Libano: accoglienza trionfale per Samir Kuntar nel suo villaggio natale

Libano: accoglienza trionfale per Samir Kantar nel suo villaggio natale

Portato in spalle come un campione, Samir Kantar ha fatto ritorno nel suo villaggio natale di Aabey, nel sud del Libano.

Rilasciato insieme ad altri quattro libanesi che erano detenuti nelle carceri israeliane, Kantar è stato accolto dal leader druso Walid Jumblat, che durante la cerimonia si è seduto accanto a un esponente di Hezbollah. A significare che gli attriti tra le fazioni libanesi sono temporaneamente accantonati, il tempo di festeggiare quella che è rivendicata come una vittoria di tutto il paese su Israele.

Che questo sia il senso dell’accoglienza trionfale riservata agli ex prigionieri lo ha detto senza mezzi termini il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, durante la cerimonia che si è svolta ieri sera a Beirut.

Prosegue intanto la marcia dei camion carichi delle spoglie di duecento guerriglieri, palestinesi e libanesi, ultimo atto dello scambio concordato tra Libano e Israele. Una volta a Beirut, sarà organizzata una cerimonia in onore di quelli che sono considerati alla stregua di martiri.

Euronews

Libano: catturati iraniani, combattevano a fianco di Hezbollah

Libano: catturati iraniani, combattevano a fianco di Hezbollah – Yalibnan

Anche se gli Hezbollah si sono ritirati – per loro scelta (e quindi potrebbero ritornare e riprendere le ostilità) – da Beirut, con l’appoggio iraniano/siriano il gruppo terrorista libanese sta combattendo sulle colline circostanti.

Le mie fonti esclusive dei servizi segreti libanesi mi confermano che che un certo numero di terroristi combattenti di Hezbollah sono stati presi, nel corso del fine settimana e che non è in grado di parlare arabo, ma soltanto Farsi. Si tratta di iraniani e si sono qualificati o sono stati identificati da terzi come membri dei Guardiani della rivoluzione iraniana. Lo stesso gruppo che, sotto Khomeini, ha assunto si impadronì dell’ambasciata degli Stati Uniti a Tehran e tenne in ostaggio in Iran per oltre 444 giorni dei civili americani.

Come ho segnalato, la settimana scorsa, il capo dei Drusi, Walid Jumblatt, ha chiesto la fine dei voli in Libano dall’Iran. Sostenuto che probabilmente questi voli sono stati usati per trasportare i combattenti iraniani e le loro armi in Libano per una grande operazione ed un cambio del potere.

Ora, i suoi timori sono confermati.

Di nuovo, i membri dei Guardiani della rivoluzione iraniani stanno combattendo in nome di Hezbollah sul territorio libanese, nei pressi di Beirut.

L’Iran sta ampliando la condizione provvisoria di territorio satellite, dal sud del Libano all’intero paese. Dove è George Bush in questo frangente? Nessuno l’ha visto.

Debbie Shlussel – Yalinan – Traduzione Hurricane 53

Liberali per Israele