinistra, nel gruppo pacifista che fa riferimento a Martin Buber, l’ha addirittura insultata nel proprio forum on line definendola “un’utile idiota della destra che si candida con gli eredi di Almirante”.

L’Occidentale.it